Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 3 giugno 2018

154 economisti euroimbecilli tedeschi preparano il Piano B, Savona che ne parlò nel 2015 non ha potuto far il ministro economico. Mattarella euroimbecille culturalmente arretrato

Bloomberg: l'Italia ha bisogno di un piano di uscita dall'euro


La politica monetaria europea ha funzionato male per l'Italia e bene per la Germania

3 giugno 2018

Mentre l’agitazione in Italia è diminuita, almeno per ora, la questione che l’ha scatenata sicuramente provocherà maggiori tumulti.

La coalizione populista che ha vinto le ultime elezioni aveva proposto di nominare Paolo Savona, un economista che ha detto che l'Italia dovrebbe avere un "Piano B" per uscire dall'euro, ministro delle finanze. Sergio Mattarella, il presidente del Paese, ha posto il veto sulla designazione. Dopo aver inizialmente insistito su Savona, i populisti anti-euro hanno trovato una diversa collocazione per lui. I mercati si sono calmati e il nuovo governo sta procedendo a formarsi.

Mattarella ha ragione nel dire che parlare di un piano B mette a repentaglio l'euro, e che il paese meriterebbe di avere la questione al centro in un'elezione prima di decidere. Ma anche Savona ha ragione sul fatto che l'Italia ha sbagliato a entrare nell'euro. E mentre andarsene ora sarebbe destabilizzante, il paese farebbe bene ad avere almeno un piano di emergenza per un’uscita ordinata.

Savona ha sovrastimato le cose quando ha definito l'euro una "gabbia tedesca". Questo ha fornito reali benefici microeconomici all'Italia, come ha fatto ad altri Stati partecipanti: abbassare i costi di transazione nel commercio con i vicini e incoraggiare il turismo e gli investimenti.

Ma avere una moneta comune per tutti i paesi dell'area dell'euro ha comportato anche una politica monetaria comune. Quella politica monetaria ha funzionato male per l'Italia - e, sì, molto meglio per la Germania.

David Beckworth, uno studioso ospite del Mercatus Center della George Mason University, ha dimostrato che le politiche della Banca Centrale Europea tendono ad essere più adatte per i paesi al centro dell'Unione Europea, piuttosto che alla loro periferia. La sua analisi utilizza la regola di Taylor, una misura del tasso di interesse target appropriato per un paese in base al suo tasso di inflazione e alla differenza tra il suo potenziale e la produzione economica effettiva. I tassi target della BCE erano molto più vicini a ciò che la Regola di Taylor prescriveva per i paesi core rispetto a quelli periferici.

La politica monetaria è stata troppo debole nei paesi periferici durante il boom che ha preceduto la crisi economica del 2008-9, e troppo stringente da allora in poi.

La politica monetaria può anche essere giudicata in base al fatto che stabilisca la crescita della spesa per tutta l'economia. Con questa misura, anche la BCE ha servito male l'Italia. Prima dello schianto, la sua spesa è cresciuta più rapidamente di quella della Germania, e dopo la crisi è cresciuta più lentamente - e talvolta è persino diminuita. Le oscillazioni selvagge sono segni di una politica monetaria controproducente. I cali della spesa sono particolarmente dannosi. Aumentano gli oneri del debito e richiedono periodi dolorosi, e tipicamente lunghi, di adeguamento del mercato del lavoro.

La variazione tra le regioni era inevitabile. Se la politica della BCE fosse stata perfetta per l'Italia, sarebbe stata destabilizzante per la Germania.

Mentre le politiche specifiche della BCE sono criticabili - per la regione nel 2010 e 2011 sono state troppo rigorose ad esempio - il problema principale è la valuta comune stessa. E questo non è qualcosa che è stato imposto agli italiani dagli stranieri. La maggior parte degli italiani, secondo i sondaggi, vuole rimanere nell'euro, forse a causa dei suoi indubbi vantaggi microeconomici.

Per molti elettori italiani, senza dubbio, la soluzione ideale sarebbe che il paese continui a trarre benefici dall'euro, ottenendo salvataggi incondizionati da altri paesi. Ma non sono gli unici attori in questo dramma che hanno preferenze incoerenti e irrealistiche, benché comprensibili.

La Germania vuole mantenere al minimo sia i piani di salvataggio che l'inflazione mantenendo la moneta unica. Anche se l'euro si destreggiato per ora, genererà crisi future. L'Italia dovrebbe tenere un piano di uscita nella sua tasca posteriore. Così come dovrebbero farlo altri paesi.

Nessun commento:

Posta un commento