Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 29 gennaio 2019

Immigrazione di Rimpiazzo - Il M5S vada a scuola di politica, nello specifico NO all'autorizzazione a procedere è talmente chiaro


Diciotti, Salvini: 'Processo non va fatto'. M5s ora valuta 

Il vicepremier: 'La mia decisione è stata presa nell'interesse pubblico'. Pd: 'Si faccia processare

FOTO
Il ministro dell'Interno Matteo Salvini durante la lettura della richiesta di archiviazione della Procura per la vicenda Diciotti 

Redazione ANSAROMA
29 gennaio 201916:02NEWS

Cambio di linea per il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, che sul caso della nave Diciotti in una lunga lettera al 'Corriere della sera' spiega di aver agito 'nell'interesse pubblico' e perciò chiede che venga negata l'autorizzazione a procedere dalla giunta del Senato. 'La mia vicenda giudiziaria è strettamente legata all'attività di Ministro dell' Interno e alla ferma volontà di mantenere gli impegni della campagna elettorale', evidenzia Salvini. 'Sono convinto di aver agito sempre nell'interesse superiore del Paese e nel pieno rispetto del mio mandato. Rifarei tutto. E non mollo'.

Una scelta che rischia di creare imbarazzo in casa M5s con i pentastellati che sembrano mettere in dubbio la linea finora sempre seguita del sì all'autorizzazione a procedere: "E' evidente - dice a Radio Anch'io il sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano - che Salvini abbia cambiato idea o almeno il suo avvocato... Noi M5S lavoriamo con coerenza e abbiamo sempre dato l'autorizzazione a procedere", detto questo "Conte e Di Maio hanno detto chiaramente che sono dispostissimi a farsi processare insieme, credo che debbano essere parte del processo perchè sono scelte collegiali di tutto governo". 

Stessa linea dal ministro Danilo Toninelli: sul caso Diciotti, "abbiamo preso insieme, io, lui, il presidente del Consiglio e l'intero governo italiano del cambiamento la decisione: se processano Salvini, devono processare anche me e tutto il governo". Così il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, a Mattino cinque, ribadendo che "la scelta è stata di tutto il governo".

"Io adesso - dice invece ad Agorà il parlamentare M5s Emilio Carelli - non so se voteremo sì o no, perché le cose son cambiate in queste ultime ore. Ripeto, a mio parere dobbiamo aspettare quello che si diranno poi Salvini e Di Maio in queste ore". "Penso che - aggiunge il senatore M5S - noi dobbiamo innanzitutto prendere nota di questo cambiamento di opinione. E' giusto e anche lecito che una persona possa cambiare opinione. Quindi Salvini chiede ora di non dare l'autorizzazione a procedere. Devo ricordare che il M5S non ha mai negato in passato l'autorizzazione a procedere. Quindi c'è una prassi del Movimento. Detto questo dobbiamo ricordare che la decisione fu collegiale, non fu solo di Salvini. Quindi Conte e Di Maio si dovrebbero ricordare di essersi associati a questa decisione e chiedere a loro volta di essere processati". 

"Salvini ha chiesto libertà di coscienza che però non è la nostra posizione - spiega la presidente della Commissione Giustizia della Camera, Giulia Sarti (M5S) -. Avete già visto quello che ha dichiarato il vicepremier Di Maio domenica sera: la nostra posizione sulle autorizzazioni a procedere credo sia risaputa". "Poi che questo sia un caso particolare nessuno lo mette in dubbio", "è stata una scelta condivisa anche con altri ministeri e con il governo", aggiunge.

La presa di posizione del leader della Lega causa la reazione dell'opposizione. Il Pd con Maurizio Martina attacca via twitter: "Sequestrare persone in mare o in un porto non ha nulla a che fare con l'interesse pubblico. È contro la Costituzione. Salvini gioca allo sceriffo, si sente sopra la legge, ma poi vuole lo scudo del Senato. Si difenda nel processo e non dal processo". 

Sequestrare persone in mare o in un porto non ha nulla a che fare con l'interesse pubblico. È contro la Costituzione. Salvini gioca allo sceriffo, si sente sopra la legge, ma poi vuole lo scudo del Senato. Si difenda nel processo e non dal processo.

A bordo della Diciotti, la nave della Guardia costiera con a bordo 177 persone soccorse lo scorso agosto, c'era la possibilità che ci fossero infiltrazioni terroristiche e/o criminali: a sostenerlo funzionari del Viminale davanti ai magistrati siciliani, nell'inchiesta che vede indagato il ministro dell'Interno Matteo Salvini, "anche se la ricostruzione del Tribunale dei Ministri non ne ha tenuto conto". Lo rilevano fonti del Viminale in merito alla richiesta di autorizzazione a procedere nei confronti del ministro.

Nessun commento:

Posta un commento