Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 26 luglio 2018

Gli ebrei in Palestina sono un cancro da estirpare - Sequestrata perchè lotta contro i soldati e i coloni invasori di terre

PALESTINA. Prima le minacce, poi l’arresto: in manette la giornalista Khater
25 lug 2018
by Redazione

Portata via ieri notte dopo essere stata convocata cinque giorni fa per un interrogatorio. Il numero delle donne prigioniere politiche in un carcere israeliano sale così a 63


La giornalista palestinese Lama Khater

della redazione

Roma, 25 luglio 2018, Nena News – L’irruzione nella sua casa di Hebron è avvenuta nella notte tra lunedì e ieri: il raid nell’abitazione, la perquisizione e infine l’arresto, compiuto da almeno 25 soldati. Così è stata portata via dall’esercito israeliano Lama Khater, giornalista freelance palestinese, voce e penna di denuncia dei crimini dell’occupazione militare e nota blogger (oltre 87mila i suoi followers su Twitter).

Non è la prima volta che la giornalista viene arrestata, era già successo in passato. Ieri è stata ammanettata mentre nel resto della Cisgiordania venivano fermati altri 13 palestinesi (tra cui Nizar Shehada, ex prigioniero politico e membro di Hamas), tutti accusati dall’esercito di “attività ostili” contro soldati e coloni israeliani. Non è ancora dato sapere dove Lama sia stata condotta.

A parlare è la famiglia: una delle figlie, Besaan, di 18 anni, ha denunciato l’arresto su Twitter e poi ad Al Jazeera (“Abbiamo sentito un forte rumore fuori da casa, verso le 1.30 di notte), mentre ieri il marito Hazem al-Fakhouri ha detto che la donna era stata convocata cinque giorni fa dall’esercito per un interrogatorio, durante il quale era stata minacciata di arresto (sequestro) nel caso non avesse subito smesso di scrivere. Non lo ha fatto.

Uno dei suoi ultimi articoli era dedicato al blocco di Gaza e ai valichi chiusi unilateralmente da Israele e Egitto, accusato di collaborazione con Tel Aviv “nel soffocare la Striscia”. E nel suo ultimo tweet, pubblicato il 22 luglio, condannava le autorità israeliane per le politiche sulla Spianata delle Moschee e la restrizione della libertà religiosa nei confronti dei fedeli musulmani





رضوان الأخرس
✔@rdooan
فجر اليوم اقتحم جنود الاحتلال المدججين بالسلاح مدينة الخليل جنوب الضفة الغربية المحتلة من أجل اعتقال الكاتبة الفلسطينية #لمى_خاطر.

وسط العتمة كما اللصوص دخلوا المنزل واختطفوا الأم من بين أطفالها.

والصور لها أثناء وداع طفلها الصغير لحظة الاعتقال.#فلسطين

09:25 - 24 lug 2018
787
1.293 utenti ne stanno parlando

Informazioni e privacy per gli annunci di Twitter


Nelle foto, pubblicate dopo l’arresto, si vede Khater portata via dopo aver abbracciato la figlia Yahya, di due anni, la più piccola di cinque, che aveva già dovuto lasciare poco dopo il parto per una precedente prigionia. Foto rilanciate sui social da centinaia di utenti che ne chiedono il rilascio immediato. L’arresto rientra nella recente escalation nella nota e continua campagna di arresti e incursioni in Cisgiordania: pochi giorni fa nel campo profughi di Dheisha, a Betlemme, durante un raid dell’esercito israeliano, i soldati uccidevano un ragazzo di 15 anni, Arkhan Mizher, colpito al petto da un proiettile.

Due mesi fa, il 5 giugno, identico destino era toccato a Suzanne Oweiwi, giornalista freelance e membro del comune di Hebron: nel primo mese di prigionia nel carcere israeliano di Ashkelon è stata sottoposta a lunghi interrogatori, deprivazione del sonno e isolamento. Il 4 luglio la corte militare israeliana ha allungato la sua detenzione di un altro mese. Non ha poi potuto incontrare il marito.

Secondo l’associazione palestinese per i prigionieri politici Addameer, ad oggi sono 63 le donne detenute in un carcere israeliano, quasi 6mila il numero totale dei prigionieri palestinesi. Nena News

Nessun commento:

Posta un commento