Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 15 aprile 2019

Guido Salerno Aletta - l'Ecuador di Moreno tradisce Assange

Vi dico chi può avere paura di Julian Assange

14 aprile 2019


Assange è una pedina importante: per parlare, per tacere, per imbrogliare. L’inchiesta americana del procuratore speciale Robert Mueller sulla pubblicazione delle e-mail dei democratici Usa da parte di WikiLeaks si è infatti chiusa senza chiedere alcuna incriminazione, né per Assange, né per nessun altro appartenente di WikiLeaks. L’analisi dell’editorialista Guido Salerno Aletta

Sarà vendetta. Julian Assange, il fondatore di WikiLeaks, è stato arrestato giovedì scorso a Londra in base a un mandato di arresto del 2012, quando invece di consegnarsi a Scotland Yard per essere estradato in Svezia e interrogato in merito alle accuse di stupro, si era rifugiato nell’ambasciata dell’Ecuador chiedendo asilo: era il 19 giugno 2012 e l’Ecuador era guidato dal presidente Rafael Correa.

Scotland Yard, che ha dato notizia dell’arresto di Assange, ha rammentato che in Inghilterra era inquisito solo per un reato che lo esporrebbe a una condanna minima, di appena pochi mesi: tutto quello che gli veniva contestato è la violazione delle condizioni per il rilascio in libertà su cauzione: Assange, appena libero per le accuse di stupro, si rifugiò invece nell’ambasciata ecuadoriana, sottraendosi così alla giustizia britannica.

Per il ministro degli Esteri britannico, Jeremy Hunt, «Assange non è un eroe. E nessuno è al di sopra della legge: ha nascosto la verità per anni». Il capo della diplomazia britannica ha così ringraziato il presidente ecuadoriano Lenin Moreno «per la cooperazione con il Foreign Office per assicurare che Assange affronti la giustizia». Non basta: Assange sarebbe colpevole di pirateria informatica, avendo utilizzato strumenti che non gli erano stati autorizzati.

Chi si meraviglia per questo arresto, reso possibile per la revoca dell’asilo da parte dell’Ecuador in quanto Assange avrebbe violato le condizioni che lo regolavano, avendo tentato di oscurare alcune telecamere di sicurezza e messo in opera dispositivi informatici non consentiti, fa finta di non capire che il gioco è molto più pesante: la chiusura dell’inchiesta sul Russiagate a carico di Donald Trump, mettendo finalmente in sicurezza il presidente americano, potrebbe aver dato vita a una serie di reazioni impreviste.

Assange è una pedina importante: per parlare, per tacere, per imbrogliare. L’inchiesta americana del procuratore speciale Robert Mueller sulla pubblicazione delle e-mail dei democratici Usa da parte di WikiLeaks si è infatti chiusa senza chiedere alcuna incriminazione, né per Assange, né per nessun altro appartenente di WikiLeaks. Parimenti, anche quella svedese per stupro era stata archiviata, il 19 maggio 2017, dopo che l’autorità giudiziaria competente ne aveva mantenuta in piedi la fase preliminare delle indagini per ben sette anni, senza né incriminare Assange, né scagionarlo definitivamente.

Ora, però, la vittima dello stupro avrebbe chiesto una riapertura dell’indagine: a questo punto, l’estradizione in Svezia per l’inchiesta sullo stupro esporrebbe Assange al rischio di un’ulteriore estradizione, questa volta negli Stati Uniti, dove dal 2010 è in corso un’altra inchiesta da parte del Grand Jury di Alexandria, in Virginia, per la pubblicazione di documenti segreti del governo americano. Rispetto a questa inchiesta, ancora in corso a novembre scorso, esisterebbe un mandato di arresto coperto da segreto contro Assange.

Assange è ancora una preziosa fonte di informazioni, non solo per il passato: se lo volesse, potrebbe mettere in difficoltà i democratici, e condizionare pesantemente la prossima campagna per le presidenziali. Oppure rivelare chissà che cosa sui mandanti delle sue attività. La reazione russa dimostra la delicatezza del caso: il portavoce del ministero degli Esteri, Maria Zakharova, ha affermato che «l’arresto a Londra del fondatore di Wikileaks è un duro colpo alla democrazia». E ancora, su Facebook, ha scritto: «La mano della democrazia strangola la gola della libertà». Nulla è vero, tutto è falso: la verità non sta nei fatti, sempre accertabili e incontrovertibili, ma nel loro significato. Qui si combatte ormai la vera guerra.

Nessun commento:

Posta un commento