L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

venerdì 12 luglio 2019

Se si vuole veramente uscire dalla crisi economica dobbiamo prendere in considerazione le idee di Antonino Galloni e di Fabio Conditi

Crisi economica, al Senato il convegno organizzato dalla senatrice Ricciardi (M5s) 

Di redazione -12 Lug, 2019 


“Uscire dalla crisi economica: riflessioni e prospettive” è il titolo del convegno organizzato dalla senatrice del Movimento 5 Stella Sabrina Ricciardi presso il Senato della Repubblica martedì 16 luglio. L’appuntamento è presso la prestigiosa Sala Koch, a partire dalle ore 15.00. “Con dei relatori d’eccezione – spiega la senatrice Ricciardi – analizzeremo insieme le cause della crisi e le sue conseguenze nell’economia, dallo spread al debito pubblico, dalla mancanza di denaro per investimenti e occupazione all’impossibilità di garantire i livelli minimi essenziali. In realtà lo Stato ha ancora molti strumenti a disposizione per risolvere la crisi economica, avendo come obiettivo primario quello di favorire la crescita del Benessere Equo e Sostenibile di tutti i cittadini e delle imprese”. Durante l’incontro verranno illustrate alcune soluzioni potenzialmente attuabili per uscire dalla crisi economica, ovviamente nel rispetto dei Trattati Europei e della nostra legislazione. 

Interverranno i portavoce del Movimento 5 Stelle alle Camera e al Senato Mario Turco, Emiliano Fenu, Stanislao di Piazza, Elio Lannutti, Laura Bottici e Pino Cabras. La parte tecnica è invece affidata a Nino Galloni e a Fabio Conditi.

Nino Galloni, economista ed esperto di politica monetaria, ha un curriculum di grande spessore. E’ stato Professore presso la Luiss di Roma, l’Università degli Studi di Roma, l’Università Cattolica del Sacro Cuore, l’Università di Modena, e l’Università di Napoli. Ha ricoperto, inoltre, numerosi ruoli apicali, essendo stato nominato Sindaco all’OCSE, Presidente del centro studi monetari, Sindaco all’INPDAP, all’INPS, all’INAIL, nonché Direttore generale al Ministero del Lavoro alla Cooperazione, dell’Osservatorio sul Mercato del Lavoro, Politiche per l’Occupazione Giovanile e Cassa Integrazione Straordinaria nelle grandi imprese. Fabio Conditi, presidente di Moneta Positiva, da anni studia il sistema economico e monetario attuale, analizzando le cause della crisi economica e le soluzioni concrete e realizzabili per uscirne. Ha contribuito a fondare diversi gruppi territoriali che si occupano di economia. Con 3 libri all’attivo, è stato invitato ad oltre 100 incontri tecnici, a numerose trasmissioni televisive, ove ha avuto modo di ragionare sugli stessi temi che verranno affrontati al Senato.

Nessun commento:

Posta un commento