Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 18 giugno 2018

Diego Fusaro - "il capitalismo supera la sua fase borghese e accede a quella finanziaria, basata sulla rendita finanziaria e sui furti della bancocrazia. Questo è il nostro destino"

POLITICA
Domenica, 17 giugno 2018 - 11:32:00

"L'uomo che sussurra a Di Maio e Salvini": Le Figaro incorona Diego Fusaro

Il quotidiano francese intervista il giovane filosofo italiano "dal pensiero politico dissonante, molto ostile all'euro e al capitalismo finanziario"


Le Figaro intervista Diego Fusaro, definendolo "l'uomo che sussurra all'orecchio di Di Maio e Salvini" e spiegando ai suoi lettori che è bene ascoltare questa "influente voce del dibattito politico italiano" per comprendere meglio le dinamiche degli sconvolgimenti politici in atto del nostro Paese.

Ecco l'intervista

L'accordo tra la Lega e il Movimento 5 stelle è un'alleanza dei tuoi desideri per sostituire la divisione sinistra / destra?

"Sì, assolutamente. Nel nostro tempo, quello del capitalismo finanziario, la vecchia dicotomia destra-sinistra è stata sostituita dalla nuova dicotomia alto-basso, padrone-schiavo (Hegel). Sopra, il padrone ha il suo posto, vuole un mercato più deregolamentato, più globalizzazione, più liberalizzazione. Sotto, il servo "nazionalsocialista" (Gramsci) vuole meno commercio libero e più stato nazionale, meno globalizzazione e difesa dei salari, meno Unione Europea e più stabilità esistenziale e professionale. Il 4 marzo in Italia non è stata la vittoria della destra, né della sinistra: il basso vince, il servo. Ed è rappresentato dal M5S e dalla Lega, le parti che il padrone globale e i suoi intellettuali diffamano come "populisti", vale a dire i vicini del popolo e non l'aristocrazia finanziaria (Marx). Se sono populisti, bisogna dire che le parti del padrone sono decisamente demofobe, odiano la gente".

Il presidente Mattarella ha finalmente permesso la formazione del nuovo governo, Savona non è più nell'economia ma fa ancora parte della squadra. Temeva che le nuove elezioni avrebbero dato ancora più voce alle due formazioni dissonanti?

"Assolutamente. Non bisognava correre rischi. L'Italia, come tutti i paesi europei, vive sotto una perenne dittatura finanziaria dei mercati. Ovvero un totalitarismo glamour, il totalitarismo del mercato capitalista. I mercati chiedono, i mercati sono nervosi: sono divinità che decidono dall'alto, è il culmine del feticismo ben descritto da Marx. Nel 2011, l'Italia è stata vittima di un colpo di stato finanziario da parte dell'UE. E anche ora è quasi riprodotto. Tuttavia, il governo "giallo-verde" è stato formato, anche se ha subito cambiamenti significativi (in particolare il ruolo di Savona), così da non lasciare anche i mercati insoddisfatti..."

Se Di Maio e Salvini vogliono curare le relazioni italo-russe, è per liberarsi dal liberalismo la cui logica secondo Michel Onfray è l'impoverimento?

"Sì, Salvini e Di Maio stanno guardando alla Russia. E questa è una buona cosa. La Russia di Putin è ora l'unica resistenza contro l'imperialismo del dollaro, cioè contro l'americanizzazione del mondo, conosciuta anche come globalizzazione. È meglio avere un mondo multipolare, come diciamo in questi giorni, invece dell'incubo della "monarchia universale" (Kant), vale a dire di un singolo potere che invade il mondo intero. L'Italia dovrebbe emergere dalla NATO, liberarsi dalle oltre 100 basi militari statunitensi e cercare di riguadagnare la propria sovranità monetaria, culturale ed economica, aprendosi alla Russia e agli stati non allineati".

Possiamo dire che la crisi dell'euro è tornata, per quanto riguarda la situazione in Italia ma anche in Spagna?

"Penso di sì, sì. Non conosco la situazione spagnola come esperto, ma certamente la Spagna, come l'Italia e gli altri paesi mediterranei, ha molti problemi causati dall'euro. L'euro non è una moneta ma un "metodo di governo" (Foucault): un metodo di governo neoliberale contro le classi lavoratrici e populiste, e crea benefici solo per i signori del globalismo capitalista. Non dobbiamo salvare l'euro, dobbiamo salvarci dall'euro! Ho sostenuto questo nel mio libro "Europa e capitalismo". Spero che il governo giallo-verde porti l'Italia fuori dall'euro e dall'Unione europea: questo è l'unico modo per difendere le classi lavoratrici e le persone precarie, facendo spesa pubblica e una vera politica sociale".

Dici spesso che la vecchia borghesia e il vecchio proletariato fanno ora parte dello stesso gruppo oppresso, non è un po' esagerato?

"È esattamente così. È il nuovo "precariato": la vecchia borghesia borghese e la vecchia classe operaia, un tempo nemici, sono oggi oppressi e insicuri, formano una nuova plebe povera e priva di diritti in balia dei predatori finanziari e dell'usura bancaria. La classe dominante è questa volta l'aristocrazia finanziaria, una classe cosmopolita di banchieri e delocalizzatori, signori dei grandi affari e del dumping. Marx lo dice molto bene nel terzo libro del Capitale: il capitalismo supera la sua fase borghese e accede a quella finanziaria, basata sulla rendita finanziaria e sui furti della bancocrazia. Questo è il nostro destino".

Nessun commento:

Posta un commento