Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 30 giugno 2018

Rothschild - l'uso del nome porta più affari e soldi e per questo hanno litigato. Hanno la panza piena ma vogliono sempre di più

Due rami dei Rothschild fanno pace sull'utilizzo del nome

L'investment bank franco-britannica Rothschild & co. guidata da Alexandre e la banca svizzera di gestione patrimoniale Edmond de Rothschild con a capo Ariane hanno stabilito le rispettive ragioni sociali e hanno anche deciso di ridurre le partecipazioni incrociate


di Nick Kostov


Due rami della famiglia Rothschild hanno seppellito l'ascia e posto fine a una disputa sui diritti al cognome

In una dichiarazione congiunta venerdì 29, il Gruppo Edmond de Rothschild, una banca privata con sede in Svizzera che gestisce denaro per conto di clienti facoltosi, e la banca d'affari franco-britannica Rothschild & Co. hanno dichiarato che hanno deciso di porre fine alle controversie e che "lavoreranno insieme per proteggere il nome della famiglia nel settore bancario".

La controversia verteva sul fatto che la banca d'investimento fosse colpevole di aver utilizzato il nome di famiglia Rothschild per il suo branding, senza aggiungere un nome, una sigla o un suffisso per chiarire che non aveva diritto esclusivo al prestigioso nome.

Il gruppo Edmond de Rothschild, di proprietà di un ramo della famiglia in gran parte residente in Svizzera, ha sostenuto che l'uso del nome in sé violava secoli di tradizione orale all'interno della famiglia. E nel 2015 ha intentato un'azione legale contro Rothschild & Co. a Parigi, sostenendo di aver violato le leggi sulla concorrenza. Le prove includevano materiale di marketing, domini di siti web e indirizzi e-mail che avrebbero dimostrato che l'azienda parigina utilizzava il nome Rothschild da sola. Aveva inoltre fatto presente che la società madre si autodefinisce "società madre del gruppo Rothschild".

Venerdì, i gruppi hanno detto di essere d'accordo sul fatto che "in futuro nessuno dei due potrà usare il nome Rothschild da solo e in qualsiasi forma".

Ai sensi dell'accordo, tuttavia, Rothschild & Co. continuerà ad utilizzare lo stesso marchio. Le sue attività di private banking e di asset management in Francia, Belgio e Monaco saranno denominate Rothschild Martin Maurel, a seguito della fusione avvenuta lo scorso anno tra la banca privata francese di Rothschild & Co. e la Banque Martin Maurel, una banca privata con sede a Marsiglia.

"La confusione, la commistione e la mancanza di chiarezza... è ciò che abbiamo cercato di evitare", ha dichiarato una persona vicina al Gruppo Edmond de Rothschild.

Nell'ambito dell'accordo, i due gruppi hanno inoltre convenuto di ridurre le partecipazioni incrociate. La holding svizzera di Rothschild & Co. detiene l'8,4% di Edmond de Rothschild, mentre Edmond de Rothschild detiene direttamente il 5,7% di Rothschild & Co. e un altro 9,5% della società tramite la holding svizzera.

Nel XVIII secolo Mayer Amschel Rothschild fondò la sua banca a Francoforte e i suoi cinque figli fondarono attività bancarie negli altri grandi centri finanziari europei dell'epoca: Londra, Parigi, Napoli e Vienna.


Nel 2012, David de Rothschild ha consolidato le attività di investment banking francesi e britanniche della dinastia sotto la guida di una holding chiamata Paris Orleans, ponendo fine ad anni di rivalità tra le due. La holding ha adottato la denominazione Rothschild & Co. group tre anni dopo.

In quel periodo, le tensioni che per anni avevano infiammato il Gruppo Edmond de Rothschild, fondato da un discendente di Mayer Amschel Rothschild nel 1953, si sono riversate in un aperto contrasto.

Subito dopo aver assunto la guida della banca di patrimoni svizzera, nel 2015, Ariane de Rothschild aveva presentato a Rothschild & Co. un'ingiunzione legale per cessare l'utilizzo del brand nell'ambito di una causa per concorrenza sleale e violazione del marchio.

Nell'aprile di quest'anno, Alexandre de Rothschild ha sostituito suo padre David su Rothschild & Co., trasmettendola alla settima generazione della famiglia. La risoluzione di venerdì è tra le sue prime decisioni degne di nota.

Rothschild & Co. è una banca d'affari fortemente legata all'élite finanziaria e politica. Il presidente francese Emmanuel Macron in passato ha lavorato lì, così come uno dei suoi predecessori, Georges Pompidou. Ha sede a Parigi, ricavi per 1,91 miliardi di euro nel 2017 e 74,8 miliardi di masse in gestione (67,3 miliardi in Rothschild Private Wealth & Asset Management e 7,5 miliardi in Rothschild Merchant Banking).

Il gruppo Edmond de Rothschild ha invece sede a Ginevra e ricavi per 659 milioni di franchi svizzeri (568 milioni di euro) nel 2017, gestendo masse per 182 miliardi di franchi (157 miliardi di euro).

Nessun commento:

Posta un commento