L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 16 settembre 2019

Gli Stati Uniti mancano completamente di sincerità nel mantenimento della pace globale e della sicurezza e stabilità regionali

La Cina espelle un cacciatorpediniere USA entrato in acque cinesi senza permesso


La Cina riferisce l'espulsione di un cacciatorpediniere americano dopo essere entrato in acque vicino alle Isole Paracelso.

Il portavoce del Ministero della Difesa cinese, il colonnello Li Huamin, ha riferito che le truppe della Marina e delle Forze aeree cinesi si sono recate sul posto, hanno identificato, indagato, messo in guardia ed espulso il cacciatorpediniere americano USS Wayne E. Meyer", dopo essere entrato nelle acque vicino alle isole Paracelso senza il permesso di Pechino.

"Da molto tempo, gli Stati Uniti ignorano le leggi e i regolamenti internazionali per esercitare una" egemonia navale "nel Mar Cinese Meridionale. Tali azioni hanno minato gravemente gli interessi sovrani della Cina e hanno dimostrato che gli Stati Uniti mancano completamente di sincerità nel mantenimento della pace globale e della sicurezza e stabilità regionali ", ha affermato Li.

Il portavoce ha ribadito che le forze cinesi avrebbero adottato tutte le misure necessarie per difendere in modo deciso la sovranità e la sicurezza nazionali e salvaguardare la pace e la stabilità nel Mar Cinese Meridionale.

Questo mare, sotto il quale vi sono vaste riserve di petrolio e gas, è in parte rivendicato da Taiwan, Brunei, Vietnam, Malesia e Repubblica delle Filippine.

La Cina rivendica in essa i suoi diritti sulle Isole Paracels e sette isole artificiali dell'arcipelago Spratly.

La regione è teatro di incessanti tensioni tra Cina e Stati Uniti. Negli ultimi anni, Washington ha inviato diverse volte navi da guerra vicino alle isole controllate da Pechino, con il pretesto di difendere la "libertà di navigazione".

Notizia del: 15/09/2019

Nessun commento:

Posta un commento