Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 6 maggio 2018

Sionismo - gli ebrei fabbricano le prove in casa

Le “prove” di Netanyahu non erano solo vecchie, alcune erano fabbricate

Maurizio Blondet 5 maggio 2018 

di Gareth Porter

L’ affermazione del primo ministro Benjamin Netanyahu nella sua presentazione teatrale di 20 minuti di un sequestro fisico israeliano di “archivio atomico” iraniano a Teheran sarebbe certamente stata la “grande conquista dell’intelligence” che si è vantato se fosse realmente accaduto. Ma l’affermazione non regge sotto attento esame, e la sua affermazione che Israele ora possiede un vasto documentario su un programma segreto di armi nucleari iraniane è certamente fraudolenta.

Il racconto di Netanyahu di un raid israeliano di intelligence a Teheran che ha portato via 55.000 file cartacei e altri 55.000 CD da un “luogo altamente segreto” richiede che accettiamo una proposta che è assurda: i politici iraniani hanno deciso di archiviare i loro militari più sensibili segreti in una capanna con tetto in lamiera senza nulla per proteggerlo dal calore (quindi quasi certamente assicurando la perdita di dati sui CD in pochi anni) e nessun segno di sicurezza, in base all’immagine satellitare mostrata nella presentazione. (Come Steve Simon ha osservato nel New York Times, la porta non sembrava nemmeno avere un lucchetto.)

La risibile spiegazione suggerita dai funzionari israeliani al Daily Telegraph – secondo cui il governo iraniano temeva che i fascicoli potessero essere scoperti dagli ispettori internazionali se fossero rimasti su “basi importanti” – rivela semplicemente l’assoluto disprezzo che Netanyahu ha per i governi occidentali e i media. Anche se l’Iran stesse perseguendo le armi nucleari segretamente, i loro file sull’argomento sarebbero conservati presso il Ministero della Difesa, non nelle basi militari. E naturalmente il presunto ma del tutto plausibile passaggio a una nuova posizione poco plausibile è venuto proprio nel momento in cui Netanyahu aveva bisogno di una nuova drammatica storia per galvanizzare Trump per resistere alla forte insistenza degli alleati europei nel preservare l’accordo nucleare congiunto con l’Iran (JCPOA).

In effetti, non esiste un enorme tesoro di file segreti su un “Progetto Manhattan” iraniano. Gli scaffali di raccoglitori e CD neri che Netanyahu ha rivelato con un tale drammatico successo risalgono al 2003 (dopo di che un National Intelligence Estimate statunitense (NIE) ha detto che l’Iran ha abbandonato qualsiasi programma di armamenti nucleari) e non è diventato niente più che oggetti scenici come la bomba a fumetti che Netanyahu ha usato alle Nazioni Unite nel 2012.

Campagna di disinformazione

L’affermazione di Netanyahu su come Israele ha acquisito questo “archivio atomico” è solo l’ultima manifestazione di una campagna di disinformazione a lungo termine che il governo israeliano ha iniziato a lavorare nel 2002-03. I documenti a cui Netanyahu ha fatto riferimento nella presentazione sono stati presentati ai media e all’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) a partire dal 2005 come originari di un programma di ricerca segreto sulle armi nucleari iraniane. Per molti anni i media americani hanno accettato quei documenti come autentici. Ma nonostante i solidi media hanno unito il fronte dietro quella narrativa, ora sappiamo con certezza che quei documenti precedenti erano fabbricazioni e che furono creati dal Mossad di Israele.

Questa prova di frode inizia con le presunte origini dell’intera raccolta di documenti. Funzionari dell’intelligence senior dell’amministrazione di George W. Bush avevano detto ai giornalisti che i documenti provenivano da “un computer portatile iraniano rubato”, come riportato dal New York Times nel novembre 2005. Il Times citava funzionari dell’intelligence senza nome che insistevano sul fatto che i documenti non erano arrivati da un gruppo di resistenza iraniano, che metterebbe seri dubbi sulla loro affidabilità.

