Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 15 settembre 2018

Venezuela - mentre Maduro chiude accordi commerciali con la Cina i paesi succubi degli Stati Uniti vogliono sangue e invadere il paese

ALBA LATINA / Maduro incontra Xi. Venezuela e Cina firmano 28 accordi di cooper...

Maduro incontra Xi. Venezuela e Cina firmano 28 accordi di cooperazione


"La Cina sosterrà gli sforzi del governo venezuelano per la stabilità e sviluppo"

Il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha incontrato questo venerdì il presidente cinese Xi Jinping e il premier cinese Li Keqiang in una visita che lo terrà in Cina per 4 giorni complessivi.

Secondo quanto riporta Telesur, Li ha detto al presidente Maduro che la Cina sostiene gli sforzi del Venezuela per sviluppare la sua economia e migliorare i mezzi di sussistenza della popolazione. Pechino, a tal fine, è disposta a fornire l'aiuto possibile. Il presidente cinese Xi, riporta sempre Telesur, ha detto a Maduro che i due paesi dovrebbero promuovere una cooperazione reciprocamente vantaggiosa per portare le relazioni in una nuova fase e consolidare la fiducia reciproca. Xi ha anche confermato che la Cina sosterrà gli sforzi del governo venezuelano per cercare stabilità e sviluppo.

Prima degli incontri istituzionali, Maduro aveva visitato il mausoleo di Mao Zedong per rendere omaggio al leader cinese. Il presidente venezuelano ha onorato Mao inchinandosi tre volte davanti a una corona di fiori al grande mausoleo che si affaccia su piazza Tiananmen e ha lodato il fondatore della Cina comunista, secondo quanto riporta Channel Asia News. "Stiamo iniziando questa visita di stato nel migliore dei modi perché siamo venuti a rendere omaggio al grande timoniere Mao Zedong ... Sono molto commosso perché parliamo davvero di uno dei grandi fondatori del sistema multipolare del XXI secolo", ha detto Maduro.

che ha definito Mao come un "gigante della patria dell'umanità" e un "gigante di idee rivoluzionarie".

La visita di Maduro in Cina arriva su invito di Jinping. Maduro ha dichiarato che la visione del leader cinese di un "destino comune per l'umanità" è più che benvenuta da chi cerca un mondo "senza un impero egemonico che ricatta, che domina, che attacca le persone del pianeta".

Venezuela e Cina hanno firmato 28 accordi di cooperazione che stimoleranno l'economia e lo sviluppo di entrambi i paesi nei prossimi anni nel settore petrolifero e minerario. La cerimonia si è svolta durante la chiusura del XVI Incontro della Commissione congiunta di alto livello Cina-Venezuela (CMAN). All'evento conclusivo hanno partecipato il presidente venezuelano Nicolás Maduro e il ministro degli esteri cinese Wang Yi. Durante il suo discorso, il presidente Maduro ha detto che la firma degli accordi "ratifica il percorso di sviluppo degli investimenti condivisi per realizzare lo sviluppo delle nostre joint venture nel settore petrolifero" e che grazie agli accordi della commissione mista e alla forte relazione Cina-Venezuela, il paese potrebbe affrontare le sue circostanze e ha assicurato che "oggi il Venezuela è in piedi e siamo in condizioni migliori che mai".

Notizia del: 14/09/2018

Nessun commento:

Posta un commento