Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 28 ottobre 2018

Spread spread Npl Npl tutto in funzione della rapina ai risparmi degli italiani e il mago maledetto lo sa perfettamente

La guerra dei 7 anni ai nostri risparmi. Vi spiego la vera carneficina per il sistema bancario italiano

28 ottobre 2018


Il post dell’economista Alberto Bagnai (Lega), presidente della commissione Finanze del Senato, tratto dal suo profilo Facebook

Nel mio ultimo intervento a Radio Anch’io mi avrete sentito rivendicare di essermi accorto dei problemi delle banche un po’ prima di quelli che ora si stracciano le vesti (le “prefiche dello spread”, come le chiama @lemasabachtani su Twitter).

Vale per il bail-in (che denunciavo ai miei lettori poco prima della sua approvazione) e vale per un problema preesistente, le sofferenze bancarie (che vedete anche chiamare NPL: non-performing loans), la cui crescita a causa dell’austerità, oggi riconosciuta dall’Abi e dagli altri sacerdoti postumi del mainstream, veniva da me prevista nel primo dei tanti QED del blog.

Apprezzate l’onestà del web, che consente a chi ha visto prima (previsto) di dimostrarlo, mettendo chi aveva l’obbligo di essere previdente e vigilante di fronte alla vergogna della propria inadempienza: se ci arrivava un “professorino di provincia” come me, perché non ci arrivavano istituzioni con centri studi e analisti prestigiosi?

Un pezzo della risposta, forse, è nel fatto che i due temi (l’esproprio dei risparmiatori e il deterioramento dei prestiti) non sono slegati. In particolare, l’esproprio dei risparmiatori ha causato una ondata di panico bancario che ha costretto le banche a “smaltire le sofferenze” a prezzi di saldo per rastrellare liquidità, subendo così pesanti perdite, di gran lunga superiori a quelle prospettate a causa dello spread, per il semplice motivo che le banche hanno in portafoglio più crediti che titoli. (per i secchioni: i prestiti sono oltre 2300 miliardi, i titoli pubblici meno di 380).

Nei casi più eclatanti (sui quali si soffermerà, spero, la Commissione d’inchiesta che verrà approvata dal Senato fra una decina di giorni, dopo essere stata approvata in sede redigente dalla VI Commissione) i prezzi ai quali le banche hanno ceduto i crediti dubbi agli “specialisti” del recupero erano assolutamente incredibili.

Gli acquirenti, quindi, ci hanno fatto dei bei margini di profitto. Se la banca vende crediti per un valore di 100 al prezzo di 17, e chi acquista il credito riesce a recuperare 34 (circa un terzo del valore iniziale del credito), la banca ci ha perso l’83% (ha prestato 100 e le rientra 17) ma l’acquirente dei crediti ci ha guadagnato il 100% (raddoppiando da 17 a 34).

Recuperare il 30% di un credito, anche in caso di problemi, non è una prospettiva utopistica (stiamo parlando di crediti per lo più “assistiti” da garanzie reali, cioè da ipoteche su immobili) e quindi nessun istituto li avrebbe ceduti a un prezzo tanto basso se non fosse stato per l’urgenza provocata dal bail-in “anticipato” di novembre 2015.

Questa, che ha nome (decreto “salvabanche”, perché ai piddini non basta rovinarti: ti devono anche prendere per i fondelli!) e cognomi (Letta, Saccomanni, Renzi, Padoan,…) è stata la vera carneficina per il sistema bancario italiano, non lo spread degli ultimi sei mesi.

Ma, naturalmente, come tutte le storie in cui qualcuno guadagna molto, è difficile trovare chi ve la racconti per bene: quelli pagati per non capirla prevalgono.

Lo fa, con ampio ricorso a fonti ufficiali, un mio lettore in questo thread che vi sconsiglio di leggere: potrebbe succedervi di capire quanto è accaduto, e potreste essere presi da un incontenibile sdegno verso le prefiche dello spread e i carnefici (veri) delle nostre banche.