Ma si è scoperto che le assicurazioni di quei funzionari dell’intelligence facevano parte di una dissimulazione ufficiale. Il primo resoconto affidabile del percorso dei documenti verso gli Stati Uniti è arrivato solo nel 2013, quando Karsten Voigt, ex alto funzionario dell’ufficio straniero tedesco, ritiratosi dalla sua posizione di vecchia data come coordinatore della cooperazione nord-tedesca, ha parlato con questo autore il disco.

Voigt ha ricordato come gli alti funzionari dell’agenzia di intelligence straniera tedesca, il Bundesnachtrendeinst o BND, gli avevano spiegato nel novembre 2004 di aver familiarizzato con i documenti sul presunto programma nucleare iraniano, perché un tempo fonte – ma non un vero agente dell’intelligence – li aveva forniti prima quell’anno. Inoltre, i funzionari del BND hanno spiegato di aver visto la fonte come “dubbiosa”, ha ricordato, perché la fonte era appartenuta ai Mujahideen-E Khalq, il gruppo di opposizione iraniano armato che aveva combattuto l’Iran a nome dell’Iraq durante la guerra degli otto anni.

I funzionari del BND erano preoccupati che l’amministrazione Bush avesse iniziato a citare quei documenti come prove contro l’Iran, a causa della loro esperienza con “Curveball” – l’ingegnere iracheno in Germania che aveva raccontato storie di laboratori iracheni mobili di armi biologiche che erano diventati falsi. Come risultato di tale incontro con i funzionari BND, Voigt aveva dato un intervista a The Wall Street Journal in cui aveva contraddetto la certezza delle anonimi funzionari dei servizi segreti degli Stati Uniti alle tempi e ha avvertito che l’amministrazione Bush non dovrebbe basare la sua politica sui documenti stava cominciando a citare come prova di un programma iraniano di armi nucleari, perché in effetti provenivano da “un gruppo dissidente iraniano”.

Ha usato il MEK

Il desiderio dell’amministrazione Bush di indirizzare la copertura della stampa dei presunti documenti interni iraniani lontano dal MEK è comprensibile: la verità sul ruolo del MEK porterebbe immediatamente in Israele, perché era noto, che l’agenzia di intelligence israeliana Mossad aveva usato il MEK per fare informazione pubblica che gli israeliani non volevano attribuire a se stessa – compresa la posizione precisa della struttura di arricchimento di Natanz in Iran. Come hanno osservato i giornalisti israeliani Yossi Melman e Meir Javadanfar nel loro libro del 2007 sul programma nucleare iraniano, basato su funzionari statunitensi, britannici e israeliani, “L’informazione è ‘filtrata’ alla IAEA attraverso gruppi di opposizione iraniani, in particolare il Consiglio nazionale di resistenza iraniano. ”

Il Mossad ha usato ripetutamente il MEK negli anni ’90 e nei primi anni del 2000 per far ispezionare l’IAEA in qualsiasi sito che gli israeliani sospettassero potesse essere legato al nucleare, guadagnando ai loro clienti iraniani una reputazione molto scarsa all’AIEA. Nessuno con la documentazione del MEK avrebbe potuto credere che fosse in grado di creare i documenti dettagliati che sono stati trasmessi al governo tedesco. Ciò richiedeva un’organizzazione con esperienza in armi nucleari ed esperienza nella fabbricazione di documenti, entrambi in cui il Mossad di Israele aveva in abbondanza.

funzionari dell’amministrazione Bush avevano evidenziato una serie di 18 disegni schematici del veicolo di rientro del missile Shahab-3 o nosecone del missile in ognuno dei quali c’era una forma rotonda che rappresenta un’arma nucleare. Questi disegni furono descritti ai governi stranieri e all’Agenzia internazionale per l’energia atomica come 18 diversi tentativi di integrare un’arma nucleare nello Shahab-3.

