Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista

Il PROTEZIONISMO diventa il soggetto spinto dalla DEFLAZIONE ordo-liberista
La ragione di ciò sta nel fatto che la cuspide del potere di queste due nazioni (Francia e Germania) comprende benissimo che la crisi strutturale di quei capitalismi perdura, si accresce, e non è domata dalla retorica europeista. La deflazione ordo-liberista erode i margini, fa scendere i tassi di profitto, rende più difficile la circolazione del capitale fisso e la finanza può far crescere qualche rendita, ma non crea lavoro, né prospettive per il giovane proletariato franco-tedesco. La circolazione del capitale si blocca e allora si ricorre al naturale e normale espediente che è il protezionismo. Ma questo scardina le basi stesse della struttura tecnocratica europea. Butta nel fango i trattati di Maastricht e di Lisbona, trasforma in canzoni da melodramma le recite neo liberiste. Giulio Sapelli http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2017/8/27/GEO-FINANZA-Dalla-Cina-alle-cicale-la-Germania-prepara-il-terremoto-dell-Ue/779737/

L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

martedì 2 aprile 2019

Roma - Monnezza - chiusa Malagrotta per sei anni Zingaretti ha ignorato di adeguare l'alternative, nessun Piano Rifiuti

RAGGI: INCENDI RIFIUTI 
ATTACCO MAFIOSO


2 aprile 2019

"Abbiamo avuto incendi nei due impianti per il trattamento dei rifiuti del Salario e di Rocca Cencia, nel deposito cassonetti Ama di Tor de Cenci e nell'isola ecologica di Acilia, più circa 600 cassonetti bruciati. E una decina tra furti e danneggiamenti alle sedi del servizio giardini", "i fatti parlano chiaro: siamo sotto attacco. I cassonetti bruciati si trovano per la maggior parte nel X e nel VII municipio, quelli dei clan Spada e Casamonica”. Lo affermala sindaca di Roma Virginia Raggi in una intervista al Fatto Quotidiano. E aggiunge: “E0 sicuramente in corso una guerra dei rifiuti a livello nazionale. Ma a Roma c'è una frequenza di incidenti alta, direi. E la certezza è che un determinato sistema ha sempre lucrato sullo smaltimento dei rifiuti indifferenziati e noi lo stiamo combattendo puntando sulla raccolta differenziata. Non ho paura di chi grida al complotto, e sfido gli interessi della criminalità. Roma non si piega agli interessi mafiosi”. Sul rogo al Tmb Salario, dove non sono state trovate tracce di incendio doloso, commenta: “All'autocombustione credo poco. E ricordo che sia nell'impianto del Salario sia in quello di Rocca Cencia la dinamica è stata la stessa: le telecamere erano spente e non c'erano vigilanti. Comunque su Rocca Cencia le indagini sono in corso, e su questi episodi c'è anche un'indagine interna ad Ama”. Rimanda al mittente le accuse sulla drammatica situazione dei rifiuti a Roma: “Nel 2013, chiusa la discarica di Malagrotta, andava adeguata la rete degli impianti. Ma per sei anni la Regione Lazio, guidata dal Pd, si è guardata bene dal varare un piano dei rifiuti”. Raggi commenta anche le dichiarazioni del prefetto che ha parlato di "marciume diffuso che tocca tutti i partiti a Roma": “Abbiamo portato una bella ventata di novità, ma dopo Mafia Capitale c'è ancora tanto da lavorare” e “ha ragione quando parla di un sistema di interconnessioni malate, che non tocca solo i rifiuti. E noi lo combattiamo con i bilanci in ordine, la programmazione e i bandi di gara”. L'arresto del presidente del Consiglio comunale De Vito non prova che questo sistema ha infiltrato anche M5S? “Qualcuno ha provato a infiltrarsi e a infettare l'amministrazione, ma la mia reazione è stata immediata”. 

Nessun commento:

Posta un commento