L'albero della storia è sempre verde

L'albero della storia è sempre verde

"Teniamo ben ferma la comprensione del fatto che, di regola, le classi dominanti vincono sempre perché sempre in possesso della comprensione della totalità concettuale della riproduzione sociale, e le classi dominate perdono sempre per la loro stupidità strategica, dovuta all’impossibilità materiale di accedere a questa comprensione intellettuale. Nella storia universale comparata non vi sono assolutamente eccezioni. La prima e l’unica eccezione è il 1917 russo. Per questo, sul piano storico-mondiale, Lenin è molto più grande di Marx. Marx è soltanto il coronamento del grande pensiero idealistico ed umanistico tedesco, ed il fondatore del metodo della comprensione della storia attraverso i modi di produzione. Ma Lenin è molto di più. Lenin è il primo esempio storico in assoluto in cui le classi dominate, sia pure purtroppo soltanto per pochi decenni, hanno potuto vincere contro le classi dominanti. Bisogna dunque studiare con attenzione sia le ragioni della vittoria che le ragioni della sconfitta. Ma esse stanno in un solo complesso di problemi, la natura del partito comunista ed il suo rovesciamento posteriore classistico, individualistico e soprattutto anti- comunitario" Costanzo Preve da "Il modo di produzione comunitario. Il problema del comunismo rimesso sui piedi"

lunedì 16 settembre 2019

Immigrazione di Rimpiazzo - la Ocean Viking deve essere sequestrata, fa la tratta degli schiavi già pronta ad un nuovo appuntamento con i barconi

M5S
Ocean Viking, 82 migranti sbarcati a Lampedusa: 58 saranno ripartiti tra 4 paesi Ue

ITALIASabato 14 Settembre 2019


Sono sbarcati al molo Favolara di Lampedusa gli 82 migranti trasbordati dalla nave Ocean Viking sulle motovedette di Guardia costiera e Guardia di Finanza. I naufraghi, soccorsi dalla nave ong verranno trasferiti all'hotspot dell'isola, come annunciato dal Viminale al sindaco Salvatore Martello.

Di questi 58 verranno ripartiti in paesi dell'Unione europea. Germania, Francia, Portogallo e Lussemburgo: sono questi i Paesi che al momento avrebbero aderito alla redistribuzione dei migranti della Ocean Viking a cura della Commissione europea. Lo si apprende da fonti di governo. Potrebbe arrivare la adesione dell'Irlanda ma ad ora, degli 82 a bordo, 58 migranti sarebbero ricollocati in altri Paesi (24 in Germania, 24 in Francia, 8 in Portogallo, 2 in Lussemburgo) mentre l'Italia si farebbe carico di 24 persone.

L'attesa per i naufragi a bordo di #OceanViking è finita:82 uomini, donne e bambini vengono ora trasferiti dalla Guardia Costiera Italiana a #Lampedusa.
In fuga dalla #Libia, sopravvissute alla micidiale traversata del #Mediterraneo, ora hanno finalmente raggiunto un posto sicuro https://twitter.com/msf_sea/status/1172980381366312960 …



Dopo 14 mesi di porti chiusi, l'Italia assegna quindi per la prima volta ad una nave delle Ong un approdo sicuro per accogliere i migranti soccorsi davanti alla Libia. La decisione del governo sembra dunque porre fine alla politica dei divieti e della guerra alle navi delle organizzazioni umanitarie da parte di Matteo Salvini, che infatti attacca il nuovo esecutivo Pd-M5s: «eccoli lì, porti aperti senza limiti - dice l'ex ministro dell'Interno - questi sono matti, è una resa a chi vuole fare dell'Italia il campo profughi d'Europa». Intanto un altro barcone con 78 migranti è da poco giunto a Lampedusa. A bordo, prevalentemente, ci sono camerunensi e tunisini che saranno condotti nell'hotspot dell'isola.



