Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 18 ottobre 2018

Alain de Benoist - L'albero della storia è sempre verde

L’intervista. Alain de Benoist: “Il mondialismo? E’ l’estensione globale della legge del mercato”

Pubblicato il 17 ottobre 2018 da Barbadillo
Categorie : Le interviste Politica

Alain de Benoist

Alain de Benoist, l’Europa non non se la passa troppo bene… Come guarirla?

“Smettiamo di parlare di “Europa” quando vogliamo parlare dell’Unione europea! L’Europa è una realtà storica e geografica, una civiltà da duemila anni. L’Unione europea è una recente creazione istituzionale, che è molto diversa. Una delle critiche che si possono fare all’Unione europea potrebbe essere quella di avere in qualche modo screditato l’Europa. “L’Europa” è apparsa qualche decennio fa come soluzione a quasi tutti i problemi. Oggi è diventato un problema in aggiunta ad altri.

Detto questo, è vero che l’Unione europea non sta andando bene. È il minimo che possiamo dire. Non sono un medico e non ho alcuna soluzione per “curarla”. Se il rimedio esistesse, sarebbe stato scoperto molto tempo fa. Ma possiamo almeno provare a fare una diagnosi. L’Unione europea è stata costruita sin dall’inizio, nonostante il buon senso. Ha favorito il commercio e la finanza rispetto alla politica e alla cultura, mentre il contrario avrebbe dovuto essere il caso. E’ stata costruita dall’alto, mentre dovrebbe essere stata edificata dal basso, in conformità con il principio di sussidiarietà. È stata istituita senza che i popoli siano stati consultati (e le poche volte che sono stati consultati, la loro opinione non è stata presa in considerazione). Si è allargata troppo rapidamente territorialmente, con il rischio di diventare ingovernabile. Non è stata in grado di fissare i propri limiti geopolitici e nemmeno di determinarne la ragion d’essere. Invece di voler creare un potere, voleva creare una zona di libero scambio e un mercato. Ha adottato una moneta unica, ignorando le differenze strutturali esistenti nei diversi Stati membri. Alla fine, ha dimostrato di non essere in grado di affrontare la sfida migratoria. Il risultato è che oggi è impotente, quasi rovinosa e quasi completamente paralizzato.

Di fronte a questa situazione, ci sono due possibili soluzioni: il ritorno alle nazioni o la creazione di una “altra Europa”. Il secondo è oggi un pio desiderio. Il primo ha il vantaggio di preservare a un livello inferiore le cose che non possono essere al livello più alto, ma non risolve un altro problema, vale a dire la necessità di avere un potere di livello continentale per esistere in un mondo multipolare.

Il nuovo elemento è che l’Unione europea sta crollando oggi. L’introduzione dell’euro aveva già creato una divisione Nord-Sud, tra i “ricchi” paesi della parte settentrionale e i “poveri” paesi del sud, che hanno sopportato il peso delle drammatiche conseguenze dei programmi di austerità liberale. La crisi migratoria ora rivela una seconda frattura, non più tra il Nord e il Sud, ma tra l’Occidente e l’Est, poiché è intorno ai paesi del gruppo di Visegrád che i sostenitori di un ritorno ai confini si vanno aggregando. Non riesco a vedere l’Unione europea sopravvivere a questa doppia interruzione. Allo stesso tempo, “l’euroscetticismo” sta aumentando ovunque, al punto che ci si chiede se non sarà nella maggioranza alla fine delle prossime elezioni europee. Le cose si stanno quindi muovendo molto. Siamo solo all’inizio di un processo”.

In questo momento, sia il populismo che il sovranismo sembrano avere il favore della gente. Cosa ne pensi?

“L’ascesa del populismo in quasi tutti i paesi europei è il fenomeno politico più importante che si è verificato in Europa da oltre trent’anni, come spiega il crescente discredito di una classe dirigente che gradualmente si è staccata dal popolo e che difende più di tutto i propri interessi. Questo stesso discredito ha portato a diffuse forme di sfiducia nei confronti delle élite politiche, economiche e dei media, percepite come una casta sconnessa da tutte le realtà, a partire dalle realtà sociali e nazionali. Successive disillusioni legate all’esercizio classico del suffragio hanno anche svolto il loro ruolo, così come la crisi della rappresentanza. La gente si è stancata di sentire promesse che non sono state mai mantenute. Inizialmente i cittadini si sono rifugiati in forme di astensione, poi nel voto di “protesta” e infine nel populismo.

