Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 7 marzo 2018

Slovacchia - la 'Ndrangheta usa il suo strumento principe più antico in fase giurisprudenziale riesce a sfuggire alle prove di colpevolezza

SLOVACCHIA: ‘Ndrangheta, business e politica, l’ultimo articolo di Ján Kuciak


La versione in lingua originale dell’articolo di Ján Kuciak è presente sul sito di Aktuality.sk e la troverete a questo link. Di seguito l’articolo pubblicato postumo, integrale perché qui riportato per intero, ma incompleto perché non è riuscito a finirlo. 

Quattordici anni fa, un italiano di nome Carmine Cinnante arrivò nella città di Michalovce. Una mattina partì sulla sua Fiat da un paesino di Novosad, circa a 40 chilometri da Michalovce, dove viveva con la fidanzata Lýdia. Cinnante era diretto in l’Italia. Era stato raggiunto da uno slovacco di nome Ján a cui avevo promesso un lavoro. In quell’epoca nel distretto di Michalovce, una persona su quattro in età lavorativa era disoccupata.

Mentre la coppia stava viaggiando su una strada di campagna, sulla strada principale tra i villaggi di Postorov e Ostrov nel distretto di Sobrance, hanno notato una pattuglia della polizia. Improvvisamente, la loro Fiat Punto con targa italiana fece inversione di marcia. Il poliziotto si insospettì del comportamento, fece accostare la macchina e la controllò. Sul sedile posteriore trovarono una valigetta nera contenente una pistola, 50 proiettili e una rivista.

Era un’automatica modello 26 con puntatore laser ma con il numero di serie cancellato. Secondo gli esperti, la valigetta era stata appositamente realizzata per nascondere la pistola. Cinnante venne accusato di possesso illecito di armi, e il giudice del distretto di Michalovce lo sentenziò a due anni di libertà vigilata. All’epoca, il pubblico ministero descrisse l’italiano come “un imprenditore agricolo con affari in Slovacchia“.

I tentacoli raggiungono gli uffici governativi

Qualche mese più tardi, la polizia italiana arrestò Cinnante. La ragione fu traffico d’armi verso l’Italia per il boss Guirin Iona. Iona era a capo della cosca dei Belvedere Spinello, parte della ‘Ndrangheta, una delle mafie economicamente più forti in Italia. Da quanto risulta dai documenti dell’indagine, anche Carmine Cinnante ne era membro. Un uomo che le autorità slovacche riconoscevano come un semplice imprenditore agricolo.

Ma Cinnante non è l’unico italiano con legami con la mafia che ha trovato nella Slovacchia la sua seconda casa. Queste persone hanno incominciato a fare affari, ricevere sussidi, gestire fondi europei, e in special modo a intessere relazioni con influenti uomini politici, fino a raggiungere gli uffici governativi della repubblica slovacca, ma in Italia hanno avuto numerosi problemi con la legge.

Con il supporto della mafia

Gli interessi dei mafiosi Carmine Cinnante e Antonino Vadalà si concentrarono su una cooperativa agricola tra i villaggi di Dvorianka e Parchovany, nel distretto di Trebišov. Anche Vadalà aveva avuto problemi con la polizia. Lunedì 3 febbraio 2003, la corte di Reggio Calabria, sentenziò nove imputati in un caso che riguardava un’altra cosca, il clan Libri. Il clan Libri era uno dei più potenti della ‘Ndrangheta. Tra gli accusati c’erano Antonino Vadalà, originario di Bova Marina.

Secondo gli investigatori italiani fu Vadalà, che su richiesta del clan, aiutò Domenic Ventura – condannato per il brutale omicidio di un membro di una cosca rivale – a scappare e nascondersi. La polizia italiana intercettò la conversazione telefonica tra Antonino Vadalà e Francesco Zindato, il boss del clan, in cui gli uomini discutevano dettagli dell’intervento. Però nel 2003, Vadala fu rilasciato per mancanza di prove.

