Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 13 ottobre 2018

Diego Fusaro - i valori devono essere abbattuti e cominciano con i bambini, creta docile nelle loro mani insanguinate

Bimbi costretti a scrivere lettere d’amore gay. Benvenuti nel gender-totalitarismo 

-11 ottobre 2018

Roma, 11 ott – “Scuole a misura d’uomo, shock in Inghilterra: bambini delle elementari costretti a scrivere lettere d’amore gay”: ecco l’osceno nuovo ordine erotico genderizzato, teso a destabilizzare la mentalità collettiva dei popoli e a produrre il nuovo atomo unisex post-identitario. La notizia sembra tratta da uno dei tanti romanzi distopici à la Orwell. E invece è realtà. È parte, appunto, di quella realtà che ha superato la fantasia. L’atomistica liberale della società ipersessualizzata e, insieme, privata del legame d’amore mira a dissolvere la famiglia nella pluralità nomade e diasporica degli io irrelati e dei consumisti erotici: o, in modo convergente, a ridefinirla come mero assemblaggio effimero e a tempo determinato, rispondente in via esclusiva al libero e illimitato desiderio di individui senza residua identità di genere e aspiranti unicamente al plusgodimento e al libero-scambismo erotico deregolamentato e sottratto al vincolo familiare e alle responsabilità che ad esso si accompagnano.

Affrancato da ogni eticità comunitaria, anche nell’ambito erotico l’individuo post-identitario deve porsi come imprenditore di sé e come totalmente autodeterminato. L’eclisse dell’etica comunitaria nell’ordine del sistema dei bisogni planetario deregolamentato reca con sé il rifiuto dell’incompletezza e dell’interdipendenza e, dunque, della necessaria complementarietà di uomo e donna culminante nella vita comunitaria familiare. Complice l’individualizzazione privatistica, il soggetto aspira a essere totalità autonoma, nel trionfo del mito della completezza androgina innalzato a nuovo lifestyle per consumatori fashion-addicted cosmopoliti e post-familiari, privati del diritto alla famiglia e, insieme, indotti a esaltare stolidamente tale privazione come conquista emancipativa.

Il nuovo ordine mondiale classista non tollera la sopravvivenza di Stati nazionali e famiglie, di lingue nazionali e culture, di identità e soggetti collettivi, siano essi i popoli o le classi, gli Stati o le nazioni. In conformità con la nuova monadologia liberal-libertaria, aspira a vedere ovunque il medesimo, id est il piano liscio del mercato globale sconfinato, con gli uomini ridotti a consumatori apolidi, anglofoni e senza radicamento, passivi e indifferenziati, neutri e senza capacità antiadattiva rispetto al regno a liberalizzazione integrale del costume e del consumo. Con il nuovo modello unisex promosso dal genderismo, l’élite finanziaria liberista e libertina ha dichiarato guerra non solo alla tradizionale eticità borghese, ma all’intera civiltà occidentale nella sua storia plurimillenaria, incompatibile con la produzione di una nuova identità sessuale precarizzata e destabilizzata, uniforme rispetto all’accumulazione flessibile e alla sua tendenza alla liquefazione di tutte le forme solide.

D’altro canto, l’interessamento da parte delle classi dirigenti globaliste per i diritti del movimento LGBT, lungi dall’essere filantropico e disinteressato, è orientato alla destabilizzazione organizzata della psicologia collettiva dei popoli e delle nazioni; destabilizzazione che avviene per il tramite dell’annichilimento delle tradizioni storiche e dei costumi condivisi e comunitari e, insieme, con il ricorso a una manipolazione di massa che, gestita dai pedagoghi del mondialismo e dai liberalizzatori cosmopoliti dei consumie dei costumi, aspira a imporre il messaggio per cui la natura umana non esiste e che, nel bazar del capitalismo di consumo, ciascuno può definirsi illimitatamente la propria identità per libero capriccio individuale.

In ciò risiede l’essenza del nuovo profilo soggettivo post-identitario o, se si preferisce, a identità decostruita, i cui tratti peculiari diventano la frammentazione, l’assenza di memoria e di prospettiva, la saturazione, la mancanza di centro. Permanentemente aperto alla negoziazione e al mutamento, il sé prende a essere inteso come mero costrutto, come semplice frutto di accordi, di convenzioni e di esigenze dettate dal momento. Mediante la prassi della disgregazione delle identità e della loro ricomposizione allineata con il modello unico codificato dalla bioingegneria del capitale, la personalità si scinde in misura sempre maggiore dall’esperienza, essa stessa degradata al rango del just in time: e si perde la possibilità di fare della propria biografia personale una narrazione coerente e unitaria, che non sia la semplice giustapposizione rapsodica di frammenti episodici, sconnessi e discontinui.

Questo aspetto contribuisce ad accentuare il carattere della nostra epoca come tempo dell’incertezza permanente e della flessibilità universale, il cui fine ultimo sembra potersi condensare nella mera sopravvivenza individuale dell’“io saturato” e post-identitario, gender-fluid e privatizzato, all’ombra del sociale e della politica, in forme sempre più prossime alla mera resistenza esistenziale quotidiana.

Nessun commento:

Posta un commento