Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 18 aprile 2018

Siria - Douma - non c'è stato nessun attacco chimico. Gli animali Macron e Gentiloni ci spieghino dove avevano le prove

Non c’è stato alcun attacco chimico, dicono i giornalisti americani e britannici in Siria

Maurizio Blondet 17 aprile 2018 


Il primo giornalista occidentale a visitare un ospedale siriano dove sono state trattate le vittime di un presunto attacco di “armi chimiche”, ha spiegato cosa è realmente accaduto

Riferendosi alla Siria, i due noti giornalisti affermano che non c’è stato alcun attacco chimico a Douma.

Il premiato giornalista britannico Robert Fisk ha detto che un medico dell’ospedale che ha curato le vittime di un presunto attacco di armi chimiche ha detto che non c’erano armi chimiche. Il dottore dichiarò che era un membro dei White Helmets che aveva dato il via a false notizie.

Il medico siriano ha poi aggiunto che i pazienti non sono stati superati dal gas ma dalla fame di ossigeno nei tunnel pieni di immondizia e negli scantinati in cui vivevano, in una notte di vento e bombardamenti pesanti che hanno scatenato una tempesta di polvere.

“Ero con la mia famiglia nel seminterrato della mia casa a trecento metri da qui la notte, ma tutti i dottori sanno cosa è successo. C’era un sacco di bombardamenti [da parte delle forze governative] e gli aerei erano sempre sopra Douma durante la notte – ma questa notte, c’era vento e nuvole di polvere enormi cominciarono a venire negli scantinati e nelle cantine dove vivevano le persone. La gente ha cominciato ad arrivare qui soffrendo di ipossia, perdita di ossigeno. Poi qualcuno alla porta, un “Casco bianco”, gridò “Gas!”, E cominciò un panico. La gente ha iniziato a gettare acqua l’una sull’altra. Sì, il film è stato girato qui, è autentico, ma quello che vedi sono persone che soffrono di ipossia – non intossicazione da gas “.

Il blog di Washington riporta: Robert Fisk – scrittore per l’Independent della Gran Bretagna per quasi 30 anni – spiega che il video delle vittime che lottano per respirare sono reali, ma che non hanno nulla a che fare con un attacco di armi chimiche:

Ecco una trascrizione:
sono appena stato nella città di Douma. Ho trovato la clinica in cui il film dei bambini ha schiumato alla bocca e l’acqua gettata contro di loro è stata fatta.

E ho parlato con il medico dell’ospedale, che in realtà parlava un ottimo inglese. E lui mi ha detto che il video è reale. Ma non soffrono di avvelenamento da gas.

Stanno soffrendo di ipossia (cioè insufficiente di ossigeno) a causa della quantità di polvere nelle gallerie in cui vivono. Le persone di tutto l’anno nella zona di Douma hanno vissuto sotto le loro case, nelle gallerie e negli scantinati.

E quella notte ci fu un bombardamento da parte dell’esercito siriano e dell’aeronautica russa. E ha prodotto un’enorme quantità di polvere e detriti nelle strade. E molte persone hanno trovato difficoltà a respirare.

E quando hanno raggiunto la clinica secondo il medico, qualcuno ha gridato “gas” … e sono stati colti dal panico.

Per saperne di più: Il primo giornalista occidentale in un ospedale siriano che ha trattato le vittime delle “armi chimiche” Spiega cosa accadde VERAMENTE

Non si è verificato l’attacco alle armi chimiche in Siria. Era una bufala, una falsa bandiera per giustificare gli attacchi aerei guidati dagli Stati Uniti, messi in scena dai ribelli

Secondo il blog di Washington : la giornalista americana Pearson Sharp ha una storia simile: nessuno dei residenti locali ha sentito nulla di un attacco di armi chimiche, e la gente del posto ha detto che i terroristi islamici hanno falsificato l’attacco per creare abbastanza caos e confusione da potrebbe scivolare fuori città:

Ciò sembrerebbe confermare ciò che dice l’ ex ambasciatore britannico in Siria.

Nessun commento:

Posta un commento