L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 4 agosto 2019

Trump massacra le nostre importazioni la Cina apre

Cina, via libera alle esportazioni di carni suine italiane

Grillo, 'sarà impulso importante alla nostra filiera'

Redazione ANSA 
03 agosto 201919:38

Cina, via libera alle esportazioni di carni suine italiane - 

Le Autorità Doganali cinesi (GACC) hanno confermato ufficialmente l'approvazione del certificato sanitario e della lista dei macelli abilitati a esportare in Cina carni suine congelate e sottoprodotti della macellazione di provenienza italiana. Con questi due passaggi si dà attuazione operativa al protocollo di intesa firmato a Roma lo scorso mese di marzo in occasione della visita in Italia del Presidente Xi Jinping. Lo rende noto il ministero della Salute.

Le relazioni tra i due Paesi, afferma il ministero, "registrano così un importante passo in avanti sul tema della reciproca fiducia nei sistemi di controllo ufficiale per la sicurezza alimentare. Le autorità cinesi hanno, infatti, concesso, per la prima volta, l'abilitazione di una lista di stabilimenti italiani senza che questi fossero ispezionati direttamente e specificatamente da personale ufficiale cinese, salvo successive verifiche. Le valutazioni sanitarie sono state delegate al sistema italiano e alla competente autorità del Ministero della Salute, grazie alla valorizzazione degli esiti positivi di visite ispettive effettuate in passato dalla controparte negli stessi stabilimenti di macellazione ora autorizzati".

Il risultato, sottolinea il dicastero della Salute, "è stato conseguito dal ministero - coadiuvato dai Servizi Veterinari del livello regionale e locale e con il prezioso e costante contributo dell'Ambasciata d'Italia a Pechino e delle Associazioni di categoria del settore - che si è impegnato dando priorità alle negoziazioni e rapido riscontro a tutte le richieste di parte cinese".

"Oggi tocchiamo con mano quanto siano ottime le relazioni con la Cina - afferma il ministro della Salute, Giulia Grillo - Raggiungiamo così un grande risultato per il nostro Paese, frutto della capacità di fare sistema. Penso che aprire le carni suine al mercato più grande del mondo darà un impulso importante alla nostra filiera".


Nessun commento:

Posta un commento