Certe volte l’ignoranza rende meno infelici, e questa è una di quelle…



Mi chiedo dove fossero tutti quelli che OGGI si preoccupano per la debolezza delle #banche, negli ultimi anni, quando le banche sono state costrette a ridurre €200mld di NPL a colpi di svalutazioni e cessioni e conseguenti aumenti di capitale e crollo valore di borsa #thread


Mi chiedo dove fossero tutti quelli che OGGI si preoccupano per la debolezza delle #banche, negli ultimi anni, quando le banche sono state costrette a ridurre €200mld di NPL a colpi di svalutazioni e cessioni e conseguenti aumenti di capitale e crollo valore di borsa #thread



Come rilevato da @moryalongo, l’impatto dell’aumento dei tassi dei TdS sul capitale delle banche si misura nell’ordine di €3miliardi ogni 100bp di #spread. Tanto che la soglia di allarme per eventuali aumenti di capitale è molto lontana. Invece... http://ow.ly/uv8J30mnYv7 pic.twitter.com/L4V2P9m2PO




Come rilevato da @moryalongo, l’impatto dell’aumento dei tassi dei TdS sul capitale delle banche si misura nell’ordine di €3miliardi ogni 100bp di #spread. Tanto che la soglia di allarme per eventuali aumenti di capitale è molto lontana. Invece... http://ow.ly/uv8J30mnYv7 



I prestiti presenti nei bilanci delle #banche sono pari a circa 7(dico sette) volte i titoli pubblici. Nessuno si preoccupava della salute delle banche quando circa il 15% di quei prestiti andava in fumo a causa di una recessione epocale? Mentre entrava in vigore pure il #bailin? pic.twitter.com/QOZof2LnkR




I prestiti presenti nei bilanci delle #banche sono pari a circa 7(dico sette) volte i titoli pubblici. Nessuno si preoccupava della salute delle banche quando circa il 15% di quei prestiti andava in fumo a causa di una recessione epocale? Mentre entrava in vigore pure il #bailin?



Nessuno rilevava che i prestiti a famiglie ed imprese decrescevano per quasi 4 anni consecutivi? Una contrazione del credito di dimensioni epocali! (In verità successiva ad un’esagerata crescita precedente, ma questa è un’aggravante, non un’esimente). pic.twitter.com/4v9PpF6GNY




Nessuno rilevava che i prestiti a famiglie ed imprese decrescevano per quasi 4 anni consecutivi? Una contrazione del credito di dimensioni epocali! (In verità successiva ad un’esagerata crescita precedente, ma questa è un’aggravante, non un’esimente).



Giusto per darvi un’idea del vero tsunami che ha investito il Paese. Sofferenze passate da poco più del 2% al 12% del PIL e PIL inferiore del 25% rispetto al trend precedente la crisi. pic.twitter.com/Nt06ddRInG




Giusto per darvi un’idea del vero tsunami che ha investito il Paese. Sofferenze passate da poco più del 2% al 12% del PIL e PIL inferiore del 25% rispetto al trend precedente la crisi.



La risposta è stata ridurre, ridurre ad ogni costo. Volete sapere cosa pensano a #Bankitalia di tutta questa corsa a ridurre le sofferenze? Pensano che sia una cosa senza fondamento. http://www.bancaditalia.it/pubblicazioni/note-stabilita/2017-0012/eng-note-stabilita-finanziaria-vigilanza-N-12.pdf.pdf?language_id=1 … pic.twitter.com/AG0gpX1qd0




La risposta è stata ridurre, ridurre ad ogni costo. Volete sapere cosa pensano a #Bankitalia di tutta questa corsa a ridurre le sofferenze? Pensano che sia una cosa senza fondamento. http://www.bancaditalia.it/pubblicazioni/note-stabilita/2017-0012/eng-note-stabilita-finanziaria-vigilanza-N-12.pdf.pdf?language_id=1 …



