Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 4 novembre 2018

Grafene cos'è e a cosa serve

Grafene: il materiale che cambierà il futuro in tutti i campi della tecnologia

Sta riscontrando grande successo l'utilizzo del grafene, un materiale 2D fatto di carbonio scoperto nel 2004, con ottime proprietà e molti campi di utilizzo.
-3 novembre 2018 - Aggiornato il: 3 novembre 2018, 15:35


La scienza e la tecnologia, nonostante occupano due campi completamente diversi, in questi ultimi anni cercano il più possibile di collaborare per rendere il più efficiente possibili i progetti futuri. Proprio nel caso che analizzeremo, che riguarda il materiale grafene, è l’esempio lampante di questa collaborazione e di come si rivelerà utile in futuro.

Cos’è il grafene e a cosa serve

Il grafene è un materiale chimico formato dagli atomi di carbonio. Quando gli atomi di carbonio sono disposti in modo casuale, si forma la grafite, il materiale nelle matite. Quando, invece, la struttura e la sequenza è ordinata si forma il diamante. Recentemente, è stato scoperto un nuovo materiale fatto di carbonio, il grafene, che ha una sequenza degli atomi di carbonio ben delineata ma solo due dimensioni, ovvero un atomo 2D. Venne scoperto casualmente in un laboratorio inglese e nel 2010 e la sua scoperta valse 2 premi nobel della scienza nel 2010. Questo materiale sta avendo un enorme diffusione, visto le sue numerose applicazioni ed al fatto che è un materiale leggerissimo, tanto che viene utilizzato dall’agenzia aerospaziale italiana per evitare che le ali degli aerei si ghiaccino o per altri schemi e progetti. Già lo possiamo trovare in alcuni oggetti abituali, quali racchette, scarpe ecc, ma grazie alle sue proprietà può adattarsi in molte altre funzioni, per esempio come depuratore dell’acqua o filtro d’aria visto la possibilità di creare buchi nella sua struttura. Inoltre, è un ottimo conduttore elettrico, addirittura meglio del rame, utilizzabile anche come una piccola lampadina. Sono tantissimi altri i campi in cui può essere utilizzato il grafene. Come dichiarato da più esperti, sarà il materiale del futuro nei prossimi 20 anni, le nuove costruzioni faranno ampio uso di questo prodotto e ciò cambierà la nostra vita quotidiana.

Nessun commento:

Posta un commento