Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 16 giugno 2018

Bce - L'Euro è irreversibile, l'euroimbecillita in capo alla Bce banca di non ultima istanza. Lo stregone maledetto continua a lavorare contro l'Italia

Draghi ha risolto il dilemma, l'aiuto monetario termina a dicembre ma è un'uscita soft

15 Giugno, 2018
Eurozona Moneta & Mercati Giornalistica Punti di vista Bce

Mario Draghi

Il governatore ha giocato d’anticipo. Tutti si aspettavano una decisione per luglio, invece Draghi ha comunicato la sua scelta il 14 giugno: stop al quantitative easing a fine dicembre e nell’ultimo trimestre 2018 il tasso mensile degli acquisti netti di titoli sarà ridotto da 30 a 15 miliardi.
Qe non finisce completamente

La Bce promette, tuttavia, di proseguire con il reinvestimento ancora a lungo. In pratica, la Banca centrale utilizzerà il capitale rimborsato dei bond (al momento 2,4 trilioni di euro), che ha in portafoglio e che arrivano a scadenza, per comprare nuovi titoli di pari durata. Quindi, il Qe, iniziato nel 2015, non finisce completamente.
Inflazione verso l'obiettivo?

Secondo la Bce, i dati in arrivo confermano le stime di medio termine d'inflazione. Anche se, poi, Draghi ammette che per una ripresa sostenuta del livello dei prezzi al consumo serve ancora “un significativo stimolo monetario”. In realtà, l’obiettivo fissato da Francoforte era il 2%, mentre ora l’aspettativa è dell’1,7% per i prossimi due anni. La differenza è uno 0,3 che in questo caso pesa, anche perché l’inflazione è stata spinta verso l’alto dal recente forte aumento del prezzo del petrolio.
Tassi di interesse bloccati fino al 2019

Ma Draghi è riuscito comunque a rassicurare i mercati, annunciando che i tassi di interesse resteranno fermi ai minimi record almeno fino alla prossima estate e in ogni caso finché sarà necessario. E ha spiegato che gli acquisti di titoli del Qe "non stanno sparendo, restano parte degli strumenti di politica monetaria e potranno essere utilizzati in particolari fasi”.
Risvolti politici

C’è, poi, una dimensione politica nella scelta di interrompere (gradualmente) il Qe. Il rischio di una guerra commerciale e l’incertezza in Italia (il governo aumenterà il deficit?) hanno condizionato la scelta di una exit-strategy morbida. Draghi proprio al suo paese di origine ha indirizzato una frecciatina: “L'euro è irreversibile, perché è forte, perché le persone lo vogliono e perché non giova a nessuno metterlo in discussione”.
Una scelta non facile

Eppure, per il capo della Bce, non è stata una scelta facile. Se continua a comprare obbligazioni, può essere accusato di facilitare il governo italiano. Se interrompe bruscamente, e le attese del mercato sull'aumento dei tassi di interesse fanno aumentare sensibilmente i rendimenti obbligazionari, gli investitori potrebbero preoccuparsi della capacità dell'Italia di servire il proprio debito, attualmente al 132% del Pil.
Unica scelta possibile?

In quel delicato mosaico, la mossa della Bce sembra ragionevole. Prevede di porre fine al Qe a dicembre, ma dipenderà dall’inflazione. E, in ogni caso, i tassi saranno fermi ancora a lungo. Il che non è scontato, alla luce degli aumenti che molte banche centrali hanno già attuato, come la Federal reserve e la Banca centrale indiana, o stanno valutando di farlo, ad esempio la Banca d’Inghilterra. Per la Bce, invece, la normalizzazione della politica monetaria non è ancora vicina. Il 2019 sarà un anno di transizione per l'eurozona.
Dimensione privata

C’è, infine, un aspetto personale. Draghi lascerà l’incarico il prossimo anno. Dopo aver avuto il “merito” di introdurre un programma che ha probabilmente salvato l’euro, non sarebbe voluto passare alla storia per colui che non è stato capace di interromperlo. Senza contare che, così facendo, il governatore uscente ha spuntato la principale arma del suo probabile successore, il rigorista Jens Weidmann: stoppare il Qe e compiacersi con il suo paese, la Germania.

Nessun commento:

Posta un commento