Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 9 aprile 2018

Prossimo presente governo M5S-Centrodestra - il cambiamento non si produrrà da Arcore, che è ormai residuo e non capirlo ti fa capire di quanto è immaturo il movimento 5 stelle, e infatti dipende da Di Maio Salvini, mettersi seduti per un programma di legislatura ora adesso subito

9 APRILE 201816:44
Salvini: "M5s smetta di mettersi al centro del mondo" | Di Maio: "Ha 0% governo con Berlusconi-centrodestra"
Il segretario della Lega: "Ora il leader M5s mi interessa meno di zero"


Parte male il dialogo Salvini-Di Maio su un possibile governo M5s-centrodestra. "Gli italiani chiedono di fare. Ci sono il 51% di possibilità di fare un governo tra centrodestra e 5 Stelle", ha detto il segretario leghista. Ma il leader M5s ha risposto: "C'è lo 0% di possibilità che il Movimento vada al governo con Berlusconi e con l'ammucchiata di centrodestra". Controreplica di Salvini: "Di Maio, in questo momento, mi interessa meno di zero".

Di Maio, in questo momento, mi interessa meno di zero MATTEO SALVINI PORDENONE

"Se Di Maio, come a parole dice, vuole rispettare il voto degli italiani, l'unico dialogo possibile è tra Lega e 5 stelle. Lui parla di nuovo, se per nuovo intende andare a colazione con Renzi o con la Boschi è uno strano concetto di nuovo", ha spiegato Salvini. "Di veto in veto in veto non si va lontani, bisogna rispettare il voto degli italiani. Io ho voglia di dialogare, ho voglia di costruire e ho voglia di cancellare la legge Fornero, ridurre le tasse, espellere un po' di clandestini: ci proverò fino all'ultimo, se non fosse possibile la parola torna agli italiani".

Salvini: "51% possibilità governo centrodestra-M5s" - "Ci sono il 51% di possibilità di fare governo tra centrodestra e Cinquestelle", ha spiegato Salvini. "Di Maio - ha sottolineato ancora Salvini- vuole smetterla di dire come un bambino o faccio il premier o non gioco più e confrontarsi sui problemi veri del Paese, dalla disoccupazione alla povertà agli immigrati oppure no?", e in ogni caso "per noi ha ribadito Salvini - alla nascita di un governo politico serio che affronti i problemi del Paese la sola alternativa è tornare a votare. Non esistono altre soluzioni solo per far passare il tempo. Il Paese non se lo può permettere".

Di Maio: "Ha 0% governo con ammucchiata Berlusconi-centrodestra" - Non si è fatta attendere la risposta del M5s: "C'è lo 0% di possibilità che il Movimento 5 Stelle vada al governo con Berlusconi e con l'ammucchiata di centrodestra", ha scritto Di Maio su Twitter.

Controreplica del leader leghista: "Se arrivano solo no, di nuovo al voto" - "La risposta a Di Maio è la vita reale: significa che c'è una squadra che ha vinto, voglio dialogare, non voglio fare il premier a tutti i costi, sono disposto a parlare di programmi, ma se dall'altra parte arrivano solo no, si va a votare e gli italiani daranno il loro voto a chi si fidano di più e penso che saremo noi", ha affermato Slavini da Spilimbergo (Pordenone). "Sono cpronto a incontrare tutti, anche Di Maio. E non pretendendo di fare il premier. Ma se dall'altra parte ci sono arroganza, veti e supponenza non si va lontano", ha ribadito.

L'appello di Fico: "Occorre dialogare" - Sempre sul fronte Cinquestelle, è intervenuto anche il presidente della Camera, Roberto Fico. Bisogna dialogare, ha ribadito, "per cercare di risolvere i problemi che affliggono il Paese: dalla lotta alla povertà, alla corruzione fino all'obiettivo di annullare gli incidenti sul lavoro". "Auspico - ha poi ribadito - che i gruppi dialoghino per fare una governo che alla fine riesca a risolvere questi problemi, così come la gente ci chiede".

Nessun commento:

Posta un commento