Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 23 aprile 2018

Siria - parrebbe che si sta preparando un nuovo attacco fantasma con i gas con conseguente ulteriori missili umanitari

Gli Stati Uniti vogliono aprire un secondo fronte in Siria…! ALEXANDER KOTS

Maurizio Blondet 22 aprile 2018 

Per attualizzare questo nuovo fronte, si ritiene che a Damasco i terroristi, possano mettere in atto di nuovo una “provocazione chimica“, dice il commissario militare russo Alexander Kots.

Diverse fonti siriane hanno riferito giovedì di attività senza precedenti dei vari gruppi jihadisti militanti nel sud della Siria .
Distaccamenti “al-Nusra“, “Free Syrian Army” e “rimanenze dell’ISIS” , arrivati lì nel sud da Deir ez-Zor, stanno attivamente cercando di espandere la loro area di intervento terrorista, attaccando le forze governative. E tutto questo accade nella zona di distensione a sud, dove deve essere osservato il regime del silenzio. Tuttavia, gli Stati Uniti e Giordania , che sorvegliano queste aree, tacciono ogni volta che viene violata l’intesa della zona pacificata e non prendono alcuna misura contro i jihadisti.

Non molto tempo fa, quasi tutti i gruppi terroristi detti “militanti “, operanti nelle province meridionali diSuweida, Deraa e Qwneitra hanno deciso di unirsi. Questo significa che stanno pianificando azioni su larga scala.
Non possono essere difese insieme da nessuno : le forze governative mantengono un regime di silenzio e non invadono il loro pezzo di “torta” nella zona di distensione. Quindi nel prossimo futuro possono scoppiare dei combattimenti. E non si può dubitare, anzi è più che sicuro che, nell’aggravarsi della crisi di scontro militare del “regime di cessate il fuoco” verrà accusata ufficialmente Damasco.

Fonti sul campo delle forze dell’ordine siriane riferiscono che la ragione di tale offensiva potrebbe essere un’altra provocazione con l’uso di armi chimiche, con la la loro messa in scena. Come hanno dimostrato gli eventi in Douma, nessuno si preoccuperà di cercare prove.

In Occidente si è percepita con molto “dolore” la vittoria di Damasco nell’Est Gouta e specialmente a Douma.

Gruppi di “opposizione moderata” sostenuti dagli americani hanno preso il “treno espresso verde” per la provincia di Idlib.

Gli Stati Uniti hanno perso una potente leva di pressione sulla capitale e certamente vorranno vendicarsi per questa sconfitta.


L’intelligence siriana nelle ultime settimane ha registrato un gran numero di “rifornimenti umanitari” (per modo di dire), nelle province meridionali vicine alla Giordania.
Tuttavia, il contenuto dei camion si può solo indovinare. Il gruppo combinato di militanti ha oggi circa 12.000 baionette. Hanno a loro disposizione – artiglieria pesante, carri armati, sistemi di lancio di razzi, armi di piccolo calibro e supporto americano….e se li aiuta l’estero, un branco del genere può “fare rumore“.

Allo stesso tempo, gli americani e i loro alleati possono effettivamente sostenere l’offensiva dei terroristi – le loro tattiche hanno funzionato.

Il nuovo uso di armi chimiche è annunciato ufficialmente…..!

Le “forze del bene” guidate dall’ottavo gruppo di portaerei, che dovrebbe presto apparire vicino alla costa della Siria, infliggeranno “ritorsioni” ai “soggetti” coinvolti nell’attacco chimico o sulle forze che hanno “violato il cessate il fuoco” – ovviamente l’esercito siriano.
In ogni caso, gli attacchi queste “forze” possono rivelarsi nella loro efferatezza sulle linee di difesa delle forze governative, sulla loro artiglieria, o si campi di aviazione siriani.
In realtà, i terroristi possono contare sul supporto aereo americano, facile da utilizzare.

Certo, la capitale della Siria non può più essere presa da tali forze. 

Ma i gruppi terroristi fedeli agli statunitensi possono seriamente espandere il proprio territorio, conquistando completamente le province meridionali. E questo taglio allontana la Giordania dalla Siria in modo ufficiale…… e crea tutti i prerequisiti per la nascita dell’educazione pseudo-pubblica nel sud del paese con capitale Deraa – che è ancora sotto il controllo di Damasco – come nel nord la zona kurda.

In questo contesto, la versione della cospirazione che l’attacco del 14 aprile con un centinaio di missili “cruise” era solo una battaglia di ricognizione, non sembra poi così fantasiosa….!

trd russo Mihaela Bruja

Nessun commento:

Posta un commento