L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 5 settembre 2019

E' guerra vera è guerra totale, niente illusioni - Trump forse non sta vincendo

La politica di Trump non può fermare la deindustrializzazione degli Stati Uniti


4 settembre 2019

La produzione statunitense si è contratta per la prima volta in tre anni ad agosto. Quindi la domanda per il presidente degli Stati Uniti Donald Trump è: i tuoi sforzi per riportare la produzione negli Stati Uniti sono stati ripagati?

Trump ha messo i lavori di produzione al centro della sua piattaforma economica da quando è entrato in carica. Descrive una bella immagine per gli statunitensi in cui decine di migliaia di persone hanno improvvisamente un lavoro mentre i produttori trasferiscono la produzione negli Stati Uniti e il settore manifatturiero del paese rimbalza con prodotti fabbricati al 100% negli Stati Uniti. Tuttavia, la situazione attuale non è così comoda.

Negli Stati Uniti è in arrivo una recessione manifatturiera. Sebbene Trump si sia vantato di creare posti di lavoro nel settore manifatturiero, il deficit commerciale degli Stati Uniti si è attestato a 72,3 miliardi di dollari a luglio. I produttori statunitensi hanno segnalato un ulteriore rallentamento della crescita complessiva ad agosto, con l'indice manifatturiero dell'Institute of Supply Management a 49,1, il livello più basso da gennaio 2016. La situazione potrebbe continuare a peggiorare a causa delle tensioni commerciali con la Cina.

I fornitori delle società statunitensi in Cina si stanno preparando a un enorme balzo dei costi con l'entrata in vigore delle tariffe sui beni cinesi. La Cina è una superpotenza della catena di approvvigionamento, che funge da fonte sicura di materie prime, parti e componenti o attrezzature di produzione per alcune fabbriche statunitensi.

Le tariffe statunitensi sulle importazioni dalla Cina aumentano i costi di produzione per i produttori statunitensi.

Il costo della produzione negli Stati Uniti è molto più elevato rispetto al resto del mondo a causa di molteplici fattori come lavoratori, salari e istruzione. Ora il problema è aggravato dalle tensioni commerciali. Esistono poche possibilità che il settore manifatturiero statunitense possa riprendersi.

Anche se Trump può trasformare gli Stati Uniti in una superpotenza produttiva, i prodotti statunitensi perderanno quote di mercato in Cina a causa delle tariffe di ritorsione della Cina.

La Cina è stata il terzo più grande mercato di esportazione di beni per gli Stati Uniti nel 2018. Le esportazioni di beni statunitensi in Cina sono state di 120,3 miliardi di dollari l'anno scorso, in calo del 7,4 per cento su base annua. La politica commerciale di Washington ha causato gravi danni alle esportazioni statunitensi, mettendo sotto pressione il suo settore manifatturiero.

La politica commerciale di Trump non può invertire la deindustrializzazione dell'economia nordamericana. Al contrario, ha accelerato questo processo. Con la guerra commerciale, la promessa di Trump di riportare negli Stati Uniti i lavori di produzione si rivelerà un discorso vuoto.

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Nessun commento:

Posta un commento