In realtà la questione è tutt'altro che risolta e non è detto che quando la prossima nave si presenterà davanti alle coste italiane - la stessa Ocean Viking ha già fatto sapere che tornerà immediatamente in zona Sar - le scelte saranno identiche, perché tra gli stessi alleati di governo le posizioni sono ancora distanti. Al Pd che esulta, con Dario Franceschini che parla della «fine della propaganda di Salvini sulla pelle dei disperati in mare», risponde infatti Luigi Di Maio. «C'è un grande equivoco sul fatto che sia stato assegnato un porto sicuro alla Ocean Viking - puntualizza il ministro degli Esteri - per il semplice motivo che noi lo abbiamo assegnato solo perché l'Europa ha deciso di aderire alla nostra richiesta di prendere gran parte di quei migranti». Come dire: senza accordo i migranti sarebbero rimasti ancora in mare. E anche l'intesa con i paesi europei è ancora tutta da definire. Perché non è ancora chiaro quali siano, a regime, i criteri della redistribuzione dei migranti. Germania e Francia accoglieranno solo i richiedenti asilo, come sempre sostenuto in passato, o tutti i migranti e dunque anche quelli economici, che invece per Parigi e Berlino dovrebbero rimanere nei centri dei Paesi di primo approdo in attesa del rimpatrio? Una questione di non poco conto visto che i due paesi si sono detti pronti ad accogliere una quota del 25% ciascuno, come nel caso della Viking. Questioni che, molto probabilmente, non troveranno una risposta prima del vertice del 23 settembre a La Valletta quando Malta, Italia, Francia e Germania tenteranno di trovare l'accordo politico per attuare quel «meccanismo temporaneo» che consenta di ridistribuire in automatico i migranti nei paesi disponibili senza dover ogni volta ricorrere a nuovi accordi. Il via libera allo sbarco arriva di prima mattina e viene accolto sulla nave da un lungo applauso dei migranti. 


Ma la Ocean Viking non entrerà a Lampedusa, formalmente per non limitare l'operatività dello stesso porto e dell'aeroporto dell'isola: gli 82 a bordo verranno trasferiti sulle motovedette della Guardia costiera e della Guardia di Finanza e poi trasferiti nell'hotspot di contrada Imbriacola per le procedure di identificazione. Una mossa che scatena la rabbia del sindaco di Lampedusa, Totò Martello. «Accoglienti sì, stupidi no. Questa decisione non ha alcun senso, chi decide dovrebbe studiare la geografia: la nave era più vicina a Porto Empedocle che non a Lampedusa e fra qualche giorno i migranti dovranno essere trasferiti, utilizzando il traghetto di linea per Porto Empedocle, dove invece avrebbero potuto sbarcare direttamente». Soddisfazione arriva invece dalle Ong. «Aver ricevuto il porto sicuro è una buona notizia - afferma il coordinatore di Sos Mediterranee Nicola Stalla - Ma dover aspettare da qualche giorno a qualche settimana non è accettabile. L'Ue crei un meccanismo efficace e prevedibile che garantisca porti sicuri per sbarcare le persone». Anche perché, a prescindere dalle navi delle Ong, i migranti continuano a partire: 32 tunisini sono arrivati da soli a Lampedusa su due barchini, dieci sull'isolotto di Lampione, mentre altri 70 sono stati soccorsi a bordo di una barca a vela davanti alle coste calabresi. Il che vuol dire due cose: che le 'navi madrè sono ancora operative e che la rotta est che dai Balcani porta via mare in Italia è sempre più attiva. ​​

Il Governo assegna un porto sicuro a #OceanViking e i migranti saranno accolti in molti Paesi europei. Fine della propaganda di Salvini sulla pelle di disperati in mare.Tornano la politica e le buone relazioni internazionali per affrontare e risolvere il problema delle migrazioni

BREAKING: le autorità Italiane hanno appena offerto a #OceanViking un porto sicuro di sbarco.
Dopo sei giorni dal primo soccorso, gli 82 naufraghi a bordo presto sbarcheranno a #Lampedusa.@MSF_Sea & @SOSMedIntl sono sollevate.



Ultimo aggiornamento: 15 Settembre, 14:36

Nessun commento:

Posta un commento