Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 14 agosto 2018

Le mosse degli Stati Uniti sono dettate da un furore ideologico che non contamina la freddezza logica della Russia

Le prime 5 carte vincenti della Russia nel gioco delle sanzioni contro gli Stati Uniti


I piani di Washington relativi al rafforzamento delle sanzioni contro Mosca hanno scatenato accesi dibattiti sia negli Stati Uniti che in Russia su quale paese sarà maggiormente colpito.

Gli Stati Uniti hanno indicato che avrebbero colpito le esportazioni di merci sensibili per la sicurezza nazionale in Russia, fermato i voli delle compagnie aeree della Russia come l'Aeroflot verso gli Stati Uniti, e potrebbero arrivare addirittura a vietare tutte le esportazioni statunitensi verso la Russia. Secondo il Dipartimento di Stato nordamericano, le misure proposte giungono in risposta all'avvelenamento del doppio agente Sergei Skripal e di sua figlia nel Regno Unito. 

La Russia ha negato l'accusa e ha ripetutamente richiesto un'inchiesta internazionale obiettiva.

Considerando il fatto che Washington ha sanzionato praticamente tutto che c'è da sanzionare e che Mosca si è astenuta dall'usare i suoi grandi calibri contro gli Stati Uniti, la Russia ha alcune opzioni interessanti se decide di rispondere questa volta.

Finora, i legislatori russi hanno avvertito che le nuove misure punitive potrebbero essere affrontate con ritorsioni difficili che avrebbero come obiettivo alcune aree sensibili di cooperazione tra i paesi. RT ha deciso di approfondire l'elenco delle potenziali misure reciproche che Mosca potrebbe schierare per colpire gli americani.

Titanio

In caso di uno scambio a colpi di sanzioni a tutto campo, il governo russo potrebbe porre un divieto o qualche altro tipo di restrizione sulle esportazioni di titanio negli Stati Uniti. Il monopolio russo del titanio VSMPO-Avisma produce un terzo delle parti in titanio del mondo per l'industria aeronautica. L'azienda fornisce il 70 percento dei suoi prodotti al mercato globale. Avisma fornisce il 40 percento di componenti in titanio per Boeing e il 60 percento per Airbus e copre tutti i componenti in titanio per l'Embraer brasiliano.

Sostituire il titanio russo sarebbe quasi impossibile per Boeing. Il lavoro industriale con il titanio iniziò contemporaneamente negli Stati Uniti e nell'URSS negli anni '50. Tuttavia, solo la Russia ha avuto successo nella produzione di leghe di titanio di alta qualità.
Anche l'utilizzo di altri materiali non è un'opzione ideale per Boeing. Il titanio presenta importanti vantaggi rispetto ad altre leghe. La costruzione di aeromobili richiede l'uso di materiali in grado di sopportare le forti pressioni del volo ad alta quota, nonché l'esposizione costante agli elementi. Tradizionalmente, gli aerei erano fatti di acciaio, ma ora i materiali più leggeri e resistenti sono usati per prolungare la vita degli aerei e renderli più efficienti dal punto di vista energetico. Il titanio è resistente come l'acciaio ma è il 45 per cento più leggero. Può sopportare lunghi periodi di esposizione all'acqua salata in ambienti marini. La forza del titanio rende difficile la saldatura, il che contribuisce al suo alto prezzo rispetto all'acciaio e all'alluminio.

Spazio aereo

Situata strategicamente tra l'Europa e l'Asia, la Russia potrebbe introdurre tariffe più elevate per l'uso di transito del proprio spazio aereo per tutti gli aerei merci e passeggeri degli Stati Uniti, o potrebbe vietare del tutto i voli.

Nel migliore dei casi, i vettori americani dovrebbero pagare le tariffe più alte o scegliere rotte aeree alternative. Ma perdere percorsi russi più brevi dall'Europa all'Asia significa anche perdere la concorrenza delle compagnie aeree europee e asiatiche.

Nel peggiore dei casi, non ci sarebbe altra scelta se non quella di sorvolare il paese più grande del mondo, il che aumenterebbe significativamente i costi del carburante. In ogni caso, i vettori americani sopporterebbero pesanti perdite finanziarie che sarebbero un disastro per l'industria aerea statunitense.

GNL e altre energie

Anche le importazioni di gas naturale liquefatto (GNL) e di altri prodotti energetici dalla Russia negli Stati Uniti potrebbero essere vietati. Le esportazioni di petrolio e prodotti petrolchimici dichiarati dalla Russia negli Stati Uniti valgono 8 miliardi di dollari, che rappresentano solo il 4,6% delle esportazioni di energia della Russia. Il divieto sarebbe relativamente indolore per i produttori russi che potrebbero facilmente reindirizzare tali spedizioni ai compratori asiatici.

Ma potrebbe essere una storia diversa per gli Stati Uniti, che sta cercando di diventare un attore importante nelle esportazioni di energia. Incapace di produrre abbastanza per il consumo interno e le esportazioni e non avendo abbastanza navi cisterna per il GNL, gli Stati Uniti avrebbero rivenduto il GNL russo nei paesi europei. Se la Russia interrompe le forniture energetiche, i piani americani di diventare un importante esportatore di energia dovrebbero essere sospesi.

Aziende statunitensi in Russia

Nonostante il peggioramento delle relazioni tra Mosca e Washington, molte società americane continuano a lavorare in Russia senza interferenze da parte del governo russo. Per rappresaglia a qualsiasi nuova sanzione statunitense, la Russia potrebbe rendere la vita difficile a società come PepsiCo, Procter & Gamble, McDonald's, Boeing, Mondelez International, General Motors, Johnson & Johnson, Cargill, Alcoa, General Electric e molte altre società. Nell'agosto 2014, l'agenzia dei consumatori russa ha chiuso quattro ristoranti McDonald's nel centro di Mosca per "violazioni amministrative", avviando indagini su oltre 430 franchising russi della compagnia.

D'altra parte, ci sono pochissime compagnie russe negli Stati Uniti. Washington avrebbe difficoltà a rispondere con misure speculari. L'unica considerazione per il Cremlino nel mirare alle imprese americane in Russia è l'occupazione, dal momento che queste aziende offrono posti di lavoro per i cittadini russi.

Razzi russi

Le forniture di motori a razzo RD-180 sono viste come una delle carte vincenti della Russia per rappresaglia alle sanzioni statunitensi. I motori sono fondamentali per il programma spaziale americano, in quanto la NASA e il Pentagono li usano per lanciare i satelliti americani. I tentativi di smettere di comprarli dalla Russia sono falliti perché gli Stati Uniti non sono stati in grado di produrre un'alternativa di propria produzione.

I motori sono usati per alimentare i razzi Atlas V. Oltre ai motori RD-180, gli Stati Uniti acquistano i RD-181 russi. Il motore RD-181 viene utilizzato per alimentare i razzi Antares che lanciano i rimorchiatori da carico Cygnus sulla Stazione Spaziale Internazionale per la NASA. All'inizio di questa settimana, un alto parlamentare russo ha affermato che Mosca potrebbe vietare la vendita di RD-180 come misura di ritorsione.

Fonte: RT Eng
Notizia del: 12/08/2018

Nessun commento:

Posta un commento