Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 6 ottobre 2018

Alceste il poeta - ci rassicura con la sua bontà

Stragisti e pappemolli


Roma, ore 11, 4 ottobre 2018 

E chi lo sa.
La castrazione chimico-digitale ha ottenuto effetti di sorprendente efficacia.
Non se ne trova uno.
Conculcare la “mano morta” ha prodotto un doppio effetto: creare esserini asessuati o degli squallidi libidinosi.
I primi sono quello che sono: li riconosci dal ciuffo ingelatinato; i secondi sono sprofondati in una sorta di cupio dissovi bestiale, buono per essere stigmatizzato dal MeToo.
I controinformatori e i controinformati continuano a tifare Putin contro Nato, ma la realtà, micidiale, è che il tifo cela la totale, irrevocabile, mancanza di materiale umano adatto a una rivoluzione. Macché: pure a un tafferuglio. Senza maschi non c'è rivolta, questa una verità umana, troppo umana; talmente semplice da sfiorare il becero e il crasso (maschilismo).
Dire: la situazione nelle periferie è esplosiva, significa nulla. Il potere, nella esplosiva situazione delle periferie, nei ceffoni tra Singh, De Rossi e Seferovic ci sguazza alla grande; come nelle vetrine sfondate, nei bancomat schiantati, nei supermercati svuotati. Un’ondata di risse e mischie, con sottofondo razziale, è, anzi, auspicabile per chi voglia celare la questione primaria: Usura e Identità.
Eviscerare testicoli e ovaie culturali ai giovani italiani ha prodotto dei cretini. Ne abbiamo già parlato, anzi: ne parlo da sempre. Castrare i maschi, grazie al possente chiacchiericcio politicamente corretto, senza soste, ha immesso sul mercato della resistenza controculturale dei goffi nerdacchioni. Castrati di tutto, ovviamente. Le automobili le sanno più riparare? La caccia? La zappa sanno cos'è? Le armi, in generale? Coltelli, spade, fionde, balestre, una volta sogni dei ragazzini? Conoscono il funzionamento d'un generatore? Sanno quando maturano certi frutti? E le patate? Si piantano? Crescono sugli alberi o sottoterra? A lacci per cinghiali come stiamo? Arti marziali? Lotta? Orientamento nei boschi? Marce, gerarchia? Come si cucinano i gamberi di fiume? Vendemmia, seminagione, castagne, olive? Il nodo alla cravatta? A sport di squadra come stiamo? La pallavolo ... la pallavolo ... la pallavolo ... ma che pallavolo! A pallone si gioca! E i fucili? Sanno di cosa si parla? Le molotov? E pisciare? Il getto è dritto o moscetto, da prostata malinconica pure a vent'anni? Si fanno più le gare a chi piscia o sputa più lontano? Bullismo? Come stiamo con gli scherzi feroci nelle camerate? Capisco ... non ci sono più le camerate ... a pugni, allora, si fa più a pugni? Si gioca per la strada? Si spaccano crani? Okkio ... si palpano, in corsa, le chiappe delle sconosciute?

C'è ancora chi crede che il gender sia stato introdotto per rispettare le donne?

Siamo diventati più rispettabili, più azzimati, amanti del galateo. Anzi, nemmeno di quello, più asettici e neutri. In trent'anni. Trent'anni ... allora è vero che il comunismo serviva a qualcosa, mi ha recentemente detto un vecchio fascistone. Sì, a tenere alto il conflitto. Almeno c'era un po' d'azione, ha concluso con un sorriso da pugile suonato. Il comunismo era ciò che tratteneva, ora nulla trattiene, siamo entrati nel Mondo Nuovo, Unico. Poca violenza, molta repressione interiore, monodimensionalità ... in nome della Bontà, ovvio.
In Italia non potremmo fare la rivoluzione manco se risorgessero Che Guevara, Caio Mario, Garibaldi e Spartaco mettendosi al nostro servizio. Non esiste più il maschio. E nemmeno la femmina, peraltro, almeno a guardare il trio di punta del MeToo: Asia Argento, su cui taccio; Rose McGowan, una lesbica fidanzata con Rain Dove, una modella (di largo successo) che è una donna che è convinta di essere un uomo che è convinto di essere una donna e, forse, è davvero così.
Dopo aver visto Rain (al nome credevo fosse una pornostar: l'avevo scambiat* per Misty Rain) sono corso a prendere il DVD di Roma ore 11: solo la contemporanea presenza di Carla Del Poggio, Lucia Bosé, Elena Varzi, Lea Padovani e Delia Scala ha fornito il litio necessario a superare la depressione.
No, non c'è speranza, non venitemi a commentare sotto casa o a ciarlare di speranza che vi cancello ... bestemmiate, magari ... è più costruttivo.

