Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 15 settembre 2018

Brasile - Il partito dei Giudici, con l'avallo dei mass media hanno perpetuato un colpe

ALBA LATINA / Emozionante lettera di Lula al popolo brasiliano

Emozionante lettera di Lula al popolo brasiliano
13 Settembre 2018


Sicuramente saprete ormai che i tribunali mi hanno vietato di candidarmi alla Presidenza della Repubblica. In realtà, hanno vietato al popolo brasiliano di votare liberamente per cambiare la triste realtà del nostro paese.

Non ho mai accettato l'ingiustizia, e mai lo farò. Per più di 40 anni ho camminato a fianco del popolo brasiliano, sostenendo l'uguaglianza e la trasformazione del Brasile in un paese migliore e più giusto. Ed è stato camminando lungo tutto il nostro paese che ho potuto vedere da vicino la sofferenza che brucia l'anima e la speranza che brilla di nuovo negli occhi del nostro popolo. Ho visto l'indignazione per le molte cose sbagliate che stanno accadendo e il desiderio di migliorare la propria vita di nuovo.

Era per correggere tanti errori e rinnovare la speranza in futuro che ho deciso di essere un candidato alla presidenza. E nonostante le menzogne ??e le persecuzioni, il popolo ci ha abbracciati per le strade e ci ha portato in testa a tutti i sondaggi d'opinione.

Sono stato in prigione ingiustamente per oltre cinque mesi. Non ho commesso alcun crimine e sono stato condannato dalla stampa molto prima che venissi processato. Continuo a sfidare i procuratori di Lava Jato, il giudice Sérgio Moro, e la corte d'appello TRF-4 a presentare una singola prova contro di me, poiché uno non può essere giudicato colpevole per crimini non commessi, per denaro non distratto, per atti non determinati.

La mia convinzione è che si tratti una farsa giudiziaria, una vendetta politica, che ricorre sempre a misure eccezionali contro di me. Non vogliono arrestare e bandire solo il cittadino Luiz Inácio Lula da Silva. Vogliono arrestare e bandire il progetto del Brasile che la maggioranza ha approvato in quattro elezioni consecutive, e che è stato interrotto solo da un colpo di Stato contro un presidente legittimamente eletto - che non ha commesso alcun "crimine di responsabilità" - che alla fine ha gettato il paese nel caos .

Mi conoscete e sapete che non rinuncerei mai a combattere. Ho perso la mia compagna Marisa, addolorata per tutto quello che aveva visto accadere alla nostra famiglia, ma non mi sono arreso, anche in onore della sua memoria. Ho affrontato le accuse sulla base della legge. Ho denunciato le bugie e gli abusi dell'autorità in ogni tribunale, compreso il Comitato per i Diritti Umani delle Nazioni Unite, che ha riconosciuto il mio diritto a candidarmi.

La comunità legale, in patria e all'estero, si è indignata con le aberrazioni commesse da Sergio Moro e dalla Corte di Porto Alegre. I leader di tutto il mondo hanno denunciato il tentativo contro la democrazia in cui il mio processo è stato trasformato. La stampa internazionale ha mostrato al mondo cosa [il conglomerato dei media] Globo ha cercato di nascondere.

Tuttavia, i tribunali brasiliani mi hanno negato il diritto garantito dalla Costituzione a qualsiasi cittadino, a condizione che non si faccia chiamare Luiz Inácio Lula da Silva. Hanno respinto la decisione dell'ONU, mancando di rispetto al Patto Internazionale sui diritti civili e politici, a cui un Brasile sovrano aveva aderito.

Per azione, omissione e protrazione, la magistratura brasiliana ha privato il paese di un processo elettorale con la presenza di tutte le forze politiche. Hanno annullato il diritto del popolo di votare liberamente. Ora vogliono impedirmi di parlare alla gente e persino di apparire in televisione. Mi censurano, proprio come hanno fatto durante la dittatura.

Forse non sarebbe successo nulla se non fossi in testa in tutti i sondaggi sulle intenzioni di voto. Forse non sarei in prigione se avessi accettato di rinunciare alla mia candidatura. Ma non baratterei mai la mia dignità per la mia libertà, per l'impegno che ho con il popolo brasiliano.

