L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 7 giugno 2019

La vendita delle armi è sempre redditizia

Gli USA cedono 34 droni Scaneagle agli alleati del Pacifico

6 giugno 2019 
di Redazione in News


L’amministrazione Trump ha fornito droni di sorveglianza a quattro alleati degli Stati Uniti nella regione del Mar Cinese Meridionale che disporranno così di una maggiore capacità di raccolta di informazioni e monitoraggio nei confronti dell’attività cinese nella regione.

Il Pentagono ha infatti annunciato la vendita di 34 droni tattici ScanEagle, prodotti dalla Boeing Co. ai governi di Malesia, Indonesia, Filippine e Vietnam per un totale di 47 milioni di dollari.


Le forniture, da completare nel 2022, includono parti di ricambio e manutenzione, riparazione, attrezzature di supporto, equipaggiamenti e formazione del personale locale.

Ben 12 i droni venduti alla Malesia per circa 19 milioni di dollari, l’Indonesia ne otterrà 8 come le Filippine mentre 6 andranno al Vietnam.

Nel 2018, l’amministrazione statunitense del presidente Donald Trump ha implementato la tanto attesa revisione della politica di esportazione di droni volta ad espandere le vendite agli alleati che in molti casi si sono rivolti ad altri paesi per dotarsi di velivoli teleguidati, in particolare alla Cina.

Tale iniziativa ha alleggerito le regole per l’esportazione di alcuni tipi di droni armati e disarmati fabbricati negli Stati Uniti come lo ScanEagle che non è armabile ma può imbarcare sensori e telecamere.

Fonte: Defence Web
Foto Boeing

Nessun commento:

Posta un commento