Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 19 agosto 2018

Il Quantitative easing ha un effetto depressivo. Ha portato a risanare i bilanci delle Banche ma togliere credito alle aziende, alle famiglie, la fine del Qe riporterà il credito nel suo alveo naturale

Perché la fine del Qe non è la fine del mondo

–di Ken Fisher

La Bce ha recentemente confermato la volontà da parte delle banche di concedere prestiti e dall'altra parte l'esistenza di una forte domanda di credito. Ottimo, a maggior ragione perché l'opinione pubblica tende ad attribuire i meriti di questa tendenza al Quantitative easing (Qe), ignorando che una riduzione del Qe è sempre seguita da una maggiore erogazione di crediti! È in arrivo una gran bella sorpresa nel momento in cui il QE terminerà e aumenteranno i prestiti delle banche.


BCE
05 luglio 2018

L'indagine della Bce dello scorso luglio sull'attività creditizia delle banche ha portato buone notizie a profusione. Sono 149 gli istituti di credito che nel secondo trimestre hanno reso più flessibili i propri standard per la concessione di prestiti alle aziende e alle famiglie. Ci si aspetta che questo numero salga ulteriormente nel terzo trimestre. Anche le banche italiane hanno seguito questa tendenza. I non-performing loans (Npl) non costituiscono più una seccatura così importante.

La concorrenza sta spingendo le banche ad ammorbidire i propri criteri per l'erogazione di prestiti e a concederli a un numero più elevato di soggetti. Anche la domanda è solida. Agli imprenditori che cercano di far crescere la propria attività servono capitali, che ora possono ottenere in misura sempre maggiore. Si tratta di uno scenario molto promettente in termini di crescita. 

I media danno il merito al Quantitative easing (Qe) che, con il suo “stimolo” pari a 2,5 mila miliardi di euro, starebbe finalmente dando i suoi frutti. In realtà ignorano che la Bce ha iniziato a ridurre il Qe da più di un anno. Quindi, una maggior volontà a concedere prestiti coincide proprio con una diminuzione del Qe! Proprio come accaduto negli Stati Uniti nel 2014, quando la Federal Reserve fece altrettanto. 

Come ho scritto nel mio articolo del 4 luglio, il Qe comporta un effetto depressivo, non stimolante: ha aiutato le banche a risanare i propri bilanci, ma non ad aumentare l'erogazione di credito, soprattutto in Italia! Le banche hanno semplicemente accumulato risorse mentre la curva dei rendimenti si appiattiva, riducendo la loro marginalità (le banche contraggono prestiti a breve termine, li concedono a lungo termine e guadagnano sulla differenza tra i due). La fine del Qe dovrebbe aiutare la curva dei redimenti a impennarsi – come accaduto negli Usa e nel Regno Unito. Una minore pressione sui tassi d'interesse a lungo termine permetterà alle banche di erogare prestiti con maggior entusiasmo, e la situazione è destinata a migliorare ancor di più quando la Bce porrà fine a quella assurdità dei tassi d'interesse negativi. 


06 giugno 2018

Adoro la cecità dei media verso l'inutilità del Qe. Mi piace quando affermano che i suoi effetti positivi siano stati ritardati e si stiano manifestando soltanto adesso. Questo dimostra quale sia l'opinione diffusa in merito, e lasciano intravedere quale sorpresa ci sarà con il boom dei prestiti post-QE. Le buone notizie, se si vogliono cogliere, sono sotto la luce del sole. Di qui l'opportunità di detenere nel propri portafoglio i titoli azionari delle banche prima che anche gli altri aprano gli occhi. 

Siccome i mercati si muovono sul divario esistente tra aspettative e realtà, acquistate laddove l'opinione pubblica è più scettica – qui in Italia ma anche in Spagna. In Italia la crescita dei prestiti alle famiglie è debole. I prestiti alle aziende sono in negativo. Entrambi i dati sono negativi in Spagna. Per questo motivo le principali banche di entrambi i Paesi conservano un grande potenziale effetto sorpresa. Per quanto concerne l'Europa del Nord, anche nei Paesi Bassi la concessione di prestiti è bassa. In Francia la crescita del credito è maggiore rispetto a quella tedesca, eppure molti continuano a ritenere che l'economia francese sia debole.

Ken Fisher è presidente di Fisher Investments Europe e presidente esecutivo di Fisher Investments

Nessun commento:

Posta un commento