L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

domenica 8 settembre 2019

Diritto internazionale fottiti - anche la Danimarca invade la Siria

Pentagono: La Danimarca schiererà le sue truppe nella Siria nordorientale


L'esercito danese schiererà soldati nel nord-est della Siria per assistere la coalizione guidata dagli Stati Uniti nella lotta contro l'ISIS, ha annunciato il Pentagono, ieri, in una nota.

Il portavoce del Pentagono Jonathan R. Hoffman, capo del Dipartimento della Difesa, ha rilasciato, ieri, la seguente dichiarazione: "Gli Stati Uniti si rallegrano dell'annuncio del governo danese di effettuare uno schieramento militare in Siria a sostegno dell'operazione Inherent Resolve e di continuare a condividere l'onere e le responsabilità di questa importante missione."

Si aggiunge che "come membro fondatore della Global Coalition per sconfiggere l'ISIS, questo schieramento dimostra il costante impegno della Danimarca a lavorare con i nostri partner, per aiutare le FDS, per garantire che l'ISIS non possa riemergere."

Infine, il Pentagono ribadisce che "i nostri partner danesi lavoreranno con la residua forza militare americana nel nord-est della Siria per sostenere la stabilità e la sicurezza.

Non vediamo l'ora di lavorare con il nostro alleato danese per continuare la nostra missione condivisa di raggiungere la sconfitta duratura dell'ISIS in Siria e ovunque il gruppo possa operare."

Notizia del: 07/09/2019

Nessun commento:

Posta un commento