Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 12 gennaio 2019

Siamo in una fase di transizione in cui il dollaro è ancora la moneta di riserva ma come sempre i cambiamenti esistono cominciano piano, si accumulano e poi oplà ci si trova in un sistema diverso

La Russia si sbarazza di 100 miliardi di dollari delle sue riserve a favore di yen, euro e yuan



La banca centrale russa ha iniziato a ridurre in modo massiccio le sue riserve nella valuta statunitense dopo le sanzioni e l'aumento delle pressioni di Washington.

La Banca centrale russa ha sostanzialmente ridotto il volume delle sue riserve internazionali in valuta statunitense, trasferendo quasi 100 miliardi di dollari allo yuan cinese, all'euro e allo yen giapponese, come registrato nell'ultimo rapporto ufficiale di questo organismo.

Le cifre corrispondono al secondo trimestre del 2018, che, secondo le regole della banca, sono pubblicate sei mesi dopo. Pertanto, tra marzo e giugno dello scorso anno, la percentuale del dollaro nelle riserve internazionali del paese è scesa dal 43,7% a solo il 21,9%.

Con questa ridistribuzione dei fondi, l'autorità finanziaria russa ha aumentato la proporzione delle sue riserve internazionali in euro fino al 32%, mentre la quota dello yuan è del 14,7%. La stessa percentuale è stata allocata ad altre valute, tra cui la sterlina inglese (6,3%), lo yen giapponese (4,5%), nonché il dollaro canadese (2,3%) e il dollaro australiano (1%).


Nel frattempo, il patrimonio totale della Banca centrale russa in valuta estera e oro è aumentato di 40,4 miliardi di dollari tra luglio 2017 e giugno 2018, raggiungendo un totale di 458,1 miliardi di dollari.

La Russia ha iniziato una riduzione senza precedenti dei titoli del Tesoro USA in aprile e maggio dell'anno precedente, a causa delle crescenti tensioni tra la Casa Bianca e il Cremlino. La massiccia vendita di 81 miliardi di dollari obbligazioni statunitensi in quei mesi coincise con le sanzioni imposte da Washington contro imprenditori russi, compagnie e funzionari pubblici.

Mosca ha apertamente dichiarato che le misure punitive e le pressioni degli Stati Uniti costringono la Russia a cercare monete di riserva alternative alla valuta statunitense per garantire la sicurezza economica del paese. Questo tipo di misure è stato adottato anche da altri paesi come la Cina e l'Iran con lo scopo di sfidare l'egemonia del dollaro nel commercio globale.

Fonte: Banca centrale russa - Foto Getty
Notizia del: 10/01/2019

Nessun commento:

Posta un commento