Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 8 gennaio 2019

Stx-Fincantieri e quei cialtroni euroimbecilli francesi e tedeschi con l'avallo degli euroburocrati. Il governo italiano che deve difendere gli Interessi Nazionali batta un colpo

Francia e Germania contro l’Italia su Fincantieri-Stx. E Bruxelles si mette all’opera…

8 gennaio 2019


Ecco come e perché Francia e Germania vogliono intralciare l’operazione del gruppo italiano Fincantieri in Francia su Stx

Parigi e Berlino uniti contro Roma. I governi di Francia e Germania si mettono di fatto di traverso rispetto ai progetti del gruppo italiano Fincantieri in Francia. E Bruxelles immediatamente si mette all’opera. Ecco tutti i dettagli.

CHE COSA HA COMUNICATO OGGI LA COMMISSIONE EUROPEA

La Commissione europea mette sotto esame l’acquisizione di Chantiers de l’Atlantique (ex Stx) da parte di Fincantieri. A comunicarlo è lo stesso esecutivo Ue che ha accolto la domanda presentata dalla Francia e dalla Germania che la invitavano a esaminare la proposta di acquisizione di Chantiers de l’Atlantique da parte di Fincantieri alla luce del regolamento sulle concentrazioni. Secondo la Commissione di Bruxelles «l’operazione rischia di nuocere alla concorrenza a livello europeo e mondiale».

ECCO PERCHE’ FRANCIA E GERMANIA VOGLIONO INTRALCIARE FINCANTIERI

Sulla base degli elementi forniti dalla Francia e dalla Germania, e fatti salvi i risultati della sua indagine esaustiva, la Commissione Ue ritiene che l’operazione «potrebbe nuocere in misura significativa alla concorrenza nel settore della costruzione navale, in particolare per quanto riguarda il mercato mondiale delle navi da crociera».

LA RICHIESTA DELLA FRANCIA

La comunicazione odierna di Bruxelles chiarisce che la Francia ha presentato alla Commissione una “domanda di rinvio” che “permette a uno o più Stati membri di chiedere” all’Antitrust europea “di esaminare una concentrazione che, pur non rivestendo una dimensione europea, incide sugli scambi all’interno del mercato unico e rischia di incidere in misura significativa sulla concorrenza nei territori degli Stati membri che presentano la richiesta. La Germania si è associata alla richiesta di rinvio trasmessa dalla Francia”.

CHE COSA FARA’ LA COMMISSIONE DI BRUXELLES

La Commissione ha tenuto per sé l’esame integrale dell’acquisizione, ritenendo di “rappresentare l’autorità più idonea a valutare i potenziali effetti transfrontalieri dell’operazione”.
IL TWEET SIGNIFICATIVO DI CROSETTO, GIA’ SOTTOSEGRETARIO ALLA DIFESA


L’UE, su richiesta di Francia e Germania, deciderà se l’acquisizione di Stx da parte di FINCANTIERI può nuocere alla concorrenza europea e mondiale. Invece Airbus va bene così com’è, padrona assoluta in EU e oligopolista nel mondo. Ma AIRBUS è franco-tedesca. Governooo


TUTTI GLI ULTIMI APPROFONDIMENTI DI START SUL DOSSIER STX E NAVAL GROUP IN FRANCIA:



Nessun commento:

Posta un commento