E chi aveva tutto da festeggiare, da questa corsa alla svendita dei crediti inesigibili da parte delle #banche, imposta dalla Vigilanza #BCE della Signora Nouy? I pochi grandi compratori (soprattutto esteri).https://twitter.com/giuslit/status/918430642156785664?s=21 …





E chi aveva tutto da festeggiare, da questa corsa alla svendita dei crediti inesigibili da parte delle #banche, imposta dalla Vigilanza #BCE della Signora Nouy? I pochi grandi compratori (soprattutto esteri).https://twitter.com/giuslit/status/918430642156785664?s=21 …


E se avete dei dubbi, ve lo faccio ripetere da #Bankitalia. Forse così è più chiaro. pic.twitter.com/cCT3gHqGtl




E se avete dei dubbi, ve lo faccio ripetere da #Bankitalia. Forse così è più chiaro.



Ma la Vigilanza #BCE non ci ha mai voluto sentire. Questo è uno dei danni più seri derivanti dall’appartenenza all’eurozona. Ci è stata impedita una ordinata e necessariamente lenta guarigione dalle ferite di una recessione epocale. Lasciando le #banche in balia del mercato. pic.twitter.com/NsGYGCD6zv




Ma la Vigilanza #BCE non ci ha mai voluto sentire. Questo è uno dei danni più seri derivanti dall’appartenenza all’eurozona. Ci è stata impedita una ordinata e necessariamente lenta guarigione dalle ferite di una recessione epocale. Lasciando le #banche in balia del mercato.



Centinaia di miliardi di prestiti in sofferenza, dietro cui c’era capannoni, aziende, case degli italiani, bruciati sull’altare del ‘tutto e subito’. Nonostante #Bankitalia fosse di parere contrario (Sole del 24/2/2017) pic.twitter.com/3suD4UoheS




Centinaia di miliardi di prestiti in sofferenza, dietro cui c’era capannoni, aziende, case degli italiani, bruciati sull’altare del ‘tutto e subito’. Nonostante #Bankitalia fosse di parere contrario (Sole del 24/2/2017)



Ancora sul Sole del 20/2/2017. La soluzione è unica: per ‘fare presto’ si deve vendere in blocco a grandi investitori internazionali. A 14 Cent!. pic.twitter.com/xEUzAPtdl6




Ancora sul Sole del 20/2/2017. La soluzione è unica: per ‘fare presto’ si deve vendere in blocco a grandi investitori internazionali. A 14 Cent!.



Ma quanto valgono questi NPL? Dopo una recessione epocale, sono saltati tutti i parametri di riferimento ed il prezzo lo fa soltanto una domanda concentrata nelle mani di pochi. http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2017-01-17/mps-vigilanza-bankitalia-contro-bce-npl-111130.shtml?uuid=AEZpJ7 …





Ma quanto valgono questi NPL? Dopo una recessione epocale, sono saltati tutti i parametri di riferimento ed il prezzo lo fa soltanto una domanda concentrata nelle mani di pochi. http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2017-01-17/mps-vigilanza-bankitalia-contro-bce-npl-111130.shtml?uuid=AEZpJ7 …




Le perplessità di #bankitalia, ancora una volta, non mancano. Ma a Bruxelles non si può dire di no. E così si volatilizza l’attivo di una delle più antiche banche del mondo. pic.twitter.com/VnnEsgeDzF




Le perplessità di #bankitalia, ancora una volta, non mancano. Ma a Bruxelles non si può dire di no. E così si volatilizza l’attivo di una delle più antiche banche del mondo.



Ma, colpo di scena! Nella valutazione degli NPL esistono figli e figliastri. Noi, come al solito, siamo più realisti del re. Le solite regole applicate ai nemici ed interpretate per gli amici. E la #BCE fa finta di accorgersene, come se la Vigilanza fosse su Marte. pic.twitter.com/eHAORQc05X


Nessun commento:

Posta un commento