Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 15 maggio 2018

Sionismo - si è perpetuato l'ennesimo massacro dei palestinesi nella prigione a cielo aperto di Gaza

Jeremy Corbyn su massacro dei palestinesi

(15 Maggio 2018)

Pubblichiamo la dichiarazione che ieri ha rilasciato il leader del Partito Laburista Jeremy Corbyn su massacro dei palestinesi. Inutile cercare dichiarazioni di analogo tenore da parte del PD o del governo italiano.
Jeremy Corbyn

L’uccisione oggi di decine di manifestanti disarmati e il ferimento di molti di più da parte delle forze israeliane a Gaza è un oltraggio che richiede non solo la condanna internazionale, ma un’azione per costringere i responsabili a renderne conto.

Questo massacro segue settimane di uccisioni di civili palestinesi che manifestano per il loro diritto al ritorno, la maggior parte dei quali sono rifugiati o famiglie di rifugiati. Il giorno in cui il presidente Trump ha trasferito l’ambasciata degli Stati Uniti a Gerusalemme, sottolinea la minaccia alla pace posta dalle continue e intollerabili ingiustizie che il popolo palestinese sta affrontando.

La risposta di molti governi occidentali a questa flagrante illegalità, compreso il nostro – che ha una particolare responsabilità per una risoluzione pacifica e giusta del conflitto israelo-palestinese – è stata del tutto inadeguata. Dovrebbero prendere esempio dai sostenitori israeliani della pace e della giustizia: chiedere la fine dei molteplici abusi dei diritti umani e politici che i palestinesi subiscono quotidianamente, dell’assedio di Gaza da 11 anni, della continua occupazione da 50 anni del territorio palestinese e della continua espansione degli insediamenti illegali.

Non possiamo chiudere un occhio di fronte a tale disprezzo ingiustificato per il diritto internazionale. Ecco perché il Labour è impegnato a rivedere le vendite di armi del Regno Unito a Israele se queste violazioni continuano.

Infine la comunità internazionale deve mettere la sua autorità collettiva e il suo peso per il raggiungimento di una soluzione duratura che offra pace, giustizia e sicurezza sia per gli israeliani che per i palestinesi, che hanno aspettato così tanto tempo per ottenere il rispetto dei loro diritti.sarmati e il ferimento di molti di più da parte delle forze israeliane a Gaza è un oltraggio che richiede non solo la condanna internazionale, ma un’azione per costringere i responsabili a renderne conto.

Questo massacro segue settimane di uccisioni di civili palestinesi che manifestano per il loro diritto al ritorno, la maggior parte dei quali sono rifugiati o famiglie di rifugiati. Il giorno in cui il presidente Trump ha trasferito l’ambasciata degli Stati Uniti a Gerusalemme, sottolinea la minaccia alla pace posta dalle continue e intollerabili ingiustizie che il popolo palestinese sta affrontando.

La risposta di molti governi occidentali a questa flagrante illegalità, compreso il nostro – che ha una particolare responsabilità per una risoluzione pacifica e giusta del conflitto israelo-palestinese – è stata del tutto inadeguata. Dovrebbero prendere esempio dai sostenitori israeliani della pace e della giustizia: chiedere la fine dei molteplici abusi dei diritti umani e politici che i palestinesi subiscono quotidianamente, dell’assedio di Gaza da 11 anni, della continua occupazione da 50 anni del territorio palestinese e della continua espansione degli insediamenti illegali.

Non possiamo chiudere un occhio di fronte a tale disprezzo ingiustificato per il diritto internazionale. Ecco perché il Labour è impegnato a rivedere le vendite di armi del Regno Unito a Israele se queste violazioni continuano.

Infine la comunità internazionale deve mettere la sua autorità collettiva e il suo peso per il raggiungimento di una soluzione duratura che offra pace, giustizia e sicurezza sia per gli israeliani che per i palestinesi, che hanno aspettato così tanto tempo per ottenere il rispetto dei loro diritti.

Nessun commento:

Posta un commento