Netanyahu ha dato al pubblico il suo primo assaggio di uno di quei disegni lunedì quando lo ha indicato trionfalmente come prova visivamente impressionante della perfidia nucleare iraniana. Ma quel disegno schematico aveva un difetto fondamentale che dimostrava che esso e gli altri nel set non potevano essere genuini: mostrava il disegno del veicolo di rientro a forma di “somaro” del missile originale Shahab-3 che era stato testato dal 1998 al 2000. Questa era la forma che gli analisti dell’intelligence al di fuori dell’Iran avevano ipotizzato nel 2002 e nel 2003 che l’Iran avrebbe continuato a usare nel suo missile balistico.

Il cono

Ora è ben stabilito, tuttavia, che l’Iran ha iniziato a ridisegnare il missile Shahab-3 con un veicolo conico di rientro o con un nosecone già nel 2000 e lo ha sostituito con un design completamente diverso che aveva una forma “triconica” o “biberon”. Lo ha reso un missile con capacità di volo molto diverse e in definitiva è stato chiamato Ghadr-1. Michael Elleman, il principale esperto mondiale di missili balistici iraniani, ha documentato la riprogettazione del missile nel suo percorso del 2010 , che ha segnato il programma missilistico iraniano.

L’Iran ha mantenuto il suo missile di nuova progettazione con il segreto del veicolo per il rientro delle biberon dal mondo esterno fino al suo primo test a metà del 2004. Elleman ha concluso che l’Iran stava deliberatamente fuorviando il resto del mondo – e specialmente gli israeliani, che rappresentavano la minaccia più immediata di attacco all’Iran – a credere che il vecchio modello fosse il missile del futuro, mentre già stava spostando la sua pianificazione verso il nuovo design , che porterebbe tutto Israele a portata di mano per la prima volta.

Gli autori dei disegni che Netanyahu ha mostrato sullo schermo erano quindi all’oscuro del cambiamento nel design iraniano. La prima data di un documento sulla riprogettazione del veicolo di rientro nella raccolta ottenuta dall’intelligence statunitense era il 28 agosto 2002, circa due anni dopo l’inizio della riprogettazione. Questo grave errore indica inequivocabilmente che i disegni schematici che mostrano un’arma nucleare in un veicolo di rientro Shahab-3 – ciò che Netanyahu chiamava “progettazione di testate integrate” erano fabbricazioni.

Lo slide show di Netanyahu ha messo in evidenza una serie di presunte rivelazioni che ha detto provengono dal “nuovo archivio atomico” appena acquisito riguardante il cosiddetto “Piano di Amad” e la continuazione delle attività dell’iraniano che si diceva avesse guidato quel progetto di armi nucleari nascoste . Ma le singole pagine dei documenti in lingua Farsi che lampeggiava sullo schermo erano chiaramente dalla stessa cache di documenti che ora sappiamo provenire dalla combinazione MEK-Israele. Questi documenti non sono mai stati autentificati, e il direttore generale della IAEA Mohamed ElBaradei, che era scettico sulla loro autenticità, aveva insistito sul fatto che senza tale autenticazione, non avrebbe potuto accusare l’Iran di avere un programma di armi nucleari.

Più frode

Ci sono anche altre indicazioni di frode in quella raccolta di documenti. Un secondo elemento del supposto programma di armi segrete dato il nome “Piano Amad” era un “diagramma di flusso del processo” di un sistema su scala panca per convertire il minerale di uranio per l’arricchimento. Aveva il nome in codice “Progetto 5.13”, secondo una presentazione del vicedirettore dell’IAEA Olli Heinonen, e faceva parte di un più ampio cosiddetto “Progetto 5”, secondo un rapporto ufficiale dell’AIEA. Un altro sottoprogetto in tale rubrica era “Progetto 5.15”, che comportava la lavorazione del minerale nella miniera di Gchine. “Entrambi i sottoprogetti venivano eseguiti da una società di consulenza di nome Kimia Maadan.

Ma i documenti che l’Iran in seguito fornì all’AIEA dimostrarono che, in effetti, “Progetto 5.15” esisteva, ma era un progetto civile dell’Organizzazione dell’energia atomica dell’Iran, non faceva parte di un programma segreto di armi nucleari, e che la decisione era stata presa fatto nell’agosto del 1999 – due anni prima dell’inizio del presunto “piano Amad” si diceva che fosse iniziato.

