Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 15 gennaio 2019

Maledetto stregone c'è un accanimento preciso sui Npl delle banche italiane e guarda caso su quelli del Monte Paschi di Siena, una banca già in difficoltà di suo grazie, NON DIMENTICHIAMOLO MAI al corrotto euroimbecille Pd. Ma i derivati no

Trending 14 gennaio, 2019 @ 12:22

Cosa sta succedendo al Monte dei Paschi. E perché si incrocia con Carige
Contributor, ho visto cambiare l’economia italiana.


La sede del Monte dei Paschi a Siena. (Getty Images)

“Entro due o tre mesi, saremo chiamati a fare delle scelte” sulla destinazione futura della banca, visto che il governo si è impegnato con la Bce e l’Ue a procedere con una fusione entro giugno di quest’anno. Così ieri, parlando di Monte Paschi, il vicepresidente del Consiglio Giancarlo Giorgetti. I tempi del mercato e della Ue, però, potrebbero imporre soluzioni ancor più rapide. È questo il sentiment che spiega la risposta violenta di Piazza Affari che ha portato alla sospensione del titolo dopo che, nella prima mezz’ora, si era accumulato un ribasso del 9% abbondante. Il detonatore che ha scatenato l’ennesima crisi della controllata del Tesoro, che assomiglia sempre di più a un pugile alle corde (in un anno il titolo ha perduto il 62%, scendendo a un valore di 1,7 miliardi di euro) è stato l’arrivo in banca della bozza di decisione sullo Srep 2019, in cui si indica come target minimo di capitale complessivo un livello pari all’11%.

È, almeno all’apparenza, una buona notizia: Francoforte, infatti, ha abbassato i target di capitale, cosa che faciliterà il collocamento di un bond Tier 2, un’emissione necessaria per rimpinguare il cuscinetto di capitale dell’istituto, uno dei requisiti del piano di ristrutturazione concordato con la Ue che la banca non è stata in grado di assolvere entro il 2018 a causa della volatilità del mercato. Ma la notizia è stata accompagnata dalla richiesta, inattesa, di una copertura integrale degli npl (anche quelli vecchi) e dall’invito ad accelerare gli sforzi per centrare gli obiettivi del piano. Insomma, un’altra tappa di un cammino travagliato che sembra scoraggiare gli estimatori (pochi) che puntano su uno sbocco felice per la controllata del Tesoro.


A complicare il percorso contribuiscono “le scelte” che, secondo quanto sostenuto da Giorgetti, il governo dovrà fare nel breve sul fronte del credito. La vicenda Mps, infatti, s’incrocia con quella di Carige su cui a breve riferirà in Parlamento il ministro Giovanni Tria. E prende corpo la tentazione di promuovere l’aggregazione tra le due realtà più fragili del sistema (cui va aggiunta la Popolare di Bari), magari attraverso una fusione propedeutica all’intervento di un partner forte (o meno debole). La sola prospettiva si è tradotta stamane in una pioggia di vendite sui titoli più indiziati, da Unicredit e Ubi, ma soprattutto su Banco Bpm, zavorrato dal richiamo sugli npl in attivo da Francoforte.

Ma andrà così? L’ipotesi meno lontana dalla realtà resta il ricorso a Unicredit, ipotesi finora rigettata dalla stessa banca anche se, in forma anonima, “due fonti vicine alla banca” hanno dimostrato una certa disponibilità a un intervento in Carige sulla base delle condizioni spuntate da Banca Intesa per le Popolari. A suo tempo l’operazione fu aspramente contestata dai Cinque Stelle, ma non sarebbe la prima correzione di rotta del Movimento. Però i margini sono stretti. Anche perché si avvicina la scadenza dei prestiti Tltro con la Ue. Il 2020 non sarà facile per nessuno.

https://forbes.it/2019/01/15/intesa-sanpaolo-le-case-di-lusso/

Nessun commento:

Posta un commento