Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 5 ottobre 2018

Si inverte l'obbligo dell'austerità e questo agli euroimbecilli di tutte le razze non va bene, vogliono continuare a regalare pezzi d'Italia agli stranieri

Quel deficit è necessario, coraggioso e pericoloso

di Stefano Fassina
2 Ottobre 2018

L’obiettivo di deficit al 2,4% del Pil per il triennio 2019-2021 è necessario e coraggioso, quindi pericoloso, come evidenzia la prevedibile e prevista agitazione dei mercati. Non è un obiettivo significativamente espansivo, dato che il 2018 è previsto chiudersi intorno al 2% del Pil. Ma evita il soffocamento dell’economia reale, in particolare della domanda interna, conseguenza del quadro “tendenziale”, segnato dal l’inseguimento degli autolesionisti parametri del Fiscal Compact.

Evita anche la negazione ex ante del senso politico profondo del voto del 4 Marzo e della insopprimibile domanda di riscossa sociale delle periferie e delle classi medie. Un terreno dimenticato da chi è attento ai principi democratici quando sono violati i diritti civili in Ungheria, ma rimuove i colpi mortali ai diritti sociali imposti dai governi “europeisti” in Grecia.

L’obiettivo scritto nella Nota di Aggiornamento al Def, in quanto necessario e coraggioso, è pericoloso. Gli spread tornano sotto controllo, dopo uno scossone iniziale, e consentono una robusta ripresa della produzione e della buona occupazione, quindi la stabilizzazione del debito pubblico oppure scatta la spirale di segno opposto?

È evidente che le conseguenze macroeconomiche, finanziarie e sociali dipendono da due fattori cruciali: la variazione della composizione dei programmi di spesa e delle entrate ma soprattutto, le reazioni politiche dei grandi interessi colpiti e gli effetti sui “mercati”.

Sul primo fronte, rilevano tanto le misure da introdurre e il relativo peso di bilancio (le risorse aggiuntive rispetto al Rei dedicate al “reddito di cittadinanza”, l’innalzamento delle pensioni minime, l’allentamento della Legge Monti-Fornero, l’ampliamento del “forfettone” fiscale, l’integrazione dei programmi di investimenti pubblici, in particolare nel Mezzogiorno, per citare le principali), quanto i tagli ai programmi in essere e alle detrazioni fiscali. È infatti insufficiente l’extra deficit rispetto al “tendenziale” a politiche invariate, circa 8 miliardi di euro per il prossimo anno, per finanziare le promesse elettorali in via di attuazione.

Sul secondo fronte, è decisiva la risposta politica nazionale e, soprattutto, sovranazionale all’insubordinazione del Governo M5S-Lega. Quali saranno le scelte politiche della Bce in relazione al comportamento dei principali acquirenti dei nostri Titoli di Stato? L’interazione Berlino-Francoforte porterà a far prevalere la preoccupazione per il rischio di instabilità politica e istituzionale in Italia e per le conseguenti ricadute sistemiche sui mercati finanziari europei e globali del nostro ingente debito pubblico oppure condurrà alle frustate di disciplinamento per inibire ricadute imitative, come nel caso della Grecia di Syriza?

A Berlino, avrà un effetto di ammorbidimento sull’intransigenza mercantilista il patto politico avviato da Manfred Weber, candidato Csu alla presidenza della Commissione europea, tra Partito Popolare Europeo e i cosiddetti governi “sovranisti”? I governi di Stati Uniti, Russia e Cina visitati di recente dai nostri Ministri economici e dal Presidente del Consiglio, per i loro interessi geo-politici nel vecchio continente, azioneranno le leve dei loro potenti fondi più o meno sovrani?

Si apre una inedita partita. Finalmente, ritorna il primato della politica sull’economia, condizione necessaria, ahimè non sufficiente dati i rapporti di forza interni e esterni, al primato della sovranità costituzionale. La cosiddetta sinistra da che parte sta? Continua ad affidarsi al “Generale Spread” per miopi illusioni elettorali? Insiste a stare dalla parte degli interessi più forti e a fare coppia di fatto con Ms T.I.N.A. (“There is no alternative” al dominio neo-liberista)?

Torniamo dalla parte del lavoro e dell’Italia.

Nessun commento:

Posta un commento