Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 13 febbraio 2019

Banca d'Italia - discontinuità è nella logica delle cose, chiaramente il Sistema massonico mafioso politico frena e il fanfulla Salvini prende tempo

Bankitalia, continua attacco del M5S: non temiamo poteri forti

Le accuse pentastellate su una presunta inefficienza nell’operato della Banca D’Italia non si placano. D’altra parte, è proprio sulla base di queste accuse che il Movimento vuole intervenire per portare discontinuità. Sul blog delle Stelle, in un post dal titolo “Un nuovo corso per Bankitalia. Il cambiamento è tutelare i risparmiatori”, il M5S afferma che “cambiare i vertici, azzerarli se necessario, serve anche a mandare un messaggio ai risparmiatori traditi: lo Stato torna ad essere garante del risparmio, sciogliendo i legami incestuosi tra politica e finanza”. Ma già lo scorso agosto, nel caso specifico di Banca Etruria, i giudici avevano confermato che Bankitalia aveva operato nei tempi e nelle modalità previste. 

“Quello che vogliamo, come Governo del Cambiamento, è solo di esprimerci sui nomi dei vertici di Banca d’Italia e Consob. Ci è consentito dalla legge e lo faremo senza paura di toccare qualche potere forte”, scrive il M5S. “Un nuovo corso per Bankitalia”, prosegue. Dopo Consob, spiega M5S, ora “è il turno di Banca d’Italia”, sottolinea definendo la vigilanza degli ultimi anni “la più fallimentare della nostra storia”, sempre sulla base di ipotesi tutte pentastellate. “Una cosa è certa – prosegue – chi ha partecipato alla vigilanza degli ultimi anni non può rimanere al suo posto come se nulla fosse successo (niente)”.

Il blog ricorda, poi, di aver “stanziato un fondo da 1,5 miliardi di euro per risarcire azionisti e obbligazionisti colpiti dal sistema finanziario”. Banca d’Italia e Consob, spiega il Movimento, “sono due istituzioni troppo importanti per essere lasciate nelle mani sbagliate” – teoria sempre del Movimento – “Chi non vuole il cambiamento si rifugia dietro la loro ‘indipendenza’, che nessuno vuole toccare. L’importante è che l’indipendenza non diventi mancanza di responsabilità davanti ai gravi errori commessi”. “Tutti sanno – sostiene il blog – che negli ultimi anni la vigilanza sul nostro sistema bancario e finanziario è stata inadeguata, per non dire disastrosa. Non sono stati valutati correttamente i rischi patrimoniali della gestione spesso scellerata del credito da parte di manager incapaci o politicizzati, e sono state permesse vendite fraudolente ai clienti ‘retail’, cioè quelli tendenzialmente meno preparati a valutare il rischio dei loro investimenti. È successo in particolare con le obbligazioni subordinate, vendute e remunerate alla clientela come fossero prive di rischio ma in realtà molto rischiose, soprattutto dopo il recepimento nazionale della direttiva europea sul ‘bail-in’ che includeva queste obbligazioni nel perimetro di quelle aggredibili in caso di crisi bancaria. Questi errori, o più probabilmente si è trattato di collusioni tra vigilanti e vigilati, sono costate tantissimo a centinaia di migliaia di piccoli risparmiatori, compresi clienti a cui venivano vendute azioni della banca in cambio del finanziamento richiesto”.

E sebbene l’intervento del leader della Lega Matteo Salvini sul tema sia rimasto pacato, lo è stato meno quello del presidente della commissione bilancio alla Camera Claudio Borghi: “Non sono d’accordo – afferma – Penso che la discontinuità ci debba essere. Perché un conto è l’indipendenza, un conto è l’irresponsabilità. Se tutti siamo d’accordo che la Banca d’Italia ha vigilato male, ci deve pur essere un modo per i cittadini o per i loro rappresentanti di mostrare la loro insoddisfazione”, conclude in un’intervista su Rai Radio1.

Nessun commento:

Posta un commento