Ho pubblicato pochi mesi fa un libro sul populismo che cerca di fare un’analisi sostanziale. Mi soffermo sulla nozione di “persone”, che può essere interpretata come demos, come pure etnia o plebe. Ci sono due cose sul populismo che devono essere ricordate. La prima è che va di pari passo con il crollo dei vecchi “partiti governativi” tradizionali, che erano anche i principali vettori della divisione sinistra-destra. La seconda è che sostituisce questa vecchia scissione, di tipo orizzontale, con una nuova scissione di natura verticale, che che vede la contrapposizione della gente alle élite. Questa opposizione è decisiva oggi: è anche la frattura tra i perdenti e i vincitori della globalizzazione, tra le popolazioni sedentarie “non connesse” e quelle “connesse”, tra le cittadinanze “periferiche” e una classe deterritorializzata o persino transnazionale, che ha acquisito senza riserve i dogmi dell’ideologia dominante, il pensiero unico e la legge del profitto. È questa sostituzione di un asse verticale al posto del vecchio asse orizzontale che impedisce ogni analisi del populismo usando termini e concetti ormai obsoleti”.

Come costruire un’Europa dei popoli senza cadere nei terribili errori del passato (stalinismo, nazismo, razzismo)?

“Gli errori del passato hanno almeno il vantaggio di mostrarci cosa non fare. Stalinismo e nazismo sono, inoltre, fenomeni tipicamente moderni, nel contesto di un’epoca completamente scomparsa. Le sfide odierne, che siano nella morsa dei valori di mercato, della minaccia migratoria, dell’ecologia, dell’intelligenza artificiale, ecc., sono di natura molto diversa.

L'”Europa dei popoli” probabilmente non è in costruzione per il domani, e di questo mi dispiaccio. Nell’immediato, ciò che è necessario, è soprattutto partire dal basso facendo rivivere la nozione di cittadinanza e creando le condizioni per una democrazia più diretta. Solo la democrazia partecipativa, necessariamente “illiberale”, può rimediare all’attuale crisi delle democrazie liberali. In altre parole, è quello di creare “spazi liberati”, sia a livello di comune, regione e nazione”.

Globalizzazione: a chi e a cosa serve davvero? Trova che abbia solo aspetti negativi?

“La globalizzazione è prima di tutto l’altro nome per definire l’estensione globale della legge del mercato. Questo è l’ultimo stadio del capitalismo postmoderno. La sua essenza è quindi principalmente economica, commerciale e finanziaria. Gli attori principali non sono più gli Stati, ma le multinazionali, i mercati finanziari e i Gafa (Google, Amazon, ecc.). È in questo elemento che si differenzia da tutti i precedenti fenomeni di semplice internazionalizzazione. Nel diciannovesimo secolo, il capitale poteva ancora servire in parte gli interessi nazionali. Oggi è completamente deterritorializzato. Le transazioni finanziarie sono globali e avvengono al ritmo di micro-secondi, con la delocalizzazione che è in grado di mettere i lavoratori europei in concorrenza con quelli dei paesi a basso costo, il che sta causando la graduale scomparsa delle classi medie; l’immigrazione determina una pressione al ribasso sui salari, e l’indebitamento pubblico limita ancora il margine di azione dei governi.

Da questo punto di vista, credo che la globalizzazione abbia principalmente (ma non solo) aspetti negativi. D’altra parte, un fenomeno molto importante è che, proprio come il capitalismo stesso, la globalizzazione ha contraddizioni interne proprie. Allo stesso tempo unifica, omogeneizza (popoli, culture, stili di vita), crea per reazione un’ulteriore frammentazione, che si manifesta con l’irredentismo, e con spasmi convulsivi che possono essere profondamente generatori di conflitti. Dobbiamo comprendere dialetticamente la globalizzazione”.

Perché il termine “nazionalismo” causa sempre paure e conflitti?

“In realtà genera paure molto più che conflitti. La ragione è che coloro che parlano di “nazionalismo” lo fanno principalmente per denunciarlo, in un modo che è intellettualmente pigro, perché non fanno mai lo sforzo di dare una definizione precisa. La parola “nazionalismo” è diventata un concetto di “catch-all”, in cui puoi mettere tutto ciò che desideri evocare. Lo stesso vale per “populismo” o “comunitarismo”. Ma a me sembra che l’opinione pubblica sia sempre meno sensibile a queste definizioni proprio perché vede che ciò che le viene detto non corrisponde alla realtà. Se oltre il 70% delle persone oggi è ostile all’immigrazione – mentre oltre il 70% dei giornalisti è a favore – non è perché il “razzismo” ha improvvisamente conquistato il 75% di menti. Le parole non sono cose”.

Oggi bisogna essere pessimisti, ottimisti o realisti?

“Immagino che lei indovini la mia risposta. In realtà è una domanda che non mi pongo. Georges Bernanos ha detto che gli ottimisti sono felici idioti e che i pessimisti sono degli infelici idioti. La storia rimane per definizione sempre aperta. Devi solo accettare per vedere quello che vedi”. (da Girodivite)

Nessun commento:

Posta un commento