L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 22 agosto 2019

Gaza è Auschwitz - quando le prigioni si fanno troppo piene intervengono i condoni. Così gli ebrei aprono la prigione a cielo aperto di Gaza per permettere un reflusso fisiologico di uscita

Gaza: fonte, Israele 'incoraggia' l'emigrazione dalla Striscia
Chiesta la disponibilità a paesi del Medio Oriente di accoglierla

20 AGOSTO, 16:30

Decine di palestinesi attendono di attraversare il valico di Rafah e di recarsi in Egitto

TEL AVIV - Israele sta attivamente "incoraggiando" l'emigrazione dei palestinesi da Gaza. Lo ha sostenuto una fonte ufficiale anonima riferita dai media.

Secondo questa fonte, che ha parlato con i giornalisti durante la visita di Stato del premier Benyamin Netanyahu in Ucraina, Israele ha chiesto a Paesi non solo del Medio Oriente di accogliere gli emigrati da Gaza: tuttavia finora nessuno ha accettato. Dopo aver descritto la popolazione della Striscia ostaggio del regime di Hamas, la fonte ha sottolineato che Israele sarebbe disposto a rendere disponibile un proprio aeroporto per tutti i residenti di Gaza che intendano lasciare l'enclave palestinese. Oltre 35mila abitanti di Gaza hanno abbandonato nel 2018 la Striscia attraverso il valico di Rafah con l'Egitto: "un numero piuttosto alto", ha osservato la fonte.

Al momento non ci sono reazioni ufficiali nè israeliane, nè da parte di Hamas a Gaza".

Nessun commento:

Posta un commento