In un altro caso, una sentenza descrisse un episodio, quando Antonino Vadalà e altri due uomini viaggiavano verso Roma per “punire” fisicamente un uomo non identificato che “aveva causato problemi al clan”. “Affidava i compiti [il boss Francesco Zindato] alle persone più fidate, tra cui Antonino Vandalà”, spiegò il giudice. Quando Vadalà affrontò le accuse in Italia non si presentò in corte per ascoltare il verdetto. Trovò rifugio in una nuova casa nell’est della Slovacchia. Vadalà diventò un imprenditore del campo agricolo, poi si spostò nel campo immobiliare e in quello energetico. Diventò una delle figure più distinte della comunità italiana in Slovacchia.

Imprenditore nel campo energetico

Nel 2009, emerse un’informazione relativa al fatto che uno sconosciuto uomo d’affari italiano, Antonino Vadalà, pianificava di costruire due fabbriche nel parco industriale di Lučenec per un valore di 70 milioni di euro. Sebbene il progetto fosse poi stato cancellato, Vadalà divenne un “imprenditore del campo energetico”. Venne definito così dall’ex ministro Pavol Rusko, oggi accusato di essere il mandante di un omicidio. Paradossalmente, conobbe Vadalà attraverso il capo consigliere di stato Mária Trošková, che lavora in stretto contatto col primo ministro Robert Fico.

“Lei lavorò per noi per circa tre mesi. È stato tanto tempo fa, circa quattro anni. Ma poi, incontrò un altro imprenditore di origini italiane, che, tra le altre cose gestiva impianti ad energia solare, ed andò a lavorare per lui”, disse Rusko in un’intervista pubblicata nel 2016. Il fatto che la sua carriera continuasse con Fico nell’ufficio governativo non lo sorprese molto: “Beh, non pensavo sarebbe stato così veloce, ma non mi sorprese, perché lei capì molto in fretta come si fanno le cose nella vita.”

Trošková e Jasaň

Nell’agosto del 2011, Vadala e Mária Trošková fondarono la GIA MANAGEMENT. Trošková lasciò la compagnia dopo un anno e più tardi diventò assistente del parlamentare Viliam Jasaň. Jasaň non voleva raccontare ai media dove aveva conosciuto questa donna, meglio nota alle cronache come modella e finalista di Miss Universo nel 2007. Disse solo che gliel’aveva raccomandata un amico. “Mi lasciò un assistente che lavorava per me e un amico mi ha raccomandato questa donna”, dichiarò Jasaň al quotidiano Nový Čas. Rifiutò di confermare se quest’amico fosse Antonino Vadalà.

Comunque, in meno di un anno – nel marzo del 2015 – Mária Trošková lasciò l’ufficio di Jasaňe incominciò a lavorare per nientemeno che il primo ministro Robert Fico, all’ufficio governativo. Un anno dopo, Jasaň si unì a loro. Il primo ministro lo nominò direttore dell’ufficio e segretario del consiglio di sicurezza statale. Jasaň, ricevette anche l’autorizzazione ai più alti livelli di sicurezza. Come segretario del consiglio fa rapporto direttamente a Fico. Jasaň partecipa agli incontri del consiglio di sicurezza, scrive rapporti per Fico ed è responsabile della documentazione delle attività del consiglio. Quindi, lui ha accesso a tutti i documenti e alle informazioni del consiglio, il cui compito è assicurare la funzionalità del sistema di sicurezza del paese, e in tempo di guerra assumere poteri governativi. Comunque, Jasaň ha dimostrato di avere legami con l’uomo che ha lavorato direttamente per la mafia italiana.

La relazione tra Jasaň e Vadalà può essere dimostrata attraverso le attività imprenditoriali. Il politico di SMER-SD possedeva una compagnia privata di sicurezza, Prodest. Vadalà e i suoi colleghi ne avevano preso possesso di recente. A parte questo, il figlio di Jasaň, Slavomír ha ancora una joint venture, AVJ Real, in comune con gli italiani. Inoltre, quando una delle compagnie di Vadalà è fallita, lui dichiarò che una compagnia di sicurezza in cui Jasaň e suo figlio Slavomír erano stati convolti in passato gli dovesse dei soldi. Questo significa che due persone vicine all’uomo che arrivò in Slovacchia come accusato di associazione mafiosa hanno accesso quotidiano al primo ministro slovacco Robert Fico, che le ha scelte personalmente.