Pure Luca Traini, l'estraneo, legge un pappone in aula per scusarsi di ciò che ha fatto, come un Homer Simpson che abbia preso gusto alla ciambella dell'ecumenismo. Anche i razzisti e gli stragisti qui sono mansuefatti, addomesticati: hanno sbagliato, ma non sbaglieranno più! Giusto! Questa è l'età della scusa. Non si può prendere a sberle la moglie fedifraga, o il figlio somaro, o il rivale in amore o quello che ti riga la macchina al parcheggio ... si debbono intavolare trattative democratiche ... la moglie è a letto con un*altr*? Si porga il biglietto da visita. Il figlio è uno scemo con l'occhio languido? Lo si impasticca o lo si manda dallo psicologo infantile ... i ceffoni sono fascisti ... il padre legittimo divorzia? Esca a fare bisboccia col cazzon successore.
A leggere i commenti online sulla resipiscenza di Traini che legge le sue scuse alla nazione, ai nigeriani, al mondo corretto e al cielo dei migranti ci si accorge di cosa è successo ... la svirilizzazione del maschio è totale ... in nome della legge e della correttezza, beninteso ...aveva ragione, ancora unavolta, Jean Raspail ... presto entreranno in casa un paio di belinoni nigeriani, attaccheranno un pistolotto boldriniano sull'ingiustizia dei bianchi contro i neri e i bianchi lasceranno le stanze di loro spontanea volontà, felici di aver ottemperato alla bellezza del Nuovo Mondo imparziale ... le donne, pure loro, senza ovaie ... sono state svuotate della femminilità e infarcite di bei diritti ... e ora possono godersi l'indipendenza ... isteriche, istruite, civilizzate dal progresso e col lamento incorporato ... come le vecchie bambole col disco nel dorso ... emancipate, emancipatissime, a sei euro l'ora, in carriera nei supermercati, nel terziario avanzato, nelle pulizie, nei CAF sindacali ... a riempire moduli a cottimo per far ottenere a Chin Chan Pai la pensione, l'indennizzo, la 104 ... sfinite già a trent'anni ... coi mariti gonfi di popcorn e depressione post partum ... se sono fortunate ... altrimenti c'è il simulatore fallico sul comodino.

Le femministe al corteo dell'UDI: col dito! col dito! Ma il progresso, in tale campo, avanza. 

Traini, cattivissimo, quello che svuotò un caricatore senza prenderci mai ... anzi, no, qualcuno lo prese ... per fortuna della vittima: così il vulnus può risanarsi con qualche centinaio di migliaia di talleri ... tutti i cattivi debbono andare in galera ... i cattivi in quanto cattivi e, perciò, poiché cattivi, in quanto fascisti. Dal primo all'ultimo, sono d'accordo. Il mondo non dovrà avere più cattivi: e non li avrà, ve lo prometto! D'altra parte, ragionate: come si fa a essere cattivi col ciuffo ingelatinato sulla fronte? La barba scolpita? Quando, la sera, si programmano - fra maschi! - nottate davanti al videogame? Come si chiamava, Fortnite? Proprio ieri ho sorpreso dei venticinquenni a litigare (litigare!) perché uno di loro, nel gioco, era troppo veloce ... e lasciava i compagni indietro ... e, quindi, i compagni digitali eran caduti in un agguato ... agguato digitale ... e uccisi ... roba da chiodi ... roba da depressione caspica.

Quell'altro tizio di Riace, faccia dai tratti rilasciati e indistinti, sta in galera, pure lui. Ma é un gioco di specchi. Traduco: voi lo vedete in galera, ma, in realtà, è sugli allori. Presto arriverà la consacrazione. Aspettate, con calma, in poltrona. Se c'è una cosa che sa fare l'Italiano senza coglioni è cambiare rotta con cautela ... all'inizio si tratta di millesimi di centimetro ... poi, col tempo, il divario fra ciò che dovrebbe essere e ciò che effettivamente è, si allarga ... e alla fine chi è al gabbio si ritroverà, dopo tante scuse, in Parlamento. 

