Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 5 giugno 2018

Moneta Complementare serve per la Salvezza Nazionale. Coraggio


Perché può esistere un sistema alternativo alla rigidità dell’euro: la parola alla Storia

ECONOMIA - GIAMPAOLO CONTE

@GiampaoloConte
5 giugno 2018

INTERVENTO. Affiancare all’euro una nuova moneta domestica, più debole e flessibile, potrebbe permettere al Paese di respirare allontanando la retorica populista dal campo economico, lasciando la possibilità di mantenere i vantaggi di un sistema monetario stabile

Rimettere in discussione l’adesione italiana alla moneta unica è diventato un tema carico di retorica politica, polarizzando la discussione alla extrema ratio: o dentro il sistema, o fuori di esso. La feconda interrelazione tra queste due posizioni getta nell’ombra del dibattito odierno alcune alternative plausibili, o almeno che hanno mostrato la loro validità nel corso della storia. La rigidità imposta dall’euro può essere paragonata, ai massimi sistemi e con le dovute cautele, a quella imposta dal sistema monetario ottocentesco (tecnicamente chiamato gold standard) che prevedeva la circolazione di monete d’oro e di carta moneta interamente interscambiabili e commutabili tra loro. Questo sistema, che si reggeva per buona parte sulla piazza di Londra e sul ruolo giocato dalla Banca d’Inghilterra, garantiva una stabilità perfetta per il commercio internazionale. Al di là dei tecnicismi, la presenza di una moneta forte ed ‘intoccabile’ trasmetteva sugli stati che vi aderivano i costi della stabilità. Se un paese si trovava in difficoltà economiche non riuscendo più a mantenere la parità, sarebbe stato suo compito agire all’interno dell’humus economico domestico per ritrovare un equilibrio con l’oro. In sostanza, erano gli stati aderenti che si piegavano alla stabilità monetaria, e non viceversa, un po’ come oggi funziona con la valuta europea. Infatti, l’impossibilità di agire sulla politica monetaria porta gli stati federati nell’euro ad agire attraverso una politica restrittiva interna: vista l’impraticabilità di una svalutazione della moneta, per dare respiro all’economia in una fase recessiva si interviene con misure di riduzione sia dei costi di produzione, che vanno a ledere, ad esempio, il livello dei salari, sia della spesa pubblica, con conseguente contrazione dei livelli dei servizi offerti dallo Stato.

Esisteva però un sistema ibrido che coniugava gli interessi dei paladini della stabilità, in genere i creditori, ed i paladini dell’inflazione, in genere i debitori, sia pubblici che privati: questo era il caso del sistema bimetallico. Per quanto il monometallismo, cioè l’adesione ad un sistema monetario legato all’oro o all’argento, sia più agevole da coordinare, il sistema bimetallico è assai più flessibile. Le monete in oro venivano usate per i pagamenti più consistenti mentre quelle in argento venivano impiegate per spese più modeste. Questo meccanismo conferiva allo Stato ottocentesco una base monetaria assai più ampia, evitando di strozzare l’economia domestica in momenti di recessione, mantenendo il sistema sempre sufficientemente lubrificato dal capitale, abbozzando anche delle politiche anticicliche nei momenti di crisi. Chiaramente bisognava usare con moderazione questo strumento, evitando il sorgere di corride speculative od operazioni di arbitraggio da parte dei privati.

In sostanza, un sistema bimetallico ben gestito poteva concedere ai Paesi aderenti un cuscino contro la durezza di una crisi deflattiva scatenata dalla moneta forte in momenti di crisi economica.

Il principio del sistema bimetallico che a decorrere dal 1870 ha iniziato ad essere superato per il progressivo abbassamento del prezzo dell’argento e dell’introduzione della carta moneta fiduciaria su vasta scala, era e resta valido: allentare la rigidità del sistema aureo senza rinunciare però ai suoi benefici.

Pertanto, parlare oggi dell’introduzione di una doppia moneta non sarebbe un anatema, specialmente se questa fosse in grado di tutelare gli interessi di tutte le parti in causa. Affiancare all’euro una nuova moneta domestica, più debole e flessibile, potrebbe permettere al Paese di respirare nuovamente allontanando la retorica populista dal campo economico e lasciando intatta la possibilità di mantenere i vantaggi di un sistema monetario stabile. Del resto, anche lo Sme, il sistema monetario antesignano dell’euro e in vigore prima di questo fin dal 1979, prevedeva norme di comportamento diverse per due gruppi di Paesi, quelli più stabili e quelli meno stabili, e ha funzionato ragionevolmente per un ventennio.

Giampaolo Conte ha conseguito il dottorato di ricerca in Storia presso l’Università Roma Tre, dove è attualmente assegnista di ricerca in Storia Economica (cofinanziato con l’Istituto di Studi Politici “S.Pio V”). Ha studiato e svolto attività di ricerca presso l’Università Saint-Joseph di Beirut, L’Università Al-Quds di Gerusalemme, l’Università di Montreal e l’Università del Bosforo di Istanbul. È stato Visiting Scholar presso la Facoltà di Storia dell’Università di Cambridge (UK).

http://www.eunews.it/2018/06/05/sistema-alternativo-euro-doppia-moneta/105717

Nessun commento:

Posta un commento