Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 3 febbraio 2019

Il Sistema massonico mafioso politico ha legami antichi e l'indagini approdarono al porto delle nebbie di Roma, dove il Partito dei Giudici l'ormeggiò

‘Ndrangheta e massoneria: quando Cordova non dava tregua al “fratello” Cossiga
-3 Febbraio 2019


Cossiga e Minniti

Negli elenchi in possesso del primo magistrato che ha combattuto la massoneria deviata ovvero Agostino Cordova innumerevoli sono gli ufficiali (esercito, CC, Finanza e Ps) appartenenti alle logge. Moltissimi anche i generali’

(Francesco Forgione & Paolo Mondani, Oltre la cupola: massoneria mafia politica)

Ma la “battaglia” proseguì anche tra tanti attacchi contro il magistrato, e nel libro Oltre la cupola si può leggere chi è stato l’avversario più arcigno di Cordova. Nientepopodimenoche l’ex presidente della Repubblica, Francesco Cossiga. 

‘Nel frattempo il senatore Cossiga, sempre lui, viene a conoscenza del rapporto riservato che Cordova aveva inviato al Csm e reagisce in maniera furibonda.

«Fascista. Paleostalinista. Modestissima persona. Ma chi ti ha fatto entrare in magistratura? Meno male che non lo feci nominare Superprocuratore antimafia»: è solo qualche assaggio della vulgata cossighiana.

Il senatore è infuriato per i riferimenti ai suoi rapporti con Armando Corona contenuti nella relazione. «Nel 1987», si legge nel rapporto «Corona, tramite l’onorevole Sergio Berlinguer (segretario generale del Quirinale), raccomandò a Cossiga il maresciallo De Lisa perchè fosse trasferito al Sismi».

L’ex capo dello Stato è «intervenuto molte volte in difesa della Massoneria, e Corona fu invitato all’insediamento di Cossiga e si recò da lui centinaia di volte». Nel caso di inviti improvvisi «Corona veniva prelevato all’aeroporto dagli autisti del Quirinale».


Armando Corona

Se ce ne fosse ancora bisogno, ecco un’ulteriore prova di interferenza della massoneria nei pubblici poteri: il capo dei massoni che raccomanda al capo dello Stato uno 007. Ma a Cossiga non pare così: «Cordova è andato a raccogliere spazzatura negli angiporti di qualche confidente delle forze di polizia» dirà ai giornalisti.

La polemica non finisce lì, il senatore è fermamente intenzionato a dare una spallata decisiva all’inchiesta. Telefona al presidente Scalfaro e gli segnala una presunta illegalità del dossier Cordova, a cui fa seguire una interpellanza urgente al presidente del Consiglio e ai ministri di Grazia e Giustizia e dell’Interno dove adombra il sospetto di essere stato spiato da Cordova in maniera abusiva.



Cossiga si sente perseguitato, tanto da sostenere di nutrire dubbi sulla sua incolumità e di avere bisogno di una scorta. Chiede persino che la Procura di Roma apra una indagine su chi lo avrebbe intercettato, visto che la raccomandazione di Corona gli arrivò per telefono’ .(Francesco Forgione & Paolo Mondani, Oltre la cupola: massoneria mafia politica, pag. 218-219).

Questo dimostra di quanto sia difficile persino ad un magistrato indagare su questo fronte così delicato.

Poi Agostino Cordova nell’ottobre 1993 fu trasferito a Napoli. Scrive il giornalista Mario Guarino: «Sperando che la smetta di occuparsi di questioni tanto destabilizzanti per la politica e la massomafia, i Palazzi del potere già da tempo avevano deciso di isolare Cordova, attraverso giornali ed emittenti amiche. La sua candidatura a Procuratore antimafia nazionale era stata bocciata, ma poichè il magistrato aveva le carte in regola, ecco il trasferimento-promozione alla Procura di Napoli, il 6 ottobre 1993. Un modo come un altro per far sì che non si impicciasse più di massomafia-politica. Prima di trasferirsi a Napoli, Cordova ha avuto la soddisfazione di assistere a una manifestazione popolare in suo favore’

(Mario Guarino, Poteri segreti …., pag. 512).

Poi le indagini vennero trasferite – per «incompetenza tecnica» della Procura di Palmi a occuparsi della materia – alla Procura di Roma nel giugno del 1994. Il procedimento rimase pressoché fermo per quasi sei anni, e poi nel dicembre 2000, il giudice per le indagini preliminari dispose l’archiviazione dell’inchiesta, nonostante nel corso degli anni fossero stati raccolti ottocento faldoni e ci fossero sessantun indagati.

4 commenti:

  1. Ciao amici, sono Natasa di Itally, aiutami a ringraziare il signor William Rogers per il prestito che ha offerto a me e alla mia famiglia questa mattina per asciugarmi le lacrime. La scorsa settimana abbiamo fatto domanda e ci ha promesso che oggi completerà il nostro trasferimento di prestito di 150.000 e con mia grande sorpresa ho ottenuto un prestito di 150.000 euro stamattina sul mio conto in banca. Dio benedirà te e la tua famiglia e la tua compagnia non si prosciugherà mai. Sono così felice. Se sei alla ricerca di un finanziatore genuino e professionale contatta il creditore via email e non sarai mai deluso
    Indirizzo email del prestatore: suntrustfinancialhome@gmail.com

    RispondiElimina
  2. Buongiorno a tutti
    Voi che avete bisogno di finanziamenti per la vostra casa, per il vostro business, per l'acquisto di un'auto, per la creazione della vostra attività, per le vostre esigenze personali non avete più preoccupazioni da fare. Concedo crediti personali da 3.000 € con un tasso di interesse nominale del 3% indipendentemente dall'importo. se hai bisogno di contattarmi su questo indirizzo email: puglisifabio5@gmail.com
    Passa il messaggio per aiutare chi è nel bisogno

    RispondiElimina
  3. Avete bisogno di un prestito? Siete uomo o donna d'affari ed avete bisogno di un prestito per aumentare la vostra impresa? Avete bisogno di capitale per iniziare un'impresa? Indipendentemente dai vostri problemi di prestiti potrebbero essere, ecco il vostro aiuto che offriamo prestiti ai privati ed alle imprese a debole tasso d'interesse ed accessibile.
    Contattiamo fin da oggi a :
    augusto.davila56@gmail.com

    RispondiElimina

  4. Buongiorno
    Voi che siete alla ricerca di denaro per affrontare i vostri problemi personale per rilanciare o realizzare le vostre attività ed allo stesso tempo per realizzazione di progetto
    contato mio email: lenzottilinda@gmail.com

    RispondiElimina