Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 27 luglio 2018

Il Partito dei Giudici in azione, ricordiamo che risponde agli stranieri contro gli Interessi Nazionali













Matteo Salvini 

INTROVABILI NELLA CONTABILITÀ
Risolto il mistero della Lega sui 49 milioni: mai esistiti

Il partito fu messo in ginocchio dallo scandalo Belsito, e con le entrate dimezzate finì sempre in rosso

Salvini ha resistito a lungo prima di fare abbattere la crisi anche sul personale. Poi senza soldi ha dovuto toccare pure quello

11.07.2018 - 10:30
Franco Bechis

Piccola notizia per schiere di commentatori e investigatori più o meno privati che da qualche settimana come cani da tartufi sono alla ricerca del mistero dell'estate, quello dei 49 milioni di euro della Lega che sarebbero scomparsi: quella cifra non solo non c'è oggi, ma non c'è mai stata nemmeno per sbaglio. Per fare sparire qualsiasi cosa bisognerebbe che prima esista. Bene: ho scorso anno dopo anno tutta la documentazione contabile ufficiale della Lega dal 2007 ad oggi e una cifra simile non è mai apparsa nemmeno in sogno. Darò un dispiacere a Umberto Bossi che nelle ultime ore ha inviato a chiunque un articolo on line dove si diceva che alla sua epoca quei 49 milioni esistevano, e poi sono spariti, ma la presunta notizia è una bufala. Il livello massimo di liquidità mai raggiunta dai bilanci della Lega è stato di 31 milioni di euro, ed era una posta contabile un po' finta, perché si trattava della liquidità ricevuta temporaneamente dai maxi rimborsi elettorali che venivano erogati solo ad esercizio ampiamente avanzato e poi spesi a cavallo di due anni. L'altra cifra che si avvicina un po' a questa leggenda è la consistenza del patrimonio netto della Lega al 31 dicembre 2011: ammontava a 46 milioni e 300 mila euro. Lì ci siamo vicini, ma quella ricchezza anche qui solo contabile è stata erosa pesantemente di anno in anno fino ad arrivare ai 4,51 milioni che risultavano a fine 2017. La Lega nei sei anni successivi dunque ha visto diminuire il proprio patrimonio netto di 41,79 milioni di euro. Come? Dai bilanci è chiaro: cumulando fra allora ed oggi perdite operative per 38,07 milioni di euro. I bilanci infatti erano in rosso nel 2012 (persi 10,76 milioni), nel 2013 (14 milioni), nel 2014 (8,38 milioni), nel 2015 (2,72 milioni), nel 2016 (1,06 milioni) e nel 2017 (1,15 milioni). Come ha fatto la Lega a perdere tanti soldi così? Semplice: le entrate sono diminuite a precipizio di anno in anno: nel 2010 erano di 36,4 milioni di euro e nel 2017 sono state 2,88 milioni. Una caduta di 33,59 milioni di euro. E il motivo lo conosce assai bene chi guidava il partito negli anni d'oro, e cioè proprio Bossi. Quelle entrate infatti erano composte da due voci essenziali: i contributi dello Stato, che arrivavano grazie alla legge sui rimborsi elettorali, e i contributi da persone fisiche e giuridiche che per la gran parte venivano dalla autotassazione degli eletti in Parlamento e nei consigli regionali. I rimborsi elettorali erano assai generosi, ed erano un finanziamento pubblico vero e proprio: non erano affatto parametrati alle spese elettorali di ciascun partito, ma esclusivamente ai voti ottenuti in ciascuna tornata elettorale. Per questo risulta incomprensibile l'inchiesta dei magistrati di Genova: per avere quei soldi non dovevi presentare scontrini e ricevute da farti rimborsare, ma semplicemente conteggiare i voti che avevi ottenuto nelle varie consultazioni. I rimborsi elettorali nel caso della Lega come in quello di ciascun partito in origine ammontavano a un euro per ogni voto ricevuto alla Camera, un euro per ogni voto ottenuto al Senato, un euro per ogni voto ricevuto alle regionali e uno per ogni voto ricevuto alle europee. Poi quell'euro in tempi di austerità è stato via via ridotto anche sensibilmente, e parzialmente sostituito da un contributo pubblico parametrato ai fondi privati raccolti da ciascun partito. L'unica truffa possibile a proposito di quelle entrate riguardava dunque i voti ricevuti. A certificarli però erano le corti di appello elettorali, non la Lega. 

Le entrate del partito oggi guidato da Salvini si sono via via ridotte quindi in parte per quel taglio dell'euro che veniva concesso per ogni voto, e in gran parte per un motivo assai più banale: la gran botta elettorale che la Lega subì proprio come conseguenza dello scandalo che coinvolse Bossi e il tesoriere Francesco Belsito. Il clamore e l'indignazione per i fondi usati a pagare la laurea fasulla del trota, beni personali del segretario federale, o i diamanti in Tanzania costarono alla Lega il dimezzamento dei voti- e quindi dei rimborsi pubblici ad ogni tornata elettorale. Nel 2010 arrivavano a quella voce 22,5 milioni di euro. Nel 2013 appena 6,53 milioni. D'altra parte alle elezioni del 2008 il Carroccio aveva ottenuto l'8,3% dei consensi facendo eleggere 85 parlamentari, ognuno dei quali versava al partito una parte del suo stipendio. Nel 2013 i voti scesero al 4,1% e i parlamentari eletti in tutto erano 35. Risultato: crollo delle entrate pubbliche e pure di quelle private. Siccome è stato un po' più complicato e lento ridurre le spese (il personale è stato ridotto un po' alla volta e alla fine pure messo in cassa integrazione e licenziato), ogni anno le perdite operative si sono mangiate il patrimonio. E' semplice, e non c'è bisogno di grandi cani da tartufi per seguire il percorso dei soldi. Questo naturalmente a patto che le spese inserite di volta in volta fossero vere e non inventate per coprire altro. Ma non lo posso sapere io, né lo stuolo di commentatori e investigatori in azione. E nemmeno revisori e certificatori di bilanci che solo sulle scritture contabili a loro presentate possono fornire il loro giudizio. I magistrati con intercettazioni, rogatorie e perquisizioni hanno tutti i poteri per scoprire se la verità era un'altra. Ma in questi anni non sono riusciti ad avere in mano un fico secco. Auguri.




Nessun commento:

Posta un commento