Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 10 settembre 2018

Gli ebrei nelle terre di Palestina sono un cancro da estirpare . il Mossad è un'agenzia di morte compie continuamente omicidi è la sua religione che lo impone

DOMENICA 9 SETTEMBRE 2018
Il Mossad è cambiato

È diventato più potente, sofisticato e spregiudicato, grazie al suo nuovo capo – «Il Modello» – e al rapporto che ha con il primo ministro israeliano

 
Yossi Cohen (HEIDI LEVINE/AFP/Getty Images)

Da due anni e mezzo il Mossad, l’agenzia d’intelligence per l’estero di Israele e il secondo servizio segreto più grande di tutto l’Occidente dopo la CIA, sta attraversando una specie di «età dell’oro», come l’ha definita il quotidiano israeliano Haaretz: sta portando a termine più operazioni, sta sperimentando nuovi modi di raccogliere le informazioni sensibili e sta ottenendo risultati superiori alle attese. Secondo molti osservatori, il merito è dell’uomo che da due anni e mezzo è il capo dell’agenzia: Yossi Cohen, 57 anni, conosciuto per il suo enorme carisma e per i suoi stretti rapporti con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, e noto anche con il soprannome «il Modello», per il suo aspetto fisico.

Cohen nacque a Gerusalemme nel 1961 e crebbe in una famiglia molto religiosa. Frequentò le scuole religiose, servì per un periodo nei Paracadutisti e a 22 anni fu reclutato dal Mossad. La sua carriera fu piuttosto rapida: divenne capo del Tsomet, il dipartimento che si occupa degli agenti operativi, e poi fu nominato vice del precedente direttore del Mossad, Tamir Pardo, con cui ebbe però un rapporto controverso. Nel 2013 fu nominato capo del Consiglio di sicurezza nazionale d’Israele, organo che ha un ruolo centrale nel coordinamento e nell’analisi delle varie attività che riguardano la sicurezza nazionale israeliana. All’inizio del 2016 Netanyahu lo nominò capo del Mossad, dandogli carta bianca praticamente su tutto. I due svilupparono un rapporto di totale fiducia basato su alcune convinzioni soprattutto legate all’Iran, il principale nemico di Israele: il budget riservato alle attività del Mossad crebbe rapidamente e fu usato per espandere l’agenzia a livelli mai visti prima, e soprattutto per introdurre cambiamenti importanti.

Negli ultimi due anni e mezzo il Mossad ha provato a “modernizzarsi”. Per esempio ha aumentato il numero di persone che svolgono il lavoro di agenti a loro insaputa e l’uso di mercenari senza legami con il Mossad, oltre ad avere avuto nuove capacità e tecnologie per compiere attacchi informatici. Le operazioni del Mossad sotto la guida di Cohen sono diventate più spregiudicate, frequenti, complesse e diversificate, rispetto a quelle approvate dalla precedente direzione di Pardo; sono diventate anche più difficili da ricostruire e da attribuire.


Una delle operazioni recenti di maggior successo del Mossad di Cohen è stata portata a termine alla fine del 2016 e terminò con l’uccisione di Mohammed Alzoari, un ingegnere coinvolto nello sviluppo di droni per l’organizzazione radicale palestinese Hamas. Alzoari fu ucciso in Tunisia, in un’operazione che di fatto fu “appaltata” a soggetti diversi che non sapevano di stare lavorando per il Mossad.

L’operazione fu studiata nei minimi dettagli. Secondo la polizia tunisina, due agenti operativi del Mossad dispiegati vicino a Vienna, in Austria, pubblicarono un annuncio su Internet per mettere insieme uno staff che avrebbe dovuto lavorare su una serie televisiva riguardante scienziati palestinesi e personaggi della cultura in Tunisia. L’annuncio diceva che la serie – che non è mai esistita – sarebbe stata trasmessa dalla televisione della Malesia.

Gli agenti noleggiarono automobili e affittarono appartamenti per rendere tutta la storia più credibile e ingaggiarono una giornalista ungherese a cui diedero il compito di mettersi in contatto con l’obiettivo, cioè Alzoari, senza però dirle il vero scopo dell’intera operazione. Alzoari, personaggio piuttosto misterioso che fino a quel momento era stato molto attento a non mostrarsi in pubblico, si incontrò con la giornalista il 14 dicembre 2016 in Tunisia, incuriosito dalla proposta. L’incontro permise al Mossad di individuare Alzoari, che da quel momento fu messo sotto sorveglianza. Il giorno dopo, mentre guidava verso casa, un’auto tamponò la sua macchina: scesero due uomini e gli spararono alla testa, uccidendolo. Anche i due uomini non erano agenti del Mossad: erano cittadini bosniaci che non sapevano nulla dell’identità dei mandanti. Gli investigatori pensarono di poter scoprire qualcosa dalle telecamere di sorveglianza presenti sul luogo dell’omicidio, ma non fu così: le telecamere erano state manomesse e non avevano registrato nulla, né il tamponamento né gli spari.

Schemi del genere sono stati usati in diverse operazioni del Mossad degli ultimi anni, in maniera sempre più frequente. Anche quelli che in passato erano critici verso Cohen, ha scritto Haaretz, sembrano essersi per lo più ricreduti: è descritto oggi come un direttore meno autoritario dei precedenti, più disposto a dare fiducia ai suoi agenti.

La principale differenza tra Cohen e i suoi predecessori, comunque, riguarda i rapporti del capo del Mossad con il primo ministro israeliano. Netanyahu si era mostrato molto diffidente nei confronti dei due precedenti direttori – Pardo e Meir Dagan – mentre con Cohen ha fatto capire subito di condividere obiettivi e priorità. Il punto che più unisce i due è l’ostilità verso l’Iran, considerato la principale minaccia alla sicurezza nazionale israeliana. Cohen e Netanyahu condividono anche la stessa posizione sulla Siria: pensano che Israele dovrebbe poter agire liberamente e in maniera aggressiva contro la presenza dell’Iran in Siria, come dimostrano per esempio i recenti attacchi alla base militare T-4 nella provincia siriana di Homs. La collaborazione tra governo e Mossad è diventata così stretta che di fatto Cohen ha cominciato ad agire come inviato personale di Netanyahu di fronte ai rappresentanti dei paesi stranieri, ad eccezione dell’Egitto, i cui rapporti continuano a essere gestiti da Nadav Argaman, direttore dello Shin Bet, l’agenzia di intelligence israeliana per l’interno.

Alcuni critici sostengono però questo rapporto così stretto tra Cohen e Netanyahu stia pregiudicando il lavoro del Mossad: Cohen risponde del proprio operato solo al primo ministro, evitando spesso di confrontarsi con chi la pensa diversamente da lui, anche all’interno dell’agenzia. Secondo un deputato del Comitato delle relazioni estere del Parlamento israeliano, citato da Haaretz e rimasto anonimo, Cohen avrebbe smesso di agire come il capo di un’agenzia di intelligence che opera in maniera indipendente, e sarebbe diventato di fatto parte dell’apparato politico dell’ufficio del primo ministro.

Nessun commento:

Posta un commento