L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

sabato 11 maggio 2019

Siria - gli statunitensi ed ebrei non contenti di aver scatenato i mercenari tagliagola hanno messo in ginocchio il paese imponendo sanzioni, piegando la popolazione alle distruzioni, morti e alla mancanza di merci, continuano imperterriti a perpetuare crimini contro l'umanità

L'Iran consegna segretamente 1 milione di barili di petrolio alla Siria


Nel bel mezzo delle tensioni con gli Stati Uniti, l'Iran sta gestendo la scommessa ad alto rischio di riavviare i suoi grezzi trasferimenti in Siria.

Un nuovo rapporto rivela che l'Iran, nonostante le forti tensioni con gli USA, abbia consegnato un milione di barili di petrolio attraverso il porto siriano di Baniyas all'inizio di maggio, il primo dalla fine del 2018, secondo TankerTrackers.com e ClipperData, citati sempre nell'articolo della CNBC. 

Negli ultimi mesi Washington ha aumentato le sanzioni mirate contro le importazioni di petrolio siriano, causando la peggiore crisi petrolifera della storia moderna della Siria, determinando un'economia "senza vita" e "decimata" con code chilometriche di auto, a volte in attesa di giorni per un semplice pieno di gas, come recentemente descritto da un rapporto di Bloomberg sul posto.

Ironia della sorte, dopo sette anni di massacri, mentre il governo è emerso vittorioso, adesso che vive una relativa stabilità e conseguente calma su gran parte del paese, deve affrontare un "assedio economico" che ha colpito la popolazione con tutta la sua forza.

Anche durante alcuni dei peggiori anni di guerra, Damasco era sempre un centro economico pieno di traffico per i suoi sei milioni di abitanti, ma come abbiamo notato in precedenza il paese è stato immerso in una crisi di carburante che è il risultato di nuove sanzioni petrolifere guidate dagli Stati Uniti prendendo di mira Damasco e Teheran. Come un recente rapporto WSJ ha evidenziato, le forniture di petrolio iraniane alla Siria sono “precipitate” dallo scorso gennaio.

Dato che l'Iran, come di recente ha annunciato, pensa di non rispettare le parti chiave dell'accordo del 2015, sostenendo che sta esaurendo la pazienza con i firmatari europei del JCPOA mentre la sua economia deve affrontare la decimazione delle sanzioni statunitensi, il suo stretto alleato sarà la Siria punto di partenza chiave per il greggio iraniano, insieme al vicino iraniano dell'Iraq, visto che Teheran ha anche dichiarato la sua intenzione di far cadere le sanzioni statunitensi.

Di recente, Washington ha promesso di tagliare con la forza sia le esportazioni iraniane sia tutte le importazioni siriane di greggio. “Gli analisti hanno ampiamente previsto che l'Iran intensificherà gli sforzi per il passaggio di petrolio in Siria e al vicino Iraq con gli Stati Uniti che renderanno più difficile per Teheran spedirlo ai suoi pochi clienti rimasti, tra cui Cina, India e Turchia”, come spiega in un articolo la CNBC .

Sembra che l'ultima consegna iraniana della Siria sia stata compiuta grazie all'effetto "ghosting" - il che implica che le petroliere spengono i loro transponder.

Rapporti regionali hanno notato che negli ultimi giorni la crisi del carburante in Siria ha trovato sollievo a causa delle spedizioni segrete iraniane in arrivo la settimana scorsa.

Nel frattempo, il WSJ ha riferito in precedenza che il petrolio iraniano era stato consegnato di routine in Siria per gran parte della guerra, ma ora "le sanzioni statunitensi hanno tagliato le spedizioni petrolifere iraniane verso la Siria, portando un tributo senza precedenti a un flusso di greggio che era persistito in faccia delle restrizioni internazionali a lungo termine e ha contribuito a sostenere il regime di Assad in anni di guerra civile ".

La Casa Bianca attribuisce ancora fondamentalmente priorità all'indebolimento della Siria come cruciale nel suo obiettivo ultimo del cambio di governo a Teheran. In questo senso, la "lunga guerra" per la Siria potrebbe essere semplicemente nella sua fase intermedia, con il riscaldamento delle acque del Mediterraneo orientale e del Golfo Persico.

Notizia del: 11/05/2019

Nessun commento:

Posta un commento