Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 6 giugno 2018

Giordania - i Cottarelli del Fmi si sanno vendere molto bene in Tv con i giornalisti compiacenti e scodinzolanti MA il FMI ha chiesto ed ottenuto politiche di austerità e interventi sul sistema fiscale massacrando il popolo giordano


GIORDANIA: RABBIA E PROTESTE CONTRO IL CAROVITA E LE TASSE 

Scioperi e manifestazioni in seguito all'aumento dei prezzi e delle tasse. Il Re Abdallah II caccia il primo ministro e nomina premier l'economista Omar al-Razzaz. Pesa sui conti anche l'invasione di rifugiati siriani, che il paese deve gestire senza adeguati aiuti internazionali. 

6 giugno 2018

Proteste di piazza, scontri, arresti, giornate di sciopero generale, un primo ministro che si dimette e un nuovo premier che prende il suo posto. Accade tutto nel giro di una settimana nella piccola Giordania, paese mediorientale con meno di 7 milioni di abitanti ma con in ruolo di cuscinetto in mezzo a turbolenti vicini come Siria, Israele, Iraq e Arabia Saudita.

Dopo giorni di proteste contro il carovita e le politiche di austerità lunedì si è dimesso il primo ministro Hani al-Mulki. Il giorno dopo il re Abdallah II ha nominato un nuovo premier, Omar al-Razzaz, ministro dell’istruzione nel precedente governo. Razzaz, esperto economista con un passato di incarichi alla Banca Mondiale, sembra avere le carte in regola per intervenire sulle ragioni del malessere dei giordani.

La popolazione è stanca di sacrifici e di una situazione economica sempre più difficile. I punti deboli dell’economia della Giordania (un paese privo di risorse petrolifere e di gas naturale) sono il pesante deficit (che tocca il 96 per cento del PIL), il calo degli investimenti stranieri e il calo degli aiuti internazionali, il costo della vita (Amman è una delle città più care del mondo), la disoccupazione (il tasso ufficiale è del 18,5 per cento, ma fra i giovani è molto più alta). Nel 2016 la Giordania aveva ottenuto dal Fondo Monetario Internazionale una linea di credito triennale del valore di 723 milioni di dollari, ma in cambio il FMI aver chiesto politiche di austerità e interventi sul sistema fiscale.

L’aumento delle tasse, della benzina (+5,5 per cento), dell’elettricità (+19 per cento) e delle tasse scolastiche hanno fatto scattare la protesta, che ha portato la gente in strada ad Amman, Irbid, Ramtha, Zarqa e Salt. Hanno protestato soprattutto i giovani (riuniti nel movimento Hirak Shababi), i sindacati, associazioni di categoria e gli appartenenti alla classe media.

“Io e mio marito abbiamo un lavoro a tempo pieno e facciamo fatica per tirare avanti. Noi siamo della classe media, mi immagino la fatica di chi è povero”, ha raccontato ad Al Jazeera Rand Sawalha, ingegnere ad Amman. “Vogliamo un futuro migliore e non lasceremo soffrire i nostri figli sotto il peso del debito crescente ammassato dai corrotti che hanno distrutto la nostra economia”, aggiunge la donna.

Sul malessere economico e sociale della Giordania pesa anche l’invasione delle centinaia di migliaia di rifugiati siriani che, dal 2011, sono fuggiti dalla guerra civile. Re Abdallah II, 56 anni, sul trono della dinastia hashemita dal 1999, ha spiegato: “Il mondo non ha rispettato le promesse e l’aiuto internazionale alla Giordania è crollato nonostante il peso dell’accoglienza per i rifugiati siriani. La Giordania sta affrontando imprevisti cambiamenti economici e regionali. Nessun piano avrebbe potuto mitigare queste sfide in modo rapido ed efficace”.

Il Re ha chiesto al governo di rivedere il sistema fiscale e di avviare un dialogo nazionale con i sindacati e le organizzazioni della società civile. Ma le piazze della Giordania restano inquiete.

Nessun commento:

Posta un commento