Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 25 giugno 2018

Saviano, che rappresenta l'Alto da di matto per questo il ministro Salvini che rappresenta il Basso non deve querelarlo, deve continuare cuocere nel suo brodo

LA FRASE SBAGLIATA
Matteo Salvini, il consiglio di Paolo Becchi: "Perché se fai causa a Roberto Saviano lo rovini"

24 Giugno 2018

Simbolo della sinistra radical-chic lontana anni luce dai lavoratori, Roberto Saviano si è lanciato in una lotta senza quartiere contro Matteo Salvini. L' attacco non è una questione personale, ma di sistema. Due mondi si scontrano. Da un lato il simbolo del «globalismo» sfrenato e dall' altro quello del «sovranismo». Ma stavolta lo scrittore campano ha raccontato una menzogna che getta fango e discredito sulla figura del ministro dell' Interno. In un video diffuso sulla rete il 21 giugno, Saviano ha etichettato Salvini con l' epitaffio di buffone e «ministro della malavita», espressione utilizzata da Gaetano Salvemini in un suo libro del 1910 contro il clientelismo elettorale di Giolitti. E fin qui ci sta, fa parte della lotta politica.


Il problema serio, che presenta aspetti di rilievo penale, sta nella circostanza che Saviano abbia sottolineato che Salvini sia stato eletto in Calabria, dove ad un suo comizio a Rosarno avrebbero preso parte «uomini della famiglia Pesce», definita dallo stesso Saviano «storica famiglia della 'Ndrangheta di Rosarno», affiliata «alla famiglia Bellocco, potentissima organizzazione di narcotrafficanti». Tali affermazioni sono molto forti e dovrebbero essere suffragate da un dato oggettivo, cioè da un nesso di causalità tra l' elezione di Salvini in Calabria e l' eventuale influenza della malavita locale nell' elezione. In assenza di tale nesso, Saviano ha diffuso informazioni false e tendenziose. Il nesso non c' è. Il leader della Lega non era candidato in nessun collegio uninominale, ma come capolista in cinque collegi plurinominali di altrettante Regioni: Lombardia, Liguria, Lazio, Calabria e Sicilia. È risultato eletto in 4 di essi, fatta eccezione per la Sicilia dove il seggio di quel collegio è scattato a Fratelli d' Italia. A quel punto, per un meccanismo previsto dal Rosatellum, nel caso in cui il candidato risulti eletto in più collegi, il collegio d' elezione è quello dove ha ottenuto la percentuale minore di voti. L' elezione in Calabria è scaturita solo per effetto di questo meccanismo tecnico e non perché Salvini - come Saviano ha lasciato intendere - fosse sostenuto durante i comizi dalla presenza di famiglie della 'Ndrangheta. Anzi, è vero il contrario visto che in caso di elezione in più collegi è quello dove si sono ottenuti meno voti il collegio in cui si risulta eletti. Il collegio calabrese è dunque quello dove Salvini ha ottenuto meno consensi in termini percentuali rispetto agli altri collegi dove il leader della Lega era candidato. Il collegamento che Saviano fa tra l' elezione di Salvini in Calabria e le famiglie malavitose da lui stesso citate non c' è. Per questo motivo, a nostro avviso, Salvini dovrebbe querelarlo.

Ci sarebbe poi la questione della scorta, che è stato solo un pretesto per scatenare l' ultimo attacco di Saviano. Il ministro dell' Interno nei giorni scorsi aveva sollevato il dubbio se vi fosse l' esigenza attuale di confermare il servizio-scorte a Saviano, demandandone la valutazione alle autorità competenti. A dire il vero il titolare del Viminale non ha alcun potere di decidere l' assegnazione o la revoca di una scorta, sono gli uffici competenti del ministero a curare l' istruttoria. Il ministro ha solo un potere di controllo formale sull' atto finale, il cui contenuto è già stato deciso nelle fasi precedenti.

Ma il dato saliente è un altro. Il pericolo per la sua incolumità fisica è rappresentato dalle pressioni che Saviano ha subito dal clan dei casalesi e dai narcos messicani, quindi non si comprende per quale motivo lo Stato italiano gli debba pagare la scorta anche quando l' oracolo pontifica contro il nostro governo da un lussuoso attico di New York.

di Paolo Becchi e Giuseppe Palma

Nessun commento:

Posta un commento