Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 20 maggio 2018

Sionismo - Erdogan assassinato dagli ebrei, se fosse vero è mostruoso

Clamoroso: Israele sta progettando l’assassinio di Erdogan (con il placet USA)

Maurizio Blondet 16 maggio 2018 

Di Gordon Duff, Senior Editor da Istanbul

Ieri, il presidente turco Erdogan, con una mossa a sorpresa, ha espulso gli ambasciatori americano e israeliano, apparentemente per il loro ruolo negli attacchi contro i manifestanti di Gaza che hanno lasciato fino a 3.000 fra morti e feriti sul terreno.

C’è un retroscena in questo, di un presunto complotto tra Trump, i suoi consiglieri neocon e il loro maestro, Netanyahu. Erdogan ha individuato un’altra trama e identificato gli Stati Uniti e Israele come mandanti. Descriviamo quanto è di nostra conoscenza….

Un colpo di stato sarebbe in programma e questo dovrebbe iniziare con l’uccisione di Erdogan. Israele lo sta progettando, ci viene peraltro confermato da ogni parte, in particolare dai nostri contatti nell’esercito turco.

Questo è iniziato molto prima che Erdogan espellesse gli ambasciatori americano e israeliano.

Erdogan ne ha semplicemente avuto abbastanza, quando ha visto sorridere Kushner e Ivanka proprio mentre 3000 persone, palestinesi, anche donne e bambini, sono state uccise dall’IDF (Esercito israeliano), allora lui è esploso nella collera. Da “RussiaToday”:

“Israele ha comunicato al console della Turchia di lasciare lo stato ebraico, secondo il ministero degli Esteri israeliano. L’allontanamento arriva dopo che Ankara ha espulso l’ambasciatore di Israele dalla Turchia per causa delle violenze a Gaza.
Un portavoce del ministero ha detto che il console è stato convocato e gli è stato detto di tornare in Turchia “per consultazioni per un periodo di tempo”, ha riferito la Reuters.
La notizia è arrivata subito dopo che la Turchia ha detto all’ambasciatore israeliano di lasciare il paese. ” All’ambasciatore israeliano è stato detto che il nostro inviato in Israele è stato richiamato per le consultazioni, ed è stato informato che sarebbe stato opportuno per lui tornare nel suo paese per qualche tempo”, ha detto una fonte del ministero degli esteri turco.

L’ambasciatore israeliano Eitan Naeh è stato convocato ieri al ministero degli Esteri ad Ankara, secondo Haaretz. Il diplomatico ha servito nella posizione dall’ ottobre del 2015.

Il presidente Recep Tayyip Erdogan ha fatto riferimento alla repressione delle forze israeliane come “genocidio” e ha definito Israele uno “stato terrorista” , ribadendo nel contempo l’impegno del suo paese a rimanere solidale con il popolo palestinese.

Solo gli inglesi stanno con Erdogan, allontanandolo dagli Stati Uniti. Dall’altra parte della Turchia, il sentimento della popolazione turca nei confronti degli Stati Uniti è molto rabbioso, si sente per la strada, nel governo e dappertutto.

Prevediamo anche che Erdogan si riavvicini al presidente Assad, si tratta di una voce, che la Turchia e la Russia si uniranno per aiutare la liberazione della provincia di Idlib in Siria.

Alla fine, Israele sarà preso di mira, più che semplicemente da Hezbollah, ma spinto verso una guerra di terra che metterà alla prova la risoluzione degli alleati militari israeliani nel Golfo Persico insieme al suo principale sostenitore, l’Arabia Saudita.

Quello che ha sconvolto la regione è stato vedere Netanyahu sul palco con Putin in V Day a Mosca, Netanyahu con la mano insultante sulle spalle di Putin, come se il presidente Putin fosse un bambino piccolo.

O forse questo significa che Putin stava mostrando a Israele il suo destino per mano del risorto potere militare russo, ma noi aspettiamo e vediamo.

Erdogan è stata una delle personalità più enigmatiche del nostro tempo. La Turchia, una potenza economica della NATO, altamente industrializzata e posizionata strategicamente, è stata trattata come una “puttana da strada” dagli Stati Uniti. C’è poco dubbio che gli Stati Uniti fossero dietro al colpo di stato del 2016 contro Erdogan.

Quello che ora è diventato chiaro è che Erdogan ora è consapevole che gli Stati Uniti hanno costruito segretamente un’organizzazione terroristica curda in Turchia, armandola con armi americane.

Gli Stati Uniti ora credono di non poter muovere l’attacco contro l’Iran senza prima uccidere Erdogan e ritengono che Putin, senza Erdogan al suo fianco, si tirerà indietro dal sostenere Assad o offrirà ulteriori vendite di armi all’Iran, in particolare aerei da caccia della 4a e 5a generazione in grado di operare contro e persino all’interno dello spazio aereo saudita.


Traduzione: Luciano Lago




Nessun commento:

Posta un commento