Il ruolo di Kimia Maadan in entrambi i sotto-progetti spiega perché un progetto di lavorazione del minerale sarebbe incluso nel presunto programma segreto di armi nucleari. Uno dei pochissimi documenti inclusi nella cache che potrebbero essere effettivamente verificati come autentici era una lettera di Kimia Maadan su un altro argomento, il che suggerisce che gli autori dei documenti stavano costruendo la raccolta intorno a pochi documenti che potevano essere autenticati.

Netanyahu si è anche soffermato sulla negazione da parte dell’Iran di aver svolto qualsiasi lavoro sulla tecnologia “MPI” o (“Multi-Point Initiation”) “nella geometria emisferica”. Ha affermato che “i file” mostravano che l’Iran aveva fatto esperimenti di “ampio lavoro” o “MPI”. Non ha elaborato il punto. Ma Israele ha scoperto le presunte prove di tali esperimenti in una baracca con tetto di lamiera a Teheran. La questione se l’Iran abbia fatto tali esperimenti è stata una questione centrale nell’inchiesta dell’AIEA dopo il 2008. L’agenzia l’ha descritta in un rapporto del settembre 2008 , che si proponeva di una “sperimentazione in Iran in connessione con l’inizio simmetrico di una carica emisferica ad alto esplosivo adatta per un dispositivo nucleare di tipo implosivo. ”
Nessun sigillo ufficiale

L’AIEA ha rifiutato di rivelare quale paese membro aveva fornito il documento all’AIEA. Ma l’ex direttore generale ElBaradei ha rivelato nelle sue memorie che Israele aveva trasmesso una serie di documenti all’Agenzia al fine di dimostrare che l’Iran aveva continuato i suoi esperimenti con armi nucleari fino al “almeno 2007.” ElBaradei si riferiva a tempistiche convenienti del l’apparizione del rapporto nel giro di pochi mesi del NIE degli Stati Uniti del novembre 2007, concludendo che l’Iran aveva terminato la sua ricerca relativa alle armi nucleari nel 2003.

Netanyahu ha indicato una serie di documenti sullo schermo e una serie di disegni, fotografie e figure tecniche e persino un vecchio film in bianco e nero sgangherato, come prova delle armi nucleari iraniane. Ma assolutamente nulla su di loro fornisce un legame probatorio con il governo iraniano. Come Tariq Rauf, che era a capo dell’Ufficio di coordinamento delle politiche di verifica e sicurezza dell’AIEA dal 2002 al 2012, ha notato in una e-mail, nessuna delle pagine di testo sullo schermo mostra sigilli o marchi ufficiali che potrebbero identificarli come governo iraniano effettivo documenti. Allo stesso modo, i presunti documenti iraniani consegnati all’AIEA nel 2005 mancavano di tali marcature ufficiali, come un funzionario dell’AIEA che mi è stato concesso nel 2008.

Lo slide show di Netanyahu ha rivelato molto di più del suo esagerato stile di persuasione sul tema dell’Iran. Ha fornito ulteriori prove del fatto che le affermazioni che avevano influenzato con successo gli alleati degli Stati Uniti e di Israele nel punire l’Iran per aver avuto un programma di armi nucleari si basavano su documenti fabbricati che provenivano dallo stato che aveva il motivo più forte per fare quel caso: Israele.

Foto in alto | Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu presenta materiale che sostiene provenga dallo sviluppo di armi nucleari iraniane durante una conferenza stampa a Tel Aviv, in Israele, il 30 aprile 2018. (AP / Sebastian Scheiner)

Gareth Porter è un giornalista investigativo e storico indipendente sulla politica di sicurezza nazionale degli Stati Uniti e il destinatario del Gellhorn Prize 2012 per il giornalismo. Il suo libro più recente è Manufactured Crisis: The Untold Story of Iran Nuclear Scare, pubblicato nel 2014.

Nessun commento:

Posta un commento