Sono stato inserito artificialmente nella ‘Lei da Ficha Limpa’ per essere arbitrariamente escluso dalla corsa elettorale, ma non permetterò loro di fare di questo per imprigionare il futuro del Brasile.

È di fronte a queste circostanze che devo prendere una decisione entro una scadenza arbitrariamente imposta. Raccomando al PT e alla coalizione "O Povo Feliz de Novo" la sostituzione della mia candidatura con quella di mio fratello Fernando Haddad, che finora ha svolto lealmente la posizione di candidato alla vicepresidenza.

Fernando Haddad, ministro dell'Istruzione nel mio governo, è stato responsabile di una grande trasformazione nel nostro paese. Insieme, abbiamo aperto le porte dell'università a quasi 4 milioni di studenti provenienti da scuole pubbliche, neri, popoli indigeni, figli di lavoratori che mai prima avevano avuto questa opportunità. Insieme, abbiamo creato i Prouni, i nuovi Fies, le quote, Fundeb, Enem, il piano nazionale di istruzione, Pronatec, e abbiamo avviato quattro volte più scuole tecniche di quante ne fossero state avviate negli ultimi cento anni. Abbiamo creato il futuro.

Haddad è il coordinatore del nostro piano di governo progettato per far uscire il paese dalla crisi, ricevere contributi da migliaia di persone e discutere ogni punto con me. Sarà il mio rappresentante in questa battaglia per ripristinare il corso verso lo sviluppo e la giustizia sociale.

Se vogliono mettere a tacere le nostre voci e sconfiggere il nostro progetto per il paese, si stanno prendendo in giro da soli. Siamo ancora vivi, nei cuori e nei ricordi delle persone. E il nostro nome ora è Haddad.

Al suo fianco, candidata alla vicepresidenza, avremo la nostra sorella Manuela D'Ávila, confermando la nostra storica alleanza con il PCdoB, e altre forze come PROS, PSB, leader di altri partiti e, soprattutto, con i movimenti sociali, con i lavoratori nelle città e nelle campagne, esponenti delle forze democratiche e popolari.

La nostra lealtà, la mia, quella di Haddad e quella di Manuela, è in primo luogo con il popolo. È con i sogni di coloro che vogliono vivere di nuovo in un paese in cui tutti hanno cibo sul tavolo, in cui c'è lavoro, salari dignitosi, protezione legale per chi lavora; in cui i bambini hanno scuole e i giovani, un futuro; in cui le famiglie possono permettersi di comprare un'auto, una casa e continuare a sognare e realizzare. Un paese in cui tutti avranno opportunità e nessuno avrà alcun privilegio.

So che un giorno la vera giustizia sarà fatta e la mia innocenza sarà riconosciuta. E quel giorno sarò con Haddad per portare avanti il governo del popolo e della speranza. Saremo tutti lì, insieme, per rendere il Brasile felice di nuovo.

Desidero ringraziare la solidarietà di coloro che mi hanno inviato messaggi e lettere, che hanno pregato e organizzato manifestazioni per la mia libertà, che protestano in tutto il mondo contro la persecuzione e per la democrazia, e in particolare quelli che mi tengono compagnia quotidiana fuori dal luogo dove sono.

Un uomo può essere ingiustamente incarcerato, ma le sue idee no. Nessun oppressore può essere più grande del popolo. Ecco perché le nostre idee raggiungeranno tutti attraverso la voce del popolo, più potente e più forte delle bugie diffuse da Globo.

Pertanto, è dal mio cuore che desidero chiedere a tutti coloro che voteranno per me di votare a mio fratello Fernando Haddad come Presidente della Repubblica. E chiedo di votare i nostri candidati governatori, i nostri candidati in corsa per rappresentanti e senatori, in modo da poter costruire un paese più democratico, con sovranità, senza privatizzazione di aziende pubbliche, con più giustizia sociale, più istruzione, cultura, scienza e tecnologia, più sicurezza, alloggi e salute, con più occupazione, salari dignitosi e con la riforma agraria.

Oggi siamo diventati milioni di Lula e, d'ora in poi, Fernando Haddad sarà Lula per milioni di brasiliani.

A presto, amici miei. Hasta la victoria!

Un abbraccio dal tuo compagno di sempre,

Luiz Inácio Lula da Silva

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

Nessun commento:

Posta un commento