I cattivi, i maschi ... dove saranno andati a finire? Residuano nella bassa criminalità. Quello che ha dato una capocciata al free lance a Ostia ... Spada ... un diecimila di quei tipi sotto casa di Moscovici e le cose prenderebbero una diversa piega ... c'è poco da cianciare ... le rivoluzioni nascono nel sangue ... Robespierre era un avvocato, cioè un criminale del linguaggio, e agiva fomentando gaglioffi e tricoteuses. Ammetto che non è più tempo di sangue e cordite, è tempo di ragionevolezza ... di veri e propri déjeuner sur l'herbe ... a ingoiare crostini da concertazione dei sensi ... ci siamo fatti più scettici, disillusi, distaccati ... e non perché lo siamo davvero: scettici, disillusi, distaccati ... ma solo perché non siamo capaci di fare nulla ... la correttezza, il volemose bene alla John Lennon, la tolleranza, l'accoglienza non derivano da una riflessione profonda sulle istanze metafisiche dell'animo, ma da un crollo antropologico e fisico ... lungamente perseguito da chi sa ... e sa molto più di noi, per istinto ... quando tutto ciò che definisce un essere umano viene incasellato nel "male" non ci resta che divenire ragionevoli, di venire a patti, chini sotto le forche caudine ... ragionevoli, non razionali ... che la razionalità è da uomini ... ragionevoli e impotenti, vestiti dell'organza della sottomissione a un corollario di valori anemici, eterocliti, stranieri alla nostra vera essenza.

A Caudio, oggi provincia di Benevento, il sannita Gaio Ponzio fa erigere gioghi sotto cui si umiliano i comandanti romani. Alcuni di loro vengono sodomizzati. L'orrore per l'ignominia propagherà le sue onde psicologiche per secoli.

L'ultimo uomo e la trasvalutazione di tutti i valori sono davvero realtà!
Appunti per letture a venire: razze di cani create tramite mansuefazione. Manualetto.
Si reprime un istinto, tramite uno spietato e accorto gioco di premi e castighi, e si crea una seconda natura. Le femmine, intanto, vengono accoppiate con altre razze, scelte per la bisogna, più adatte ai fini dei domatori. La risultante: cani da compagnia, da caccia ai fagiani, da tartufi. Eugenetica e nuova etica: altri cani. Più utili, più buoni.

Su una cosa Nietzsche ha ragione da vendere: la maleducazione, il rilievo urtante della personalità, la vitalità volgare, hanno, quasi sempre, i tratti genuini della forza, di ciò cheascende.

Leggo che un capostipite dei Casamonica era sposato a una Spada, Teresa.
I Casamonica, gente d'Abruzzo, di origine sinti, come il calciatore Andrea Pirlo, l'ultimo vero fuoriclasse, avevano in mano il territorio del Mandrione, una borgata romana estrema e poverissima.
Uno dei pezzi più significativi di Carlo Emilio Gadda in Le meraviglie d'Italia: Genti d'Abruzzo. La canzone più bella scritta da Pasolini: Cristo al Mandrione. Ne esiste una bella versione di Gabriella Ferri.
Sia Pasolini che Gadda vantano un fratello morto, un fantasma nell'ombra. Come Catullo.
Solitari, misantropi: in grado diverso. Rifiutati dall'Italia. Fecero una brutta fine, infatti. 

Di gente in gente, di mare in mare ho viaggiato,
o fratello, e giungo a questa mesta cerimonia
per consegnarti il funereo dono supremo
e per parlare invano con le tue ceneri mute,
poiché la sorte mi ha rapito te, proprio te,
o infelice fratello precocemente strappato al mio affetto.
Ora queste offerte, che io porgo, come comanda l'antico
rito degli avi, dono dolente per la cerimonia,
gradisci; sono madide di molto pianto fraterno;
ti saluto per sempre, o fratello, addio. 

Caro Lei ... anzi, caro Voi (mi rivolgo, infatti, al fascistone anzidetto) ... qui ci vuole una guerra ... stragi, morti, ustioni, cancrene, case che crollano ... non siete d'accordo, caro il mio Farinacci degli stivali?
Certo! Sono con Voi, tovarisch ... mi risponde quello. E obietta, giustamente: e però, ... Vos quoque ... cadete nella sindrome del Grande Botto ... siccome siete sempre lì a digitare e a masturbarVi, caro Voi, sulla tastiera del nulla ... vi siete ridotto a tifare la catastrofe! Un comportamento che prima addebitavate ai coglioni ... e ora ... non sarà che vi state rammollendo?
Colpito, affondato! ... Touché! Ma cosa volete che faccia ... che mi metta a gridare "Vogliamo i colonnelli" dal balcone? I colonnelli, ormai, rubano nelle furerie ...
Allora non fate niente, amico mio, e scusatevi. Avete pargoli? Meglio non mischiarsi alle retroguardie ...
Giusto! Non resta che scusarsi, allora ... non del nostro comportamento, ma della nostra stessa esistenza! Annusare gli angoli, prepararsi alla successione ... con un bel testamento ... lascio ... a chi se la prende ... una casa A2, media periferia, garage, termoautonoma item magione rustica in piena Tuscia ... item terreni con seminativo e frutteto e servitù prediale annessa ... item casaletto magazzino ... item un gallo ad Asclepio ...

Pubblicato da Alceste a 10:16

Nessun commento:

Posta un commento