Vadala vota SMER

Oltre a Jasaň e Trošková, si possono rintracciare ulteriori legami tra Antonino Vadalà e la politica, in particolar modo SMER-SD. Per esempio, la contabile di Vadalà, Monika Čorejová ha corso per il parlamento regionale in passato. Vadalà stesso supporta attivamente SMER-SD, principalmente sostenendoli sui social network. Elogia Fico con i suoi amici italiani, difende il ministro Kaliňák dalle critiche dell’opposizione e supporta con forza Richard Raši dello SMER-SD nella campagna per la presidenza della regione autogovernata di Košice.

Nel giorno delle elezioni, il 5 marzo 2016, Vadalà proclamava: “Oggi votiamo tutti il numero 16 di SMER e possiamo essere sicuri che da domani la Slovacchia sarà in buone mani”. Durante la campagna dichiarava apertamente di voler presenziare alla conferenza di SMER a Košice. Scrisse pubblicamente a Raši dicendo che “si sarebbero visti” lì. Chiamò SMER “il nostro partito”. Quando l’odierna coalizione di governo venne realizzata, per Vadalà fu motivo di celebrazione.

Proiettili e corona funebre

Vadalà e i suoi amici italiani hanno avuto problemi con la legge anche in Slovacchia. Nonostante numerosi processi penali a loro carico, comunque, evitano la giustizia con successo. Qui sotto qualche esempio di procedimenti penali, tra cui estorsione ed evasione fiscale. Aktuality.sk insieme ai propri partner ha ricostruito i casi grazie alla polizia e ai documenti giudiziari, ottenuti in accordo all’atto di acceso libero all’informazione.

Il caso numero 1 ha avuto luogo nell’est della Slovacchia nel 2013. Una mattina d’autunno gli impiegati di una compagnia della cittadina di Trebišov hanno ricevuto una strana consegna al loro ingresso. C’era una borsa che penzolava dalla cancellata, contenente fiammiferi, 10 proiettili e una corona funebre. Era avvolta in un pezzo di carta con scritto “Jerard”. Era una storpiatura del nome del boss Gerhard. Doveva essere un avvertimento da parte di un competitore che seguì ad alcune minacce di morte. Il nome finto Jerard era usato da un italiano che diceva di vantare dalla compagnia circa 40 ettari di terra coltivabile. In un primo momento Jerard ignorò l’avvertimento. Poi riportò l’accaduto alla polizia quando anche un suo trattorista venne minacciato di morte. Dopo due anni di indagini, un parente di Antonino, Sebastiano Vadalà venne finalmente imputato in un procedimento per estorsione da parte della corte distrettuale di Trebišov. Secondo il pubblico ministero Peter Prokopovič, Sebastiana Vadalà minacciò di uccidere al manager della compagnia e mimò con le mani l’atto di tagliare la gola dell’uomo. Minacciò il trattorista dicendo: “Sparerò facendo fuori chiunque lavorerà su quel campo e brucerò il trattore.” Questo perché la compagnia coltivava un campo che gli italiani volevano per i loro affari. Alle autorità non è mai interessato chi fosse il detentore legale del terreno.

Insufficienza di prove

Oltre alla testimonianza, la compagnia diede come prova anche la sopracitata consegna speciale per Jerard. Gli esperti hanno dimostrato che tutti e 10 i proiettili erano pronti per essere utilizzati ed avrebbero potuti essere di proprietà solo di un detentore di un regolare porto d’armi. Un video della telecamera di sicurezza della compagnia sembrava mostrare una visita di Vadalà durante la quale minacciò verbalmente Gerhard. Vadala negò le accuse. Lui e il suo avvocato Marek Švingál, dichiararono alla corte che all’epoca dei fatti non si trovava a Trebišov, ma a Michalovce. Il fatto fu confermato da Švingál, dal contabile di Vadalà e da un altro italiano.

La corte distrettuale di Trebišov e più tardi anche la corte regionale di Košice dichiararono che le prove a carico di Sebastiano Vadalà erano insufficienti. Lo scorso anno venne assolto da tutte le accuse. Milan Petričko, giudice della corte distrettuale di Trebišov, scrisse che: “Non è stato provato che l’atto per cui l’accusato è stato perseguito fosse realmente accaduto.” Secondo il giudice, l’accusa basata sulle sole testimonianze non era abbastanza per condannare Vadalà. Nemmeno la borsa, la corona funebre né la registrazione video sono stati menzionati nella sentenza. Il pubblico ministero fece appello alla decisione della corte, argomentando che il giudice: “Decise in maniera errata rispetto alla situazione probatoria, le prove schiaccianti furono ignorate, e la sua decisione si basò su conclusioni parziali e soggettive.”

Il rappresentante dell’amministratore della compagnia, che fu vittima di estorsione, obiettò che la corte considerava valida la testimonianza di Marek Švingál, sebbene questi fosse l’avvocato dell’imputato durante la fase preliminare del procedimento. Questo significa che era a conoscenza delle prove raccolte dalla polizia durante il procedimento. Anche la testimonianza di Švingál venne probabilmente condotta contro la legge. Vadalà disse agli inquirenti che non parlava né capiva lo slovacco e che quindi non avrebbe potuto minacciare la vittima. Ma questo fu negato da diversi testimoni. Inoltre, Sebastiano Vadalà, in un altro caso, due anni più tardi si descrisse in corte come: “Un cittadino italiano che vive in Slovacchia da tempo e che capisce la lingua slovacca.” Il senato della corte regionale di Košice, guidato da Marek Dudík, comunque, rigettò l’appello e confermò che Vadalà avrebbe dovuto essere assolto da ogni accusa.


Nel secondo caso, che riguardava evasione fiscale, Antonino Vadalà fu direttamente coinvolto. Il caso riguardava presunte transazioni speculative connesse a tre appartamenti nella città di Bratislava, nel distretto di Petržalka. L’intero caso iniziò nel 2011 e si concluse un anno dopo. Il proprietario originario degli appartamenti era l’italiano Antonio Palombi, più precisamente la sua compagnia, ALTO. Nel 2011, comunque, la proprietà degli appartamenti incominciò a cambiare – nel corso di diversi mesi furono prima traferiti alla compagnia GENNA e poi a un’altra compagnia, AV-REAL. Vadalà lavorava con la prima, mentre l’altra la gestiva all’epoca dei trasferimenti. Tre anni dopo l’accordo, Palombi si presentò alla polizia dicendo che Vadalà non lo aveva pagato per l’acquisto degli appartamenti. Secondo il file della polizia che abbiamo ottenuto sulla base dell’atto di libero accesso all’informazione, Palombi dichiarò che Vadalà l’aveva ingannato.

Questo fu come il settimanale Plus 7 dní riportò il caso nel 2015. Ma la realtà era leggermente diversa. Infatti, Palombi e Vadalà si erano accordati sul trasferimento dell’appartamento senza un reale pagamento, e che gli appartamenti sarebbero infine diventati di proprietà della compagnia KANNONE s.r.o. posseduta da entrambi. Lo scopo dell’accordo era che la AV-REAL di Vadalà, la terza compagnia della catena, avrebbe avuto diritto a un’esenzione fiscale con diritto di deduzione IVA per un ammontare di circa 80,000 euro. Palombi lo ammise alla polizia come testimone e vittima allo stesso tempo. “Lui disse che Antonino Vadalà gli suggerì di trasferire gli appartamenti all’AV-REAL attraverso la GENNA Ltd. perché questa compagnia lavorava nel settore immobiliare, e ALTO non pagava l’IVA. GENNA poi avrebbe dovuto trasferire gli appartamenti per un prezzo maggiore. In questa maniera, essendo AV-REAL obbligata a pagare l’IVA, la differenza sarebbe stata dedotta dalla vendita”, annotò il poliziotto che interrogò Palombi.

Rimborsi IVA

Palombi ha ripetuto numerose volte che il prezzo di 360,000 euro era solo immaginario. Infatti, gli appartamenti sarebbero dovuti tornare a lui. “Il sospetto disse che se avesse preso gli 80,0000 euro d’IVA, avrebbe traferito gli appartamenti alla KANNONE s.r.o. Così facendo sarebbero tornati alla compagnia di proprietà del querelante”. Nella denuncia, Palombi scrisse che avrebbe dovuto ricevere anche una parte del rimborso IVA. “Il sospetto gli disse che gli appartamenti sarebbero stati venduti alla compagnia GENNA. Spiegò che GENNA avrebbe richiesto il rimborso IVA, metà del quale sarebbe dovuto tornare al querelante” racconta il file della polizia. Vadala negò tutto agli inquirenti – non sapeva di alcun accordo e avrebbe comprato gli appartamenti in maniera regolare.

Il procedimento penale fu interrotto, il pubblico ministero dichiarò che non era stata commessa alcuna frode ai danni di Palombi, perché entrambi avrebbero potuto cooperare nella frode. Sottolineò che se un crimine era stato commesso, riguardava la truffa del rimborso dell’IVA e che il caso si sarebbe dovuto trattare come un’evasione fiscale e assicurativa. Scrisse letteralmente: “La reale intenzione degli individui coinvolti nel trasferimento rende impossibile determinare obiettivamente la loro possibile, volontaria o involontaria, cooperazione per la presunta evasione fiscale perché è possibile aspettarsi da loro testimonianze date con l’intenzione di difendersi dal sospetto di altre attività criminali.” Palombi inizialmente chiese alla corte la restituzione degli appartamenti – in una disputa commerciale che era in corso dal dicembre del 2004. Ma come emerge dalle sentenze della corte, decise di non perseguire la sua richiesta del febbraio dello scorso anno. La corte distrettuale di Bratislava V interruppe i procedimenti in marzo. Non fece riferimento al perché Palombi cambiò idea nei due anni successivi. Si rivolse alle autorità alcuni anni dopo – quando emerse che Vadalà, oltre a non restituirgli gli appartamenti, non gli avrebbe risarcito neanche la sua parte di rimborso IVA. In questo caso l’indagine non ha ancora portato all’imputazione di Antonino Vadalà. Recentemente due delle sue compagnie sono andate in banca rotta con debiti fiscali di oltre 100,000 euro.

Grande famiglia italiana

Antonino Vadalà e Carmine Cinnante non agiscono da soli in Slovacchia. Nell’est del paese – dopo mutua coordinazione – operano quattro rappresentanti originari della grande famiglia calabrese. A parte i Vadalà e i Cinnante, ci sono anche le famiglie Roda e Catroppa. L’agricultura è diventato il loro ambito d’affari privilegiato in Slovacchia. Loro hanno posseduto o ancora possiedono dozzine di compagnie.

Le loro proprietà valgono decine di milioni di euro. Gestiscono centinaia di migliaia di ettari di terra, per i quali ricevono milioni in sussidi. Solo tra il 2015 e il 2016, le compagnie intorno alle famiglie hanno gestito più di 8 milioni di euro in pagamenti diretti dall’agenzia per i pagamenti agricoli (PPA). E centinaia di migliaia di euro da altri progetti sotto forma di sussidi. La titolarità di questi pagamenti è altrettanto discutibile. Aktuality.sk insieme ad altri partner ha documentato numerosi casi di violazione delle regole. In un caso, una compagnia ha chiesto pagamenti fino a otto volte superiori all’area sulla quale effettivamente lavoravano. In un altro caso, hanno chiesto pagamenti per aree per le quali non pagavano l’affitto e che non avevano il diritto di utilizzare.

Inoltre, il rappresentante di uno di queste compagnie italiane ha falsificato la decisione del PPA per persuadere la banca che avrebbe presto ricevuto il denaro. Altro denaro pubblico è stato raccolto sotto l’influenza degli italiani per centrali elettriche a biogas. Tre compagnie della famiglia di Diego Roda, per esempio, hanno ricevuto 8,3 milioni di euro dal 2012 al 2017. L’ufficio dei regolatori del network (URSO) li ha multati nel 2015, perché nel rapporto obbligatorio hanno sovrastimato l’ammontare di energia prodotta dalla loro centrale elettrica a biogas. L’ammontare dei sussidi dipende dall’ammontare dell’energia prodotta.

Da dove viene il denaro

Il riciclo di denaro è il business più grande per la ‘Ndrangheta all’estero. L’obiettivo è ripulire il denaro e fare impresa in modo da farlo sembrare legittimo. Questo può includere la partecipazione di terze parti come prestanome di compagnie, esportazione di prodotti sovra-prezzati, o fare pressione sui competitori. Il clan Libri, con cui Vadalà ha collaborato, è uno dei più influenti nella provincia di Reggio Calabria, e ha una parte sostanziale delle sue attività all’estero. I loro affari hanno diverse forme, perché il clan è particolarmente impegnato nel finanziamento di imprese internazionali.

Ciononostante, non ci sono prove che uno dei soggetti summenzionati abbia riciclato denaro in Slovacchia. Così come non ci sono dubbi sull’origine del denaro usato dalle famiglie italiane qui menzionate. Dai documenti che abbiamo raccolto, è chiaro che una sostanziale parte del denaro viene dall’Italia. Antonino Vadalà appare in sette sentenze di corti slovacche, in cui si dimostra che ha ricevuto denaro da persone in Italia. Il denaro è stato dato a Vadalà in contanti perché così lo aveva chiesto.

Traffico di cocaina

In un caso il denaro fu utilizzato per comprare una cooperativa agricola in Slovacchia. Siccome le persone che hanno dato il denaro non hanno avuto benefici dallo scambio, hanno iniziato a chiedere indietro il denaro a Vadalà. Lui ha dichiarato in corte che non doveva nulla agli altri italiani, e che aveva firmato la dichiarazione in cui raccontava l’opposto perché sotto pressione.

Le compagnie dei fratelli Roda, stabilite in Slovacchia negli anni ’90, hanno ricevuto una quota sostanziale del capitale azionario da compagnie omonime dal loro paese natale di Condofuri, in Italia. Queste sono le compgnie CO.BE.R. (Diego Roda) e TRA.CE.R. (Antonio Roda), che hanno compagnie sorelle con lo stesso nome in Italia. Nel loro report annuale, dal 2000 le compagnie slovacche si impegnano nell’assistenza finanziaria delle altre in Italia, così come la loro intera produzione torna nella terra natale. CO.BE.R. conferma persino nella sua dichiarazione finanziaria che è stata creata con investimenti esteri con il 100% della quota capitale in Italia.

In Italia, Pietro Roda, fratello di Antonio e Diego, agisce come rappresentante della compagnia di famiglia TRA.CE.R. È anche coinvolto in riciclo di denaro per una sezione della ‘Ndrangheta chiamata El Dorado. La polizia lo arrestò nel 2013 durante un’operazione contro il clan mafioso dei Gallicianò. È stato accusato di associazione mafiosa (un crimine specifico della legislazione italiana) e riciclo di denaro. Nel 2014, tuttavia, la Cassazione l’ha assolto per mancanza di prove. Nel 2017, i nomi dei famigliari di Antonino Vadalà apparvero in un mandato d’arresto per 18 membri di un clan che avrebbe dovuto trafficare centinaia di chili di cocaina in Europa per conto della ‘Ndrangheta. I Vadalà sono solo menzionati nel mandato d’arresto. I dettagli sul caso non sono ancora noti.

Ján non è stato in grado di finire l’articolo.

Nessun commento:

Posta un commento