Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 9 luglio 2018

Antonio Socci - ci sono dei zombi che camminano, non si rendono conto che sono morti inutili neanche a se stessi. La lotta è l'Alto contro il Basso


Posted: 08 Jul 2018 10:52 AM PDT


Concordo con Vittorio Feltri: la Sinistra è morta. Quella che oggi si definisce “Sinistra” abita ai Parioli e bolla come populisti i poveri delle periferie che un tempo furono la base sociale del Pci.

Per capire quando e perché si è prodotta la sostituzione (o il tradimento) bisogna risalire agli anni Settanta e rileggere due intellettuali eretici: Pier Paolo Pasolini e Augusto del Noce.

Nei giorni scorsi Davide Rondoni, su “Avvenire”, riportava queste parole che attribuiva a Pier Paolo Pasolini, dal discorso (letto dopo la sua morte) per il Congresso del Partito Radicale del 1975: “Io profetizzo l’epoca in cui il nuovo potere utilizzerà le vostre parole libertarie per creare un nuovo potere omologato, per creare una nuova inquisizione, per creare un nuovo conformismo e i suoi chierici saranno chierici di sinistra”.

E’ facile constatare che quella “profezia” si è totalmente realizzata oggi: basti ricordare il recente “linciaggio” mediatico del ministro Fontana e quello quotidiano di Salvini.

La frase virgolettata da Rondoni in realtà dev’essere una parafrasi del discorso di Pasolini ai radicali che nel 1975 esprimeva proprio quei concetti. Qual è il suo contesto storico?

Nel 1974 in Italia si era svolto il referendum sul divorzio che aveva visto prevalere la nuova ideologia radicale sulla mentalità cattolica.

Il Pci – che era inizialmente diffidente e ostile verso quella battaglia radicale, che riteneva borghese – alla fine aveva deciso di cavalcarla in chiave anti-Dc e sull’onda della clamorosa vittoria divorzista conseguì, nel 1975, uno strepitoso successo elettorale, puntando ormai a strappare alla Dc il primato politico.

Da quel momento il Pci – che era conservatore sui temi di costume – pur detestando i Radicali si tuffò nelle loro battaglie, come l’aborto.

Così il filosofo cattolico Augusto del Noce preconizzò la trasformazione del Partito comunista italiano in un “partito radicale di massa”.

Per portare a compimento tale trasformazione occorrerà però il crollo del comunismo nell’Est europeo. Il Pci si dissolse subito nel 1989, ma i comunisti italiani no e – per far dimenticare il loro passato – cambiarono nome nascondendosi dietro la foglia di fico della sinistra Dc tecnocratica di Romano Prodi.

Così passarono dall’obbedienza moscovita a quella clintoniana e soprattutto, con l’invenzione dell’Ulivo, abbracciarono la nuova ideologia dell’Euro e di Maastricht, vera identità fondativa del futuro PD.

Del Noce aveva scritto già nel 1978: “Il comunismo di Gramsci è divenuto l’ideologia del consenso comunista all’ordine tecnocratico neocapitalistico”.

In effetti con Maastricht (che implicava la sudditanza a Germania e Francia) gli ex-Pci fecero propria la bandiera del grande capitale: il mercatismo.

Perciò in questi anni è stato il PD a gestire in Italia la demolizione dello “stato sociale”(e dello stato nazionale) nascondendo questa operazione antipopolare, di vero massacro sociale, dietro la nuova bandiera dei “diritti civili”.

Hanno fatto esplodere povertà e disoccupazione, hanno annichilito la sanità, affondato migliaia di partite Iva e i ceti medi, ma rivendicando con orgoglio di aver fatto le “unioni gay”.

Ecco, Pasolini, in quel discorso del 1975, aveva intuito che proprio la bandiera dei “diritti civili” sarebbe stata usata per rottamare i “diritti sociali” (e quindi la stessa base popolare della Sinistra). E avvertiva che l’“ideologia edonistica” è un “contesto di falsa tolleranza e di falso laicismo”.

Ecco la sua profezia laica: “In questa massa di intellettuali (progressisti, ndr), attraverso i vostri successi (radicali, ndr), la vostra passione irregolare per la libertà si è codificata, ha acquistato la certezza del conformismo”, “io vi prospetto il peggiore pericolo… un nuovo regime… Tale potere si accinge di fatto ad assumere gli intellettuali progressisti come propri chierici. Ed essi hanno già dato a tale invisibile potere una invisibile adesione intascando una invisibile tessera”.

Oggi è il potere invisibile delle élite che si oppone al voto popolare.

Nessun commento:

Posta un commento