L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

mercoledì 11 settembre 2019

Diritto internazionale fottiti - Gli ebrei sconfinano e attaccano tranquillamente. Godono di impunità internazionale per le loro spregevoli azioni di distruzioni e morte attraverso bombardamenti sempre e rigorosamente umanitari

I jet russi Su-35 hanno nuovamente impedito gli attacchi aerei israeliani contro la Siria


La presenza dei jet Su-35 della Russia avrebbe impedito all'Aeronautica israeliana di condurre attacchi aerei nel sud della Siria ieri, secondo quanto riportato dalla pubblicazione aeronautica russa Avia.Pro .

Secondo il rapporto Avia.Pro, i jet russi Su-35S sono stati schierati con urgenza nel sud della Siria per intercettare un aereo israeliano e prevenire qualsiasi attacco all'interno di questa regione.

La pubblicazione afferma che l'aeronautica israeliana si stava preparando a lanciare attacchi aerei sulla Siria meridionale in risposta a un presunto attacco missilistico condotto dalle forze sostenute dall'Iran a Damasco.

"Secondo i dati preliminari, i caccia russi sono stati in grado di impedire che gli aerei israeliani colpissero la Siria meridionale in risposta a un presunto attacco missilistico sul territorio israeliano", ha riportato la pubblicazione.

"È noto che poche ore prima che i sistemi di difesa aerea siriani fossero messi in piena allerta per respingere gli attacchi missilistici israeliani, erano ovviamente i Su-35 russi che erano in grado di impedire agli aerei israeliani di effettuare l'attacco".

Avia.Pro ha affermato che questa non è la prima volta che i militari russi sono stati in grado di ostacolare gli atacchi israeliani, come è stato riportato già il mese scorso.

Ieri, un accampamento paramilitare iracheno nella città siriana di Albukamal è stato attaccato da un aereo sconosciuto.

Mentre alcuni affermano che sono stati uccisi fino a 18 combattenti, Hezbollah ha negato le notizie e ha accusato gli Stati Uniti e Israele di aver effettuato gli attacchi.

Né gli Stati Uniti né Israele hanno commentato queste accuse.

Notizia del: 10/09/2019

Nessun commento:

Posta un commento