Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 10 agosto 2018

Gli ebrei nelle terre di Palestina sono un cancro da estirpare - calpestano il diritto internazionale uccidono sperando di rompere la Resistenza e annettersi la Cisgiordania, Gaza

Copione rispettato: missili su Israele, bombardamento su Gaza

09.08.2018 - Patrizia Cecconi


Possiamo ben dire “noi lo sapevano”. Sapevamo che il copione anche stavolta sarebbe stato rispettato. Possiamo dirlo per averlo scritto, su questa stessa testata, proprio ieri per l’ultima volta.

Il copione consisteva nell’ottenere la risposta armata contro Israele da parte della resistenza gazawa provocata dalle uccisioni gratuite e dai bombardamenti a singhiozzo degli aerei da ricognizione. Gli ultimi due ragazzi, militanti delle brigate al Qasam, sono stati uccisi ieri. A freddo, non in uno scontro a fuoco o in una qualche manifestazione ostile. Uccisione gratuita. Uccisione “preventiva” si potrebbe dire, per sviare, con quel “preventiva” l’attenzione dall’omicidio. Omicidio premeditato sarebbe invece la definizione giusta anche se Israele, dopo aver ricevuto l’ovvia minaccia di vendetta, ha dichiarato con leggerezza di esserci sbagliato.

Comunque la reazione è arrivata. Da Gaza sono partiti alcuni missili verso Israele, le sirene hanno iniziato a suonare, il panico si è diffuso al punto giusto per poter assecondare le proposte genocidarie di Lieberman, Bennet e altri campioni della democrazia ebraico-israeliana raccolti nel governo Netanyahu e in buona parte del parlamento israeliano.

Israele ha bombardato dal mare distruggendo il Navy club gazawo e diffondendo il terrore in tutta la zona del porto, ha bombardato dal cielo distruggendo molte case definite “postazioni di Hamas”, come se fosse normale distruggere le postazioni della forza politica che governa una regione, insoddisfatti di tenerla sotto assedio, ha bombardato da nord a sud le “postazioni di Hamas”. Ci chiediamo quante persone, udendo nei notiziari “postazione di Hamas” siano in grado di capire che postazione di Hamas è anche un normale ufficio catastale o una sezione del ministero del lavoro o la sede del municipio, essendo Hamas il partito unico al governo. Ma nel gioco manipolativo anche questo ci sta bene e l’ascoltatore poco attento penserà che Israele ha “giustamente” il diritto di difendersi da questo mostro terribile costi quel che costi.

In realtà, a nostro avviso, Israele voleva impedire che la tregua gestita dall’Egitto potesse realizzarsi. Una tregua capestro per Gaza e uno scherno per la Palestina tutta, ma con la popolazione affamata Hamas ha finito per accettarla. A quel punto Israele, dopo aver alzato e nuovamente alzato il prezzo fino ad avere una risposta negativa e ricominciare i negoziati, ha ripreso la vecchia strada dello stillicidio di vite umane palestinesi, quello ignorato dai media ma ben gestito dallo Stato Ebraico il quale sa che prima o poi avrà la risposta con i missili scacciacane, cioè i razzi di cui dispone la Striscia di Gaza, che riescono a spaventare e qualche volta persino a ferire, ma che hanno il potere di far scattare la premeditata rappresaglia con missili veri e perdite di vite umane in misura variabile ma, sempre, con l’assoluzione di Israele considerato soltanto povera vittima che agisce per legittima difesa.

Intanto, mentre i missili gazawi cadevano a decine e decine su Israele provocando tanta paura e 11 feriti tutti non gravi, i missili israeliani devastavano ampie zone in tutta la Striscia e facevano diversi feriti e tre vittime, forse sarebbe più giusto dire 4 perché ha ucciso Inas Khammash, una giovane mamma di appena 23 anni al nono mese di gravidanza uccidendo anche la creaturina che portava in grembo, oltre alla figlioletta Bayan di un anno e mezzo.

Succedeva a Deir El Balah, a sud di Gaza. Più a nord invece veniva ucciso Ali Alghandoor30 anni. Ora è notte, i gazawi non dormono, inviano continuamente notizie e ne chiedono, temono un nuovo attacco come quello del 2009 o del 2014 di cui moltissimi portano ancora i segni. Sia fisici, sia psicologici per il terrore e il dolore di aver visto centinaia di corpi di fratelli, amici, genitori dilaniati dalle bombe israeliane.

Ma cosa vuole Israele? questa resta la domanda a cui dare risposta. Vuole ridurre Gaza a livello tale da mangiarsela in un boccone indebolendo ulteriormente la situazione palestinese nei suoi confronti e arrivare all’annessione della Cisgiordania in contemporanea con la totale separazione di Gaza facendola scivolare dall’Asia all’Africa con consenso della sua stessa popolazione ridotta allo stremo?

Ma c’è uno zoccolo duro, lo abbiamo già scritto più volte, uno zoccolo duro che non rispetterà neanche gli eventuali compromessi accettati da Hamas, ammesso che li accetti, e che seguiterà ad essere l’incubo del paese eventualmente vincitore – per indiscussa superiorità in armi e sostegno internazionale – e che, per dissolversi, chiede soltanto l’applicazione onesta del Diritto internazionale, quel fantasma che Israele calpesta da sempre mentre il mondo non capisce o finge di non capire che è l’unica condizione per porre fine a questa tragedia che rende Israele un paese canaglia con la maschera da vittima le cui azioni le pagano direttamente i palestinesi e, indirettamente, l’intera comunità mondiale che scivola sempre più nella barbarie assecondando Israele e imitandolo nel suo agire profondamente criminale ammantato di quella legalità di facciata che fa tornare alla mente lo stesso tipo di legalità che in Italia molti anni fa partorì le leggi razziali del 1938.

Se la legalità internazionale non vuole definitivamente perire sotto i colpi di Israele è ora che batta un colpo, scrollandosi di dosso il potere dei “padroni del mondo”. Il tempo forse non è ancora scaduto ma è prossimo ad esserlo.

Intanto in Palestina si piangono calde lacrime sugli ultimi martiri, in particolare sulla mamma uccisa insieme alla sua bambina e al bambino che portava in grembo e che non potendo essere definiti militanti o terroristi, finiranno di sicuro nel novero degli scudi umani. Anche questo è un copione conosciuto e ignobile, ma i tanti valletti che Israele conta nei media mainstream siamo certi che lo reciteranno senza provare vergogna.


Nessun commento:

Posta un commento