Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 29 giugno 2018

Immigrazione di Rimpiazzo - I francesi sono tra i maggior colpevoli fin dall'origine

Libia, “Così le truppe francesi fanno passare trafficanti e migranti”

ESTERI, NEWSmercoledì, 27, giugno, 2018

Le truppe francesi stanziate tra il Niger e la Libia lasciano passare indisturbati migranti e trafficanti di uomini. Lo sostengono Jamal Adel, giornalista libico che vive nella zona sud-est del Kufra, e il Fezzan Libya Group, l’organizzazione che monitora il traffico di persone nella capitale libica del sud di Sebha.

Alessandra Bocchi – – www.occhidellaguerra.it

Dopo la proposta del ministro dell’Interno Matteo Salvini di creare dei centri di accoglienza nei Paesi confinanti con la Libia, i libici che si trovano vicini al confine mettono ora in guardia Roma:

“I francesi non stanno facendo nulla per fermare il traffico di persone perché non ne soffrono le conseguenze. Quelli che soffrono davvero sono i libici e gli italiani”, dice Adel a Gli Occhi della Guerra.

Le truppe francesi, infatti, starebbero fornendo sostegno medico ai migranti, senza però farli tornare nei loro Paesi d’origine. Anzi: i francesi permetterebbero ai migranti di passare il confine libico dove trovano alcuni trafficanti che li conducono sulle coste per poi iniziare il loro viaggio della speranza verso l’Italia.

Sia la Francia che il Niger ignorano il traffico di persone che avviene sul territorio sotto il loro controllo. “I trafficanti passano liberamente sotto il naso delle truppe francesi”, aggiunge l’organizzazione di Fezzan. “Se il Niger e la Francia pensano che il traffico di persone sia secondario, l’Italia e la Libia pensano sia un problema primario perché sono direttamente colpiti da questo fenomeno”.

Per questo i libici vorrebbero una collaborazione più forte con l’Italia. Un’operazione di questo tipo dovrà però per forza fare i conti con la presenza francese.

“Quando l’Italia propose di mandare 140 militari in Niger, la missione fu abortita perché la Francia si oppose. La Francia non vuole che l’Italia prenda troppo potere geo-politico sul suo territorio”, aggiunge l’organizzazione Fezzan Libya Group.

La Francia non vuole l’Italia sul territorio del Niger perché con questo Paese ha uno stretto rapporto di interessi: dipende infatti dall’esportazione di uranio per la sua centrale nucleare nel villaggio di Arlit. A marzo infatti anche il presidente nigerino Mahamadou Issoufou, che ha rapporti stretti con il governo francese, si oppose alla presenza italiana in Niger.

La Francia inoltre sta sostenendo la tribù di Awlad Sliman, nel Sud della Libia. Storicamente, la Francia ha sempre appoggiato questa tribù e l’ha riportata in Libia dopo l’occupazione italiana per controllare la zona del Sud del Paese, che è ricca di petrolio.

Negli ultimi mesi, specialmente durante la crisi di governo in Italia, la Francia si è ritagliata un ruolo sempre più importante nelle negoziazioni libiche: Parigi sostiene il governo dell’Est di Khalifa Haftar, rivale di quello di Tripoli, appoggiato invece dall’Italia. Allo stesso tempo, però, il governo francese cerca di mantenere un controllo indipendente da Haftar nel sud della Libia sostenendo varie tribù, tra cui anche quella del Tebu, che recentemente è stata invasa da mercenari e milizie del Ciad e dal Niger.

I libici nell’area del sud di Fezzan non hanno dunque un’opinione positiva del ruolo che la Francia sta avendo nell’area del sud della Libia, dove il traffico di essere umani è notevole.

“I libici sperano che Salvini mantenga la parola data, vogliono che siano controllati i loro confini e che il traffico di persone venga fermato”, aggiunge l’organizzazione Fezzan Libya Group.

In Libia hanno apprezzato la mossa di Salvini contro gli hotspot proposti dalla Francia. Questi, infatti, avrebbero portato a maggiori migrazioni verso la Libia. “Se l’Italia non vuole i migranti, perché vorremmo volerli noi?”, si chiede il Fezzan Libya Group.

Nessun commento:

Posta un commento