Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 16 agosto 2018

Ponte Morandi - un atto d'accusa preciso che il corrotto euroimbecille Pd ha volutamente ignorato troppo affaccendato a gestire il potere

GENOVA NEL CAOS/ Quell'interrogazione sul ponte Morandi a cui Delrio non ha mai risposto

Il 28 aprile 2016 il senatore del Gruppo Misto Maurizio Rossi rivolse un'interrogazione a Delrio (Pd) in cui solleva il problema della Gronda e del Morandi. Nessuna risposta. SERGIO LUCIANO

16 AGOSTO 2018 SERGIO LUCIANO

L'ex ministro dei Trasporti Graziano Delrio (LaPresse)

"Recentemente, il ponte Morandi è stato oggetto di un preoccupante cedimento dei giunti che hanno reso necessaria un'opera straordinaria di manutenzione senza la quale è concreto il rischio di una sua chiusura; se non si predispone immediatamente una nuova strategia stradale di più ampio respiro del capoluogo ligure, i mancati lavori di realizzazione della Gronda sommati alla possibile futura chiusura totale o parziale del ponte Morandi determinerebbero inevitabilmente il collasso dell'intero sistema viario genovese"

E' il 28 aprile 2016 e il senatore del Gruppo Misto – ex Scelta Civica – Maurizio Rossi, genovese doc, editore dell'emittente televisiva di Genova Primocanale, rivolge un'interrogazione al ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Graziano Del Rio e la concentra sul ritardo nella procedura di avvio della costruzione della Gronda, in pratica quel raddoppio a monte del viadotto sul Polcevera, ovvero l'ormai distrutto Ponte Morandi, che sarebbe stato così quanto meno alleggerito dall'enorme traffico pesante che lo schiacciava.

"Stiamo parlando di 2mila Tir al giorno", commenta oggi Rossi, rientrato precipitosamente a Genova dalle vacanze per rimettersi al timone della sua tv. "Del Rio non mi ha mai risposto, ed era la seconda interrogazione che rivolgevo a lui, dopo averne inoltrata un'altra nel 2013. Sì, parlavo di un traffico enorme che generava una fortissima usura", prosegue, "e che oggi, oltre al dramma delle vittime, fa capire qual è l'altro dramma che si è abbattuto su Genova, sulla mia città: una città che da domani sarà completamente bloccata".

Rossi ha vissuto il suo ultimo mandato parlamentare da "missionario" della sua Genova "perché", spiega, "è il mondo che mi sento di rappresentare meglio. Ho investito l'esperienza da editore nella mia attività politica, mi sono dato come mission quella di parlare solo di questioni liguri, e non di massimi sistemi. Essendo nel gruppo misto ho avuto la corte di tutti, da Verdini ad Alfano a Renzi a Romani… al Senato un voto qualcosa valeva… ma ho deciso di starmene per i fatti miei e fare il senatore indipendente, nell'interesse di Genova. Il che oggi mi viene riconosciuto, se è vero che m'hanno intervistato dal New York Times ad Al Jazeera, oggi. Non i quotidiani di Genova! Ma questa è un'altra storia".

La storia brutta che invece Rossi riassume, con l'autorevolezza di chi sa le cose avendole seguite per trent'anni passo passo e da vicino, è quella delle responsabilità. "E' semplice capire di chi può essere la responsabilità del disastro", spiega. "Tutte le autostrade in concessione hanno un contratto con il ministero dei Trasporti che affida a loro la responsabilità della manutenzione ordinaria e straordinaria. Ma il governo deve vigilare sul modo in cui questa manutenzione viene effettuata. Ebbene: fino al 2012 quest'opera di vigilanza veniva effettuata dall'Anas. Poi, nel 2012, è uscita una legge che ha spostato la vigilanza dall'Anas al Ministero, costituendo al suo interno un'Agenzia ad hoc. L'Anas infatti controlla anche le strade statali e si voleva evitare un cumulo eccessivo di responsabilità. Ma contestualmente, un bravissimo dirigente incaricato di coordinare queste attività di controllo era stato spostato dall'Anas all'Agenzia; successivamente, questo dirigente è stato spostato altrove. E non basta!", prosegue Rossi: "In base al codice degli appalti, le concessionarie devono documentare anche la quantità di lavori manutentivi affidati ad aziende esterne al loro gruppo, perché se procedessero in proprio ad effettuare tutti i lavori di manutenzione, chi ne controllerebbe la qualità e quantità? Anche per questo ci vuole un organo di controllo esterno. Insomma, la materia è talmente complessa e delicata, che io credo verrà fuori un problema gigantesco. Tutto è possibile: la revoca della concessione, come hanno annunciato i ministri. Perfino confische risarcitorie di beni. Si potrebbe affidare la gestione all'Anas, o direttamente al ministero…".

Nessun commento:

Posta un commento