L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

giovedì 5 settembre 2019

Gli ebrei invasori imprigionano bambini non è la volontà del loro Dio

Ad agosto Israele arresta 450 palestinesi, tra cui 69 bambini

Evidenza - 5/9/2019


Territori palestinesi occupati-MEMO. Le forze d’occupazione israeliane hanno arrestato 450 palestinesi, tra cui 69 bambini e 13 donne, nel mese di agosto, secondo quanto riferito dal Centro di studi sui prigionieri palestinesi.

Il centro ha registrato 10 arresti a Gaza, incluso un pescatore fatto prigioniero mentre lavorava al largo della costa, secondo quanto affermato dal portavoce Riyadh Ashqar. Ha aggiunto che gli israeliani hanno arrestato otto bambini di Gaza, vicino al recinto di confine.

Altri palestinesi arrestati dalle forze israeliane includevano due fotoreporter, Hasan Dabbous e Abdel Muhsen Shalaldeh, fatti prigionieri dopo aver fatto irruzione nelle loro case e aver intimidito i loro figli. Anche un palestinese disabile, identificato come Jarrah Naser, è stato arrestato a Gerusalemme.

I nomi dei bambini arrestati da Israele sono: Mohammed Najeeb, di 10 anni; Mahmoud Hajajreh, 12 anni; Ali al-Taweel, 13 anni; e Yousef Abu Nab, anche lui di 13 anni. Una delle donne arrestate, ha sottolineato Ashqar, è la cittadina giordana Hiba Libdi, detenuta al valico di al-Karameh. Un’altra donna, la palestinese 59enne Siham Battat, è stata arrestata dalle autorità israeliane mentre era in viaggio per vedere suo figlio Haitham Battat, nella prigione israeliana di Hadarim.

Nessun